‘Enorme scontro a fuoco’ per difendere i villaggi del New Mexico, città dalle fiamme

TAOS, NM, 1 maggio (Reuters) – Migliaia di residenti dei villaggi del New Mexico settentrionale sono stati evacuati domenica a causa dei forti venti che hanno spinto il più grande incendio attivo degli Stati Uniti verso la loro valle di montagna arida dalla siccità.

I venti con raffiche di oltre 40 mph (64 km/h) hanno soffiato le braci un miglio prima dell’incendio per appiccare nuovi incendi mentre i bulldozer hanno scavato barriere tagliafuoco per proteggere i villaggi di Ledoux, Mora e Cleveland a circa 40 miglia (64 km) a nord-est di Santa Fe.

Si trovano tra le comunità agricole e una città del Vecchio West sul percorso dell’incendio del Calf Canyon, il più distruttivo di una dozzina di incendi del sud-ovest che gli scienziati affermano essere più diffusi e in arrivo all’inizio di quest’anno a causa del cambiamento climatico.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Dove dovremmo correre, dove andiamo, qui è dove sono i nostri mezzi di sussistenza”, ha detto Darlene Gallegos, una contadina e co-proprietaria del mercato di campagna di Mora, dopo che la polizia le ha detto di chiudere il negozio e fuggire dal villaggio di Mora. 1.000 si stabilirono in epoca coloniale spagnola.

Venti miglia a sud all’altra estremità del megaincendio di 104.000 acri (42.100 ettari), ad alcuni residenti di Las Vegas, nel New Mexico, è stato detto di prepararsi per l’evacuazione poiché i venti spingevano l’incendio entro 5 miglia dalle case vicino all’autostrada interstatale 25.

Quelle comunità nella parte occidentale della città potrebbero essere evacuate “nel prossimo futuro”, ha detto Shawn Carrell, funzionario del New Mexico Game and Fish.

READ  Corona virus americano: meno del 10% dei posti letto in terapia intensiva in 4 stati perché la mancanza di operatori sanitari complica le cure

Le squadre hanno demolito i tagliafuoco a nord ea ovest della storica città universitaria di 14.000 abitanti per proteggere ranch, case rurali e lo United World College.

I vigili del fuoco sono stati ostacolati da venti forti e irregolari che continueranno a cambiare direzione fino a giovedì.

“Questo tipo di cose continua a girarci intorno”, ha detto il comandante dell’incidente Dave Bales. “C’è ancora un enorme scontro a fuoco in corso lassù”, ha detto delle squadre che hanno lavorato tutta la notte vicino a Mora.

Bruciato dal 6 aprile, l’incendio ha distrutto centinaia di proprietà e costretto all’evacuazione di dozzine di insediamenti nelle montagne del Sangre de Cristo, ma non ha ancora reclamato una vita.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Andrew Hay a Taos, New Mexico; Montaggio di Will Dunham, Marguerita Choy e Jacqueline Wong

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *