Elon Musk afferma di aver messo a disposizione 46,5 miliardi di dollari di finanziamento per l’accordo su Twitter

Musk ha detto di avere lettere di impegno per finanziare l’accordo, comprese due lettere di impegno di debito di Morgan Stanley e altre istituzioni finanziarie senza nome e una lettera di impegno di equità da lui stesso, secondo un deposito presso la Securities and Exchange Commission giovedì.

Musk ha dichiarato nel deposito di non aver ancora ricevuto alcuna risposta formale dal consiglio di amministrazione di Twitter al suo offerta di acquisire tutte le sue azioni che attualmente non possiede per 54,20 dollari a pezzo, un affare che valuterebbe la società intorno ai 41 miliardi di dollari. Ha detto che sta “cercando di negoziare” un accordo di acquisizione definito ed “è pronto ad avviare tali negoziati immediatamente” – un’apparente inversione di tendenza dalla sua dichiarazione nella sua lettera di offerta di acquisizione secondo cui sarebbe stata la sua offerta “migliore e finale”.
Domande sul fatto che Musk sarebbe stato effettivamente in grado di finanziare la sua acquisizione di Twitter vorticosamente nei giorni successivi alla sua offerta pubblica di acquisto, in particolare dopo che ha detto in un’intervista il giorno della sua offerta che “non sono sicuro di poter effettivamente acquisire [Twitter]. ”

Sebbene sia la persona più ricca del mondo, gran parte della ricchezza di Musk è legata alle azioni Tesla e alcuni seguaci della società hanno ipotizzato che potrebbe essere difficile per Musk aumentare il debito contro le azioni storicamente volatili.

Sebbene il consiglio di amministrazione di Twitter non abbia risposto formalmente all’offerta di Musk, ha implementato un cosiddetto pillola velenosa venerdì, una misura difensiva che potrebbe rendere più difficile per lui (o qualsiasi altro investitore) acquistare o acquisire una partecipazione di controllo nella società senza la sua approvazione.

Musk ha dichiarato nella sua dichiarazione di giovedì che sta “esplorando” se lanciare un’offerta pubblica di acquisto – una mossa per acquistare azioni Twitter in massa direttamente dagli azionisti che potrebbe esercitare ulteriore pressione sul consiglio – ma “non ha determinato se farlo in questo momento tempo. ” Musk ha precedentemente accennato alla possibilità di un’offerta pubblica in diversi tweet ironici recenti, incluso uno con una parola da riempire seguita da “è la notte”.

READ  Partita del campionato AFC: Cincinnati Bengal vs Kansas City Chiefs - Live! | Gli sport

Morgan Stanley non ha risposto immediatamente alle richieste di commento. In una dichiarazione, Brenden Lee, portavoce di Twitter, ha affermato che la società ha ricevuto la “proposta aggiornata e non vincolante” da Musk e le “nuove informazioni sul potenziale finanziamento”.

“Come precedentemente annunciato e comunicato direttamente al Sig. Musk, il Consiglio si impegna a condurre una revisione attenta, completa e deliberata per determinare la linea di condotta che ritiene sia nel migliore interesse della Società e di tutti gli azionisti di Twitter”, ha affermato Lee . .

Twitter (TWTR) le azioni sono aumentate di circa l’1% a poco più di $ 47 giovedì mattina dopo il deposito prima di rinunciare a quei guadagni. Rimane ben al di sotto dell’offerta di Musk di $ 54,20 per azione, il che potrebbe indicare un certo scetticismo degli investitori sulla probabilità che l’accordo vada a buon fine.
Musk si era già trovato in acqua calda dopo aver affermato su Twitter nel 2018 di essersi assicurato finanziamenti da prendere Tesla (TSLA) privato a $ 420 per azione, quando l’agenzia ha detto che in realtà non l’ha fatto. Musk alla fine ha accettato di a $ 20 milioni di insediamento con la SEC, che ha stabilito che si dimettesse dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione di Tesla e ha alcuni tweet sulla società pre-approvati dagli avvocati. (Musk ha recentemente raddoppiato dicendo che aveva dei finanziamenti assicurati, spingendo a deposito del tribunale da un gruppo di azionisti di Tesla che hanno citato in giudizio il CEO di Tesla che vogliono che un giudice gli metta la museruola.)
Ci sono anche segnali che altri potenziali offerenti per Twitter potrebbero essere in orbita. Reuters segnalato la scorsa settimana quella società di acquisizione Thoma Bravo si era avvicinata a Twitter per fare potenzialmente la propria offerta di acquisizione per rivaleggiare con quella di Musk. (Thoma Bravo in precedenza ha rifiutato di commentare il rapporto.) Anche la società di gestione patrimoniale e di prestito Apollo Global Management è stata contattata da diverse parti che stavano valutando offerte per Twitter su un potenziale aiuto nel finanziamento di un accordo, ha confermato una fonte familiare con l’azienda alla CNN Business Monday , anche se non è chiaro se siano parti di un’offerta collegata a Musk o altri offerenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *