Alibaba punta ad aggiungere la quotazione primaria a Hong Kong, corteggiando gli investitori cinesi dopo la repressione

Un uomo passa davanti all’edificio degli uffici del gruppo Alibaba a Pechino, Cina, 9 agosto 2021. REUTERS/Tingshu Wang

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • Prevede di aggiungere la quotazione principale di Hong Kong entro la fine del 2022, mantenendo la quotazione di NYSE
  • Le azioni di HK salgono di quasi il 6%; mossa diversificherà la base di investitori -CEO
  • Visto l’aumento dell’accesso degli investitori della Cina continentale alle azioni Alibaba
  • In linea con la mossa, i dirigenti di Ant Group si dimettono dalla partnership con Alibaba

SHANGHAI/HONG KONG, 26 luglio (Reuters) – Alibaba (9988.HK) prevede di aggiungere una quotazione primaria a Hong Kong alla sua presenza a New York, rivolgendosi agli investitori della Cina continentale poiché diventa la prima grande azienda a trarre vantaggio da una modifica delle regole nell’hub finanziario per attirare aziende cinesi high-tech.

La mossa del colosso dell’e-commerce, annunciata martedì, arriva mentre Washington e Pechino rafforzano il controllo sulle quotazioni delle società cinesi e dopo che una devastante repressione normativa in Cina ha lasciato Alibaba con una multa di $ 2,8 miliardi e ha fatto fallire un’offerta pubblica iniziale (IPO) di la sua affiliata Ant Group.

Viene anche sullo sfondo di una disputa di revisione tra Cina e Stati Uniti, che minaccia di cacciare centinaia di società cinesi quotate a New York.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Gli analisti hanno affermato che il cambiamento dovrebbe offrire agli investitori della Cina continentale un accesso più facile alle azioni tramite un collegamento alla borsa di Hong Kong noto come Stock Connect. Le quotazioni secondarie a Hong Kong, come l’attuale quotazione di Alibaba, non sono consentite nel commercio di Stock Connect. leggi di più

READ  Neil Young minaccia di togliere le canzoni da Spotify per Joe Rogan: rapporto

Le azioni sono aumentate del 4,8% alla chiusura delle contrattazioni, mentre il benchmark di Hong Kong (.HSI) guadagnato l’1,7%.

“Essere in Stock Connect significa che sarà più conveniente per gli investitori della Cina continentale acquistare le azioni, quindi gli investitori sono felici di intervenire oggi e acquistare le azioni a Hong Kong”, afferma Louis Tse, amministratore delegato di Wealthy Securities.

Già presente alla borsa di Hong Kong con una quotazione secondaria dal 2019, Alibaba ha affermato di aspettarsi che la quotazione primaria venga completata entro la fine del 2022. L’amministratore delegato Daniel Zhang ha affermato che la doppia quotazione favorirebbe una “base di investitori più ampia e diversificata”.

La mossa arriva dopo che la Borsa di Hong Kong (HKEX) a gennaio ha modificato le sue regole per consentire alle società cinesi “innovative” – ​​che gestiscono un’attività Internet o altre attività high-tech – con diritti di voto ponderati o entità a interesse variabile (VIE) di svolgere elenchi principali della città.

Sotto una struttura VIE, una società cinese costituisce un’entità offshore per scopi di quotazione all’estero che consente agli investitori stranieri di acquistare azioni.

“Hong Kong è anche il trampolino di lancio per la strategia di globalizzazione di Alibaba e siamo pienamente fiduciosi nell’economia e nel futuro della Cina”, ha affermato Zhang, CEO di Alibaba.

SORPRENDENTE CRACKDOWN

Alibaba è stata quotata alla Borsa di New York nel settembre 2014, segnando quella che all’epoca era la più grande IPO della storia.

Dal 2020, il prezzo delle azioni della società è crollato in entrambi i mercati, poiché una vasta repressione normativa da parte di Pechino ha colpito le società tecnologiche cinesi.

READ  Nets, Kyrie Irving in un vicolo cieco; ultime su Miles Bridges; Note sul Draft NBA

Allo stesso tempo, le autorità di regolamentazione statunitensi hanno intensificato il controllo sui conti delle società cinesi quotate a New York, chiedendo maggiore trasparenza.

Sebbene di ampia portata, uno degli obiettivi principali della repressione della Cina sono state le autorità di regolamentazione che cercano di espandere il controllo delle offerte pubbliche.

L’anno scorso, le autorità cinesi hanno lanciato un’indagine sul colosso dei trasporti pubblici Didi Global subito dopo la sua quotazione a New York, citando problemi di privacy dei dati.

La società in seguito è stata cancellata dalla quotazione e ha iniziato i preparativi per la quotazione a Hong Kong, portando gli analisti a interpretare l’indagine come guidata dal desiderio da parte di Pechino che le società ricche di dati si quotassero a livello nazionale.

DISACCOPPIAMENTO DEL GRUPPO FORMICA

Alibaba si è trovata in un mirino simile anche quando le autorità di regolamentazione hanno interrotto bruscamente la prevista IPO da 37 miliardi di dollari di Ant Group a Hong Kong e Shanghai alla fine del 2020.

In concomitanza con l’annuncio della sua doppia quotazione primaria, Alibaba ha dichiarato martedì nel suo rapporto finanziario annuale che diversi dirigenti di Ant Group si sono dimessi dai loro incarichi nella partnership di Alibaba, uno dei massimi organi decisionali per il gigante dell’e-commerce. leggi di più

Le partenze fanno parte di un continuo disaccoppiamento della divisione fintech da Alibaba, stimolato dall’IPO fallita. leggi di più

Justin Tang, capo della ricerca asiatica presso il consulente per gli investimenti United First Partners a Singapore, ha affermato che la decisione di Alibaba aumenterebbe le azioni della società grazie alla sua potenziale inclusione in Stock Connect.

READ  Westminster Dog Show: foto e aggiornamenti in tempo reale

“Per quanto riguarda altre quotazioni tecnologiche di tipo simile, questo sarà il playbook per le società che cercano di proteggersi dal rischio normativo che le società cinesi stanno affrontando sulle borse statunitensi”, ha affermato.

Per passare a una doppia quotazione primaria, l’HKEX ha affermato che le società devono avere un buon track record di almeno due anni finanziari completi quotati all’estero e una capitalizzazione di almeno HK $ 40 miliardi ($ 5,10 miliardi) o un valore di mercato di a almeno 10 miliardi di HK$ più un fatturato di almeno 1 miliardo di HK$ per l’ultimo esercizio finanziario.

($ 1 = 7,8493 dollari di Hong Kong)

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Josh Horwitz a Shanghai e Scott Murdoch a Hong Kong; Segnalazione aggiuntiva di Anshuman Daga a Singapore; Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *