Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l’Ucraina

L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki parla durante un briefing lunedì. (Patrick Semansky/AP)

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato lunedì che gli Stati Uniti hanno adottato misure “per affrontare qualsiasi impatto sui mercati globali, sui mercati petroliferi globali, che prevediamo potrebbe accadere, prevediamo che potrebbe accadere e potrebbe continuare ad accadere a causa del presidente L’invasione di Putin”.

Anche se ha rifiutato di soppesare dettagli specifici, dire a Phil Mattingly della CNN che lo fa “non sarebbe costruttivo per i nostri obiettivi generali”, ha citato Psaki recente visita dei funzionari in Arabia Sauditadicendo a Phil “c’è stata una discussione in corso sui passi che tutti noi possiamo intraprendere come comunità globale per affrontare qualsiasi volatilità nel mercato”.

Ha anche affermato che la decisione di sanzionare alcune delle più grandi banche russe e di respingere l’espulsione da SWIFT faceva parte di uno sforzo per garantire che le azioni “massimizzassero l’impatto sul presidente Putin, sull’élite russa, sull’economia, riducendolo al minimo sui mercati globali e il popolo americano”.

“Voglio dire, anche se guardi all’impatto sul settore energetico, sai, abbiamo preso provvedimenti, non abbiamo preso provvedimenti sulle sanzioni energetiche, in parte perché lo abbiamo valutato”, ha detto Psaki. “Ciò non significa che siano fuori dal tavolo, rimangono sul tavolo, ma gli europei, ad esempio, sono molto preoccupati per ulteriori picchi di prezzo del gas”.

Un po’ di contesto in più: Il prezzo del petrolio è salito sopra i 100 dollari al barile dopo che la Russia ha lanciato un’invasione dell’Ucraina, accumulando pressione su un’economia globale già vacillante per l’inflazione dilagante. La Russia è il n. 2 produttore di petrolio e uno dei principali esportatori di gas naturale. Le interruzioni dell’approvvigionamento potrebbero far aumentare i prezzi al dettaglio, rendendo più costoso per le persone in tutto il mondo rifornire di carburante le proprie auto e per gli europei riscaldare le proprie case. I prezzi della benzina sono già a livelli record in alcune parti d’Europa.

READ  Esclusivo: gli Stati Uniti focalizzeranno l'attenzione delle Nazioni Unite sulle proteste in Iran

“Quindi sanzionare l’energia influenzerebbe il flusso di reddito della Russia, certamente sarebbe un motivo per farlo, ma avrebbe anche conseguenze estreme sui mercati energetici mondiali, in particolare per i nostri alleati in Europa”, ha riconosciuto lunedì Psaki, aggiungendo che l’amministrazione ha “ulteriori passi che potremmo fare, ma prendiamo in considerazione tutti questi fattori mentre prendiamo decisioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *