Biden svela il piano di migrazione, chiudendo il vertice delle Americhe agitato dalla divisione

LOS ANGELES, 10 giugno (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e gli altri leader dell’emisfero occidentale hanno presentato venerdì una nuova serie di misure per affrontare la crisi migratoria regionale, cercando di salvare un vertice delle Americhe sconvolto dalla divisione.

Gli assistenti di Biden avevano pubblicizzato la dichiarazione sulla migrazione come un fulcro del Vertice delle Americhe ospitato dagli Stati Uniti e 20 paesi si sono uniti a lui per una presentazione cerimoniale del piano, anche se molti altri sono rimasti alla larga.

A coronamento dell’ultimo giorno del vertice, la Casa Bianca ha promosso una serie di migrante programmi concordati dai paesi dell’emisfero e dalla Spagna, partecipando in qualità di osservatore, che ha promesso un approccio più cooperativo. Ma gli analisti erano scettici sul fatto che gli impegni fossero abbastanza significativi da fare una differenza significativa.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Tali misure includono gli Stati Uniti e il Canada che si impegnano a prendere più lavoratori ospiti, fornendo percorsi alle persone dei paesi più poveri per lavorare in quelli più ricchi e altri paesi che accettano una maggiore protezione per i migranti. Il Messico accetterà anche più lavoratori centroamericani, secondo una dichiarazione della Casa Bianca.

“Stiamo trasformando il nostro approccio alla gestione della migrazione nelle Americhe”, ha affermato Biden. “Ognuno di noi sta sottoscrivendo impegni che riconoscono le sfide che tutti condividiamo”.

Le bandiere di 20 paesi, molte in meno rispetto al numero dei partecipanti al vertice, hanno addobbato il palco in cui Biden ha guidato il lancio. Ma quel numero è stato raggiunto solo dopo giorni di pressioni statunitensi.

È stato un altro segno delle tensioni che hanno rovinato il vertice, minando gli sforzi di Biden per riaffermare la leadership degli Stati Uniti e contrastare la crescente impronta economica della Cina nella regione.

READ  Il servizio di streaming CNN + si spegnerà settimane dopo il suo inizio

Quel messaggio è stato offuscato da un boicottaggio da parte di diversi leader, incluso il presidente del Messico, per protestare contro l’esclusione da parte di Washington degli antagonisti statunitensi di sinistra Cuba, Venezuela e Nicaragua. La formazione è stata ridotta a 21 capi di stato e di governo in visita.

L’amministrazione, di fronte a un flusso record di migranti illegali al confine meridionale, ha impegnato centinaia di milioni di dollari in aiuti per i migranti venezuelani, ha rinnovato l’elaborazione dei visti familiari per cubani e haitiani e ha facilitato l’assunzione di lavoratori centroamericani. leggi di più

Gli annunci facevano parte della presentazione del patto guidato dagli Stati Uniti soprannominato la “Dichiarazione di Los Angeles” e mirava a diffondere la responsabilità in tutta la regione per contenere il problema della migrazione.

Il piano culmina in un vertice progettato per ristabilire l’influenza degli Stati Uniti tra i suoi vicini meridionali dopo anni di relativo abbandono sotto l’ex presidente Donald Trump. Biden ha proposto una partnership economica per aiutare la ripresa dalla pandemia nella regione, anche se sembra essere un lavoro in corso.

Ma giovedì all’apertura del vertice, i leader dell’Argentina e del piccolo Belize hanno rimproverato Biden per la lista degli invitati, sottolineando la sfida che la superpotenza globale deve affrontare per ripristinare il suo status tra i vicini più poveri.

Venerdì, Cile, Bolivia, Bahamas, St. Lucia, Barbados e Antigua e Barbuda si sono unite alle critiche, sebbene Biden non fosse presente.

“Nessuno dovrebbe escludere un altro Paese”, ha detto dal podio il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard, al posto del presidente Andres Manuel Lopez Obrador.

Le sessioni di questa settimana hanno suonato regolarmente alla marcia “The Liberty Bell” del compositore statunitense John Philip Sousa, resa popolare dal classico spettacolo comico britannico “Monty Python’s Flying Circus”.

‘QUI NON C’È NULLA’

I funzionari statunitensi si sono dati da fare fino all’ultimo minuto per convincere i governi scettici a sostenere il piano.

I leader hanno promesso nella dichiarazione “di rafforzare gli sforzi nazionali, regionali ed emisferici per creare le condizioni per una migrazione sicura, ordinata, umana e regolare”.

In piedi insieme ai colleghi leader, Biden ha chiesto che “la migrazione illegale non è accettabile” e ha espresso la speranza che altri paesi si unissero al piano.

Eric Olson, direttore delle politiche presso la Seattle International Foundation, ha definito la dichiarazione un “quadro utile”, ma ha affermato che probabilmente avrebbe effetti limitati a breve termine perché non è vincolante.

Alcune iniziative elencate dalla Casa Bianca sono state annunciate in precedenza. Gli assistenti di Biden hanno lanciato il piano di immigrazione in parte per aiutare ad alleviare la carenza di manodopera negli Stati Uniti.

Jorge Castaneda, un ex ministro degli Esteri messicano, ha affermato che le promesse delle Americhe dovrebbero consentire a Washington di sostenere di aver assicurato importanti impegni, un “plus politico” interno per Biden. Ma ha aggiunto: “Sulla sostanza, qui non c’è niente”.

Il Messico, il cui confine con gli Stati Uniti è il principale punto di migrazione, ha sostenuto la dichiarazione, nonostante la mancata presentazione di Lopez Obrador.

READ  Futures Dow Jones: rally di mercato anche se i rendimenti aumentano, per ora; Tesla rivale Xpeng alla spina

L’assenza dal vertice dei leader di Guatemala, Honduras ed El Salvador – il Triangolo del Nord da cui provengono molti migranti – ha sollevato dubbi sull’efficacia degli impegni. Funzionari statunitensi hanno chiesto che l’affluenza alle urne non ha impedito a Washington di ottenere risultati.

La dichiarazione comprende gli impegni di una serie di paesi, tra cui Messico, Canada, Costa Rica, Belize ed Ecuador. Non si è parlato, tuttavia, delle promesse del Brasile, la nazione più popolosa dell’America Latina.

L’annuncio non includeva alcuna promessa degli Stati Uniti per visti di lavoro aggiuntivi per i messicani. Ciò farebbe parte della visita di Lopez Obrador con Biden il mese prossimo, ha detto un funzionario.

La Spagna si è impegnata a “raddoppiare il numero di percorsi di lavoro” per gli honduregni, ha affermato la Casa Bianca. Il programma di lavoro temporaneo di Madrid coinvolge 250 honduregni, suggerendo che si prevede solo un piccolo aumento.

Il freno alla migrazione irregolare è una priorità per Biden. I repubblicani, cercando di riprendere il controllo del Congresso alle elezioni di novembre, hanno messo alla berlina il presidente democratico per aver invertito le politiche restrittive sull’immigrazione del repubblicano Trump.

Ma la migrazione ha dovuto competere con le altre grandi sfide di Biden, tra cui l’inflazione elevata, le sparatorie di massa e la guerra in Ucraina.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti di Humeyra Pamuk, Daina Beth Solomon, Dave Graham, Matt Spetalnick, Trevor Hunnicutt, Lisanda Paraguassu e Ted Hesson; scrittura di Matt Spetalnick; Montaggio di Jonathan Oatis, Alistair Bell e Grant McCool

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *