Eileen Gu vince il secondo oro, la terza medaglia

PECHINO – La leggenda di Eileen Gu continua a crescere in Cina.

Gu, lo sciatore freestyle di origine americana che ora gareggia per la Cina, aveva già vinto una medaglia d’oro e una d’argento a queste Olimpiadi. Venerdì mattina, sotto un cielo azzurro ghiaccio e con temperature sorprendentemente calde – per la pista di montagna – di 12 gradi Fahrenheit, Gu è caduta nell’halfpipe per il suo terzo e ultimo evento dei Giochi.

Due run stellari dopo, aveva conquistato il suo secondo oro alle Olimpiadi e la sua statura in Cina era cresciuta incommensurabilmente.

In Cina, Gu è il volto di questi Giochi, la sua immagine e somiglianza che appaiono sui cartelloni pubblicitari, negli spot pubblicitari e sulle onnipresenti borse della spesa ufficiali delle Olimpiadi di Pechino. È un’eroina per milioni di ragazze in Cina e ha detto che la sua missione è ispirarle e portare gli sport invernali in una nazione normalmente non nota per il suo amore per la neve.

Ma con la sua immagine in crescita sono arrivate polemiche, con molti critici americani che hanno messo in dubbio la sua decisione di sciare per il paese di nascita di sua madre, insieme a domande senza risposta sulla verità del suo stato di cittadinanza. Gu ha rifiutato risolutamente di rispondere a tutte le domande sulla sua cittadinanza o su altre questioni geopolitiche a questi Giochi.

Invece, Gu l’ha fatta parlare con gli sci. Ha vinto facilmente l’oro in Big Air all’inizio dei Giochi, quindi ha mancato di poco un secondo a slopestyle.

Gu considera l’halfpipe il suo miglior evento e in qualifica lo ha dimostrato, registrando il miglior punteggio di tutte le concorrenti e guadagnandosi il diritto di sciare per ultima nelle finali a tre manche. Sembrava che avesse perso un po’ di slancio alla sua prima corsa, non proprio scavando il cielo come ha fatto negli eventi precedenti. Ma anche questo è bastato per guadagnarsi il primo posto dopo il round iniziale; il suo punteggio di 93,25 ha attirato rauchi applausi dai fan pesantemente cinesi raccolti alla base dell’halfpipe.

READ  Dipartimento di Giustizia Sequestra 3,6 miliardi di dollari in bitcoin e arresta una coppia di coniugi

La sua seconda run è stata ancora migliore, guadagnando un 95.25 e portandola a più di cinque punti di vantaggio sui suoi sfidanti più vicini. Ciò ha retto per il resto dell’evento e Gu ha vinto il suo secondo oro ai Giochi.

Gu è ora il primo sciatore freestyle a vincere tre medaglie in una singola Olimpiade. Cassie Sharpe e Rachel Karker, entrambe canadesi, hanno vinto rispettivamente l’argento e il bronzo. L’estone Kelly Sildaru, insieme a Gu, è l’unica altra donna a gareggiare in tutte e tre le discipline del freeski, finendo appena fuori dal podio al quarto posto.

Tra gli americani, Hannah Faulhaber è arrivata sesta, Brita Sigourney è arrivata 10a e Carly Margulies è arrivata 11a.

La cinese Eileen Gu esegue un trucco durante la finale del freeski halfpipe alle Olimpiadi invernali al Genting Snow Park il 18 febbraio 2022 a Zhangjiakou, in Cina. (Liu Lu / VCG tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *