Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l’Ucraina

La torre Spasskaya del Cremlino, a sinistra, e la Cattedrale di San Basilio, al centro, a Mosca, in Russia, il 15 febbraio. (Andrey Rudakov / Bloomberg / Getty Images)

Le compagnie internazionali stanno continuando a disimpegnarsi con la Russia dopo la sua continua invasione dell’Ucraina. Ciò include il numero di società di consulenza globali, comprese le quattro più grandi al mondo, che sono Deloitte, Ernst & Young, KPMG e PricewaterhouseCoopers.

Deloitte ha annunciato il 7 marzo che avrebbe smesso di operare in Russia e Bielorussia.

L’azienda ha detto:

Anche se sappiamo che questa è la decisione giusta, avrà un impatto su Deloitte [approximately] 3.000 professionisti dislocati in Russia e Bielorussia. Come altri, sappiamo che i nostri colleghi in Russia e Bielorussia non hanno voce in capitolo nelle azioni del loro governo”.

“Sosterremo tutti i colleghi coinvolti durante questa transizione e faremo tutto il possibile per assisterli in questo momento estremamente difficile”.

EYaltrimenti noto come Ernst & Young, ha anche affermato che rimuoverà la sua pratica russa dalla sua rete globale ufficiale, ma le consentirà di “continuare a lavorare con i clienti come un gruppo indipendente di società di revisione e consulenza”.

“EY in Russia è un team di 4.700 professionisti che lavorano in 9 città del paese. La società opera nel mercato russo da oltre 30 anni”, ha affermato.

Studio di consulenza e contabilità KPMG Internazionale ha affermato che le sue “ditte russe e bielorusse lasceranno la rete KPMG”.

“KPMG ha oltre 4.500 persone in Russia e Bielorussia e porre fine al nostro rapporto di lavoro con loro, molti dei quali fanno parte di KPMG da molti decenni, è incredibilmente difficile”, ha affermato la società.

“Questa decisione non riguarda loro, è una conseguenza delle azioni del governo russo. Siamo un’organizzazione guidata da uno scopo e da valori che crede nel fare la cosa giusta. ”

PricewaterhouseCoopers (PwC) ha anche in programma di rompere con le sue attività russe.

READ  Rivian ha buone e cattive notizie alla fine di una giornata difficile per i titoli di veicoli elettrici

“Come risultato dell’invasione dell’Ucraina da parte del governo russo, abbiamo deciso che, date le circostanze, PwC non dovrebbe avere una società membro in Russia e di conseguenza PwC Russia lascerà la rete”, ha affermato la società di consulenza “Big Four” in un dichiarazione.

“Il nostro obiettivo principale in PwC continua a fare tutto il possibile per aiutare i nostri colleghi ucraini e sostenere gli sforzi umanitari”, ha aggiunto.

“Siamo inoltre impegnati a lavorare con i nostri colleghi di PwC Russia per intraprendere una transizione ordinata per il business e con particolare attenzione al benessere dei nostri 3.700 colleghi in PwC Russia”.

Un’altra grande azienda, Accento, è anche interrompendo la sua attività in Russia in quanto “sta con il popolo ucraino”, ha affermato.

L’azienda ha annunciato la mossa la scorsa settimana in a dichiarazionedove ha ringraziato i suoi “quasi 2.300 colleghi in Russia per la loro dedizione e servizio ad Accenture nel corso degli anni”.

“Forniremo supporto ai nostri colleghi russi”, ha aggiunto la società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *