17 membri del Congresso arrestati durante la protesta della Corte Suprema, afferma la polizia del Campidoglio

Diciassette membri del Congresso sono stati tra gli arrestati martedì durante una manifestazione per il diritto all’aborto davanti alla Corte Suprema. secondo la polizia del Campidoglio degli Stati Uniti.

La polizia del Campidoglio degli Stati Uniti ha dichiarato di aver effettuato un totale di 35 arresti per affollamento, ostacolo o incomodo, tra cui 17 membri del Congresso. I manifestanti si erano appollaiati sulla First Street NE vicino all’edificio del Campidoglio, bloccando la strada. La polizia del Campidoglio ha affermato di aver emesso i tre avvertimenti standard prima di iniziare gli arresti.

Un portavoce della Rep.D. Ayanna Pressley del Massachusetts ha anche confermato più arresti di membri del Congresso e ha affermato che Pressley era tra gli arrestati. Il direttore delle comunicazioni di Pressley, Ricardo Sánchez, ha affermato che il suo arresto è stato un atto di “disobbedienza civile non violenta”. Rappresentante. Anche Katherine Clark, l’assistente democratica alla Camera, è stata arrestata.

Rappresentante. L’ufficio di Carolyn Maloney ha anche annunciato di essere tra i membri del Democratic Women’s Caucus arrestati vicino alla Corte Suprema.

Membri del Congresso arrestati durante la protesta per il diritto all'aborto a Washington
I rappresentanti Andy Levin (D-MI) e Rashida Tlaib (D-MI) sono detenuti durante una protesta per il diritto all’aborto fuori dalla Corte Suprema degli Stati Uniti a Washington, DC, USA, 19 luglio 2022.

SARAH SILBIGER/REUTERS


“Non c’è democrazia se le donne non hanno il controllo sul proprio corpo e sulle decisioni sulla propria salute, compresa la cura riproduttiva”, ha detto Maloney in una dichiarazione dopo l’arresto, secondo il suo ufficio. “Ho il privilegio di rappresentare uno Stato in cui i diritti riproduttivi sono rispettati e protetti: il minimo che posso fare è mettere il mio corpo in pericolo per i 33 milioni di donne che rischiano di perdere i loro diritti. Il Partito Repubblicano e gli estremisti di destra dietro questa decisione non ci sono pro-vita, ma pro-controllo dei corpi di donne, ragazze e qualsiasi persona che può rimanere incinta. Il loro obiettivo finale è istituire un divieto nazionale sull’aborto. Non lasceremo che vincano. Lo saremo Indietro.”

Un portavoce della Rep. Alexandria Ocasio-Cortez ha confermato di essere stata tra gli arrestati.

I sostenitori del diritto all’aborto – e quelli contrari al diritto all’aborto – hanno manifestato presso la Corte Suprema dalla decisione del tribunale di eliminare le protezioni contro l’aborto sotto Roe quasi un mese fa. La corte ha stabilito che l’aborto non è un diritto costituzionale.

I democratici sperano di sancire la protezione dell’accesso all’aborto nella legge, ma una misura del genere manca del sostegno del Senato secondo le regole attuali.

READ  Il 6 gennaio il comitato ha intentato una causa contro Giuliani e altri tre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *