Dow aumenta mentre gli investitori guardano all’Ucraina, ai tassi di interesse

Le azioni statunitensi sono aumentate, mentre anche i prezzi del petrolio sono aumentatimentre gli investitori analizzavano le testimonianze sui piani della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse e osservavano gli aggiornamenti dall’Ucraina.

L’S&P 500 è salito di 80,28 punti, o dell’1,9%, a 4386,54, un giorno dopo il l’indice di riferimento è sceso dell’1,6%. Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato 596,40 punti, o 1,8%, a 33891,35 e il Nasdaq Composite Index incentrato sulla tecnologia ha aggiunto 219,56 punti, o 1,6%, a 13752,02.

I progressi di mercoledì sono stati su larga scala, con 10 degli 11 settori dell’S&P 500 in aumento dell’1% o più. Cinque sono aumentate di oltre il 2%.

Nonostante la guerra in corso in Ucraina e l’aumento dei prezzi del petrolio, gli investitori si sono concentrati sui tassi di interesse. Il presidente della Fed Jerome Powell, presentandosi davanti alla commissione per i servizi finanziari della Camera, ha detto che avrebbe proposto un aumento del tasso di un quarto di punto percentuale alla riunione della banca centrale tra due settimane. Ciò ha alleviato le preoccupazioni di Wall Street sul fatto che la Fed avrebbe aumentato i tassi di mezzo punto percentuale.

I rendimenti dei buoni del Tesoro a 10 anni di riferimento sono saliti all’1,862%, dall’1,708% di martedì, il più grande aumento di rendimento di un giorno dal 18 marzo 2020. I rendimenti e i prezzi delle obbligazioni si muovono in direzioni opposte.

Le azioni sono state volatili negli ultimi giorni poiché gli investitori hanno seguito le escalation nel guerra condotta dalla Russia in Ucraina oltre che domestico notizie sull’economia e inflazione.

Gli investitori stanno rispondendo alla rapida evoluzione sviluppi sul campo di battaglia, una raffica di sanzioni occidentali contro Mosca e le grandi compagnie che tagliano i legami con la Russia. Aumentando i prezzi dell’energia, il conflitto ha accresciuto l’incertezza riguardo al probabile andamento dei tassi di interesse statunitensi quest’anno.

READ  Incidente in elicottero della polizia: l'agente muore dopo che un elicottero della polizia si è schiantato nel sud della California, afferma la polizia

Il guadagno di mercoledì ha segnato la sesta mossa dell’S&P 500 di oltre l’1%, in entrambe le direzioni, nelle ultime sette sessioni, ha affermato Frank Cappelleri, direttore esecutivo dell’intermediazione Instinet. Questi tipi di mosse a frusta riflettono un mercato fragile, ha affermato.

“Non abbiamo visto grandi mosse come questa in due anni”, ha detto, riferendosi ai primi giorni della pandemia.

Principali indici statunitensi sono stati relativamente resistenti dall’invasione russa dell’Ucraina, con l’S&P 500 in rialzo del 3,8% e il Nasdaq in rialzo del 5,5%. Tuttavia, l’impennata dei prezzi del petrolio minacciano di scatenare una maggiore volatilità tra i mercati e le azioni sono ancora in una fase discendente generale che risale allo scorso anno, Mr. disse Cappelleri.

Inoltre, alcune tendenze attuali del mercato – come il petrolio che guida altri asset o l’aumento dei tassi di interesse – non si vedono da anni o decenni, ha osservato. “Pochissimi investitori hanno vissuto in un contesto di tassi in aumento”, ha affermato. Cappelleri.

L’aumento dei prezzi del petrolio rappresenta un mal di testa per le banche centrali già alle prese con i tassi di inflazione più rapidi degli ultimi decenni.

Mercoledì i mercati energetici hanno esteso la loro rapida avanzata. I prezzi del greggio negli Stati Uniti sono aumentati di oltre $ 110 al barile per la prima volta dal 2014 quando le raffinerie si sono rifiutate di acquistare petrolio russo, prendendo un morso dalle forniture energetiche globali. Il greggio statunitense è salito del 7% a $ 110,60. Ha guadagnato il 21% nelle ultime tre sessioni, il più grande aumento percentuale in tre giorni dal 18 maggio 2020.

Conflitti come l’invasione russa dell’Ucraina hanno storicamente abbassato i prezzi delle azioni e aumentato il valore di alcune materie prime. Dion Rabouin di WSJ spiega la psicologia degli investitori che sta muovendo i mercati. Foto: Justin Lane/EPA-EFE/Shutterstock

“Gli effetti a catena [across markets] dipendono fortemente dall’aumento dei prezzi del petrolio “, ha affermato Craig Erlam, analista di mercato senior di Oanda. “Se i prezzi del petrolio iniziano a salire a $ 120, inizieremo a vedere molto più parlare delle conseguenze economiche a livello globale di queste sanzioni”.

Il settore finanziario è stato il migliore nella sessione, in rialzo di circa il 2,6%, cancellando circa la metà delle perdite di inizio settimana.

Berkshire Hathaway

è aumentato del 2,2% a $ 323,64,

JP Morgan

guadagnato il 2,1% a $ 139,28,

Banca d’America

è salito dell’1,6% a $ 43,16 e

Wells Fargo

è aumentato del 3,8% a $ 52,22.

Il settore energetico è cresciuto del 2,2%. Le compagnie energetiche trarranno vantaggio dai prezzi dell’energia più elevati, anche se lavorano per districarsi dalla Russia.

Exxon

detto questa settimana fermerebbe le operazioni a un progetto multimiliardario di petrolio e gas in Russia e non farebbe ulteriori investimenti nel paese.

Exxon Mobil è salita dell’1,7% a $ 80,53,

Chevron

è salito del 3% a $ 154,14 e

ConocoPhillips

aggiunto 1,1% a $ 98,04.

Tra gli altri nomi aziendaliazioni di

Nordstrom

è balzato del 38% a $ 26,93 dopo che il rivenditore ha previsto guadagni più forti del previsto quest’anno.

Hewlett Packard Enterprise

ha aumentato le sue previsioni sugli utili per l’anno, portando le azioni del 10% a $ 16,99.

In Europa, lo Stoxx Europe 600 pancontinentale è aumentato dello 0,9%. In Russia, la negoziazione di azioni e derivati ​​è stata chiusa per il terzo giorno questa settimana. Il rublo russo è sceso dello 0,7% rispetto al biglietto verde, scambiando a 111,25 per dollaro USA, contro 83 di venerdì.

I prezzi sono balzati in altre sacche del mercato energetico legate alla Russia. I prezzi del gas naturale in Europa sono aumentati del 37%. Finora ci sono state interruzioni minime al sistema di gasdotti in Ucraina, attraverso il quale scorre circa un terzo delle esportazioni di gas russe verso l’Europa, secondo gli analisti.

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati guidati dalla Russia hanno concordato mercoledì di aumentare la loro produzione collettiva di altri 400.000 barili al giorno ad aprile, in linea con quanto concordato lo scorso anno. Ciò è avvenuto dopo che gli Stati Uniti e le altre principali nazioni consumatrici di petrolio hanno dichiarato che avrebbero rilasciato 60 milioni di barili di petrolio dalle loro scorte di emergenza.

L’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato di voler inviare “un messaggio unificato e forte ai mercati petroliferi globali che non ci sarà carenza di forniture a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina”.

I commercianti hanno ridimensionato le aspettative per il numero di aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve quest’anno.


Foto:

Michael Nagle / Zuma Press

Nel mercato delle criptovalute, bitcoin si è stabilizzato mercoledì a $ 43.950, secondo Dow Jones Market Data, in rialzo dello 0,2%. L’invasione russa dell’Ucraina è aumentata domanda di criptovalute in entrambi i paesiaiutando a far salire il prezzo del bitcoin.

Le azioni in Asia sono per lo più diminuite. Il giapponese Nikkei 225 ha perso l’1,7% e l’indice Hang Seng di Hong Kong ha chiuso in ribasso dell’1,8%. Kospi della Corea del Sud, al contrario, ha aggiunto lo 0,2%.

Scrivi a Paul Vigna a Paul.Vigna@wsj.com, Joe Wallace a joe.wallace@wsj.com e Caitlin McCabe a caitlin.mccabe@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *