Air Glass di Oppo è un esperimento AR con una grande idea

Gli “occhiali dall’aspetto normale” sono il Santo Graal della realtà aumentata. Le principali aziende tecnologiche come Google e Intel si sono unite a startup come North e giganti dei social media come Snap nel tentativo di progettare qualcosa che le persone possano indossare sugli occhi senza sentirsi un vero strambo e, cosa più importante, senza mettere a disagio le persone intorno a loro. Nessuno ha decifrato questo codice dopo quasi un decennio di sforzi concertati, ma il produttore di telefoni cinese Oppo si sta almeno divertendo un po’ con la sfida.

All’inizio di quest’anno, Oppo ha lanciato Air Glass, un display head-up basato su occhiali per gli smartphone dell’azienda. Oppo non ha in programma di lanciare Air Glass al di fuori della Cina e vende solo in “quantità limitate”, dove Oppo sta già pianificando di sostituirlo con una versione di nuova generazione. È abbastanza costoso a 4.999 yuan (circa $ 745) e, come quasi tutti i dispositivi AR orientati al consumatore, è ancora più una demo che un prodotto.

Ma mentre molti esperimenti AR si concentrano sulla spinta alla pura capacità tecnica, Air Glass accetta alcuni chiari limiti hardware per giocare con un fattore di forma interessante. Dopo aver provato un set di occhiali e un telefono compatibile, ho trovato un’idea di design così ovvia che sono sorpreso di non averla vista più spesso, eseguita con una ruvidità che rende chiaro quanto lavoro è rimasto.

La guida d’onda di Oppo proietta qualsiasi colore del LED desiderato, purché sia ​​verde.
Foto di Adi Robertson / The Verge

L’AR è uno spettro e l’Air Glass cade sul lato della “semplice macchina di notifica”, non sugli ologrammi realistici che troverai in prodotti come Microsoft HoloLens. Il dispositivo è un obiettivo singolo dotato di un proiettore Micro LED monocromatico e di una guida d’onda che ne proietta la luce, oltre a un gambo in plastica con un piccolo altoparlante e un trackpad che accetta swipe, tocchi e pressioni.

Ma invece di essere integrato in modo permanente in un paio di occhiali, Air Glass offre un design in due pezzi. Il sistema sopra descritto ha una cavità magnetica poco profonda che ricorda vagamente una porta Apple MagSafe a metà lungo il gambo. Per usarlo, indossi un paio di montature per occhiali in metallo dal design personalizzato che hanno una sporgenza magnetica abbinata sull’asta. Le montature sono occhiali normali ma si adattano al sistema di lenti lungo il lato destro e hai un display AR monoculare Simile a Google Glass. Quando hai finito di usare il componente AR, usi quel divon magnetico per agganciarlo a una custodia di ricarica curva che assomiglia un po’ a un calzascarpeche a sua volta si ricarica tramite USB-C.

Quando accoppi l’Air Glass tramite Bluetooth con un telefono Oppo (di nuovo, solo per la Cina), otterrai un display verde che copre una piccola ma significativa parte della tua vista – per me, delle dimensioni del mio palmo .teneva un piede lontano dal mio occhio destro. La sovrapposizione virtuale sembra qualcosa che un cyborg assassino userebbe nel futuro distopico del 1995, ma in un modo per lo più buono: è ad alto contrasto, ragionevolmente visibile in tutto tranne che alla luce del sole ed evita di sentirsi come uno schermo del telefono sbiadito nel modo in cui alcuni display AR a colori lo fanno. Ho mantenuto il display dell’orologio illuminato continuamente per quasi tre ore senza esaurire la batteria e la custodia di ricarica dovrebbe mantenere una carica più vicina a 10 ore, anche se non sono mai riuscito a caricarla completamente e poi a scaricarla in una volta sola.

Adoro la teoria alla base del design di Oppo perché è una tattica forte per offrire molte opzioni di stile mitigando anche il perenne fattore di inquietudine AR. Nove anni fa, Google Glass metteva sempre una fotocamera e un sistema di proiezione costosi davanti agli occhi di chi li indossava, qualcosa che sembrava imbarazzante nella migliore delle ipotesi e presuntuosamente invasivo nella peggiore – ricorda quelli senza barre di vetro a San Francisco? Indossarli ti ha reso non solo una persona che possedeva un dispositivo elettronico, ma a Indossatore di Google Glassper usare il versione più educata del termine. Aziende come North hanno costruito più sottile occhiali da allora, ma sono ancora basati sull’idea di avere l’elettronica sul viso a tempo pieno.

Un set di occhiali Oppo AR si è staccato dalla montatura

L’obiettivo si stacca dalla montatura come un caricatore MagSafe.

Una vista laterale di un paio di occhiali Oppo AR

Una sporgenza di metallo sulla montatura mantiene l’obiettivo in posizione.

L’Air Glass, al contrario, è più simile a un auricolare per i tuoi occhi. Le protuberanze magnetiche a bassa tecnologia si fondono direttamente con le montature e sembrano facilmente aggiungebili a una varietà di stili. La tenuta magnetica tra l’apparato dell’obiettivo da 30 grammi e la montatura è abbastanza solida, ma è banalmente facile rimuovere la parte AR e incollarla nella custodia anche se indossi occhiali da vista a tempo pieno, rendendo chiaro che non lo fai avere uno schermo segreto attaccato alla tua faccia. È una soluzione che prende sul serio le preoccupazioni delle persone sulla privacy e sulla distrazione piuttosto che cercare semplicemente di nascondere la cosa di cui sono ansiose all’interno di un pacchetto più piccolo. Aiuta anche il fatto che questa generazione di Air Glass non abbia una fotocamera, anche se Oppo afferma di non escludere l’opzione per le versioni future.

L’interfaccia AR di Oppo si concentra su semplici applicazioni simili a widget sotto forma di “carte”, che gestisci dall’app per smartphone complementare. “Aprendo” una carta la lancia negli occhiali e puoi scorrere tra le carte con il trackpad laterale o accendere e spegnere il display degli occhiali toccandolo. Puoi anche premere a lungo gli occhiali per i comandi vocali o usare i gesti con uno smartwatch Oppo, cosa che non avevo.

Nella loro forma più semplice, le schede mostrano informazioni come l’ora o il tempo. Schede più complesse aprono indicazioni stradali passo passo utilizzando Baidu Maps, visualizzano traduzioni linguistiche quasi in tempo reale o caricano file di testo per creare un teleprompter AR. Dal momento che il teleprompter mostra in modo efficace solo il testo che desideri, puoi usarlo anche in modo più creativo: una sera ho cucinato la cena scrivendo la ricetta in un documento Word e usando gli occhiali come schermo a mani libere.

Una vista laterale del trackpad di Oppo Air Glass

Il trackpad passa da una scheda all’altra e commuta il display.

È un buon insieme di funzionalità eseguite intuitivamente ad alto livello, ma l’esperienza media è ancora molto approssimativa e per chiunque non parli cinese, utilizzabile solo per metà. Gli strumenti di navigazione passo-passo e i comandi vocali non sono stati implementati in inglese, quindi li ho sfogliati con l’aiuto di Google Translate e dei miei studi linguistici semi-dimenticati all’università. (Nelle mie limitate capacità, entrambi sembravano funzionali ma goffi.)

La traduzione automatica è limitata all’inglese e al cinese e non è così semplice come, ad esempio, quei bicchieri da vaporware Google ci ha chiesto di immaginare a maggio. Puoi premere un pulsante per far parlare una persona nel telefono accoppiato con una lingua e vederlo tradotto nel testo della seconda lingua sugli occhiali, quindi far parlare chi indossa gli occhiali e ottenere i risultati tradotti in modo simile in testo sul telefono. C’è anche un’opzione per due set di occhiali, ma non ho potuto provarlo.

Usando il sistema di traduzione parlando a me stesso in entrambe le lingue, il telefono aveva la tendenza a perdere tempo o a non riconoscere che avevo parlato dopo aver premuto il pulsante. Ci sono voluti diversi secondi per trascrivere e quindi tradurre anche brevi messaggi dal mio inglese nativo o dal mio mandarino molto arrugginito, il che non è un problema esclusivo di Oppo ma ricorda che la traduzione in tempo reale ha ancora dei limiti nel mondo reale.

Inoltre, il fatto che i telai non AR di Oppo siano abbastanza normali (anche se senza vetro per me, che mi ha fatto sembrare un insopportabile hipster che li indossa in pubblico) non rende il pacchetto totale meno ridicolo. Il design lente su lente degli occhiali sembra straordinariamente sciocco, soprattutto perché la montatura e la guida d’onda hanno forme completamente diverse nonostante Oppo li abbia progettati per funzionare insieme. Da angolazioni specifiche, gli occhiali mostreranno in modo chiaro e luminoso tutto ciò che è sullo schermo al mondo esterno, aumentando la loro atmosfera fantascientifica retrò. Il design è appena più pesante di indossare un paio di grandi occhiali da sole, ma si inclina da un lato, non abbastanza da infastidirmi come portatore, ma abbastanza da essere evidente dall’esterno. È intuitivo immaginare i designer di occhiali che costruiscono protuberanze magnetiche compatibili su diversi stili di montature, ma non è chiaro se l’obiettivo funzionerebbe ugualmente bene su varie forme e dimensioni.

E peggio ancora, ho avuto problemi persistenti, anche se minori, di comfort con l’ottica. Nelle prime ore con gli occhiali, sono diventato leggermente nauseato e ho sviluppato mal di testa pochi minuti dopo averli indossati. Il disagio sembrava migliorare nel tempo, ma i miei occhi si sentivano ancora tesi dopo averli indossati.

Occhiali Oppo Air Glass nel caricatore

La custodia di ricarica si collega tramite USB-C.

Una vista interna degli occhiali Oppo nel loro caricatore

Non è chiaro il motivo per cui la custodia non copre l’obiettivo.

Ho chiesto a Oppo del problema e la portavoce Krithika Bollamma ha notato che display monoculari come Air Glass e Google Glass può causare mal di testa per alcuni acquirenti. Tramite e-mail, esperto di ottica AR e KGOnTech scrittore Karl Guttag ha convenuto che il colpevole potrebbe essere il singolo obiettivo, con una distanza focale effettivamente focalizzata all’infinito. “Potresti avere un conflitto tra un occhio focalizzato all’infinito e l’altro occhio focalizzato sul mondo reale”, ha detto Guttag, suggerendo che potrei confermarlo cercando di mantenere l’altro occhio concentrato sulla distanza.

Questo segue la mia esperienza informale, in cui l’esecuzione di compiti a distanza ravvicinata come cucinare o guardare un monitor tende a far scattare la malattia mentre si cammina con indicazioni passo dopo passo non lo fa. (D’altra parte, ho usato Google Glass in modi simili senza alcun disagio.) Guttag ha anche suggerito che lo sfarfallio del Micro LED potrebbe causare malattie ad alcune persone, anche se ha detto che probabilmente avevo notato un problema con HoloLens 2. anche, qualcosa che non è stato un problema in passato.

Una vista frontale dell'Oppo Air Glass

Le cornici sembrano normali. Il monocolo sui telai… non proprio.

Non sono sicuro di quanto sia diffusa la mia reazione; mio marito ha indossato l’oculare Air Glass per circa 15 minuti, un periodo abbastanza lungo da farmi venire il mal di testa, senza incidenti. Non sono nemmeno sicuro di cosa lo stia causando poiché mi sono trovata bene con cuffie con design comparabili. Ma è un esempio delle complicazioni che l’hardware AR aggiunge all’informatica e del tipo di cosa che trattiene l’AR: il rischio che il dolore fisico sia una sorta di rottura per molti consumatori di tecnologia.

Oppo sembra immaginare l’Air Glass come una delle possibili gamme di dispositivi indossati sulla testa che le persone potrebbero acquistare. Non replica tutte le caratteristiche di qualcosa del genere Gli occhiali intelligenti di consumo di Nrealche ti consentono di guardare video in streaming e persino gioca ai giochi di Steam. Le versioni future dovrebbero ottenere il supporto per più colori, ma l’obiettivo non è un pacchetto di elaborazione all-in-one. È più simile all’equivalente degli occhiali di uno smartwatch.

Ma anche con tutti questi avvertimenti, incluso il fatto che quasi sicuramente non ne vedrò mai uno in vendita in America, usare l’Air Glass è un’esperienza stranamente interessante.. È un fattore di forma che giocatori di alto profilo come Apple e Meta non sembrano esplorare seriamente, affrontando alcune delle mie maggiori preoccupazioni con l’AR come piattaforma. E mentre l’intero campo degli occhiali di consumo è un grande esperimento, c’è molto spazio per diventare strani.

READ  Ime Udoka strappa "l'instabilità" dei Boston Celtics dopo aver lanciato un altro grande vantaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *