Gli antichi europei erano intolleranti al lattosio ma bevevano latte, rileva lo studio

Commento

Un gruppo di scienziati ha concluso che gli antichi europei hanno bevuto latte per millenni nonostante i problemi digestivi che potrebbe aver causato, mettendo in dubbio le teorie su come gli esseri umani si siano evoluti per tollerarlo.

Gli scienziati hanno a lungo ipotizzato che un enzima necessario per evitare qualsiasi disturbo gastrointestinale si sia sviluppato rapidamente nelle popolazioni in cui era prevalente l’addomesticamento degli animali da latte.

Le persone che potevano tollerare il latte, secondo questa teoria, hanno acquisito una nuova fonte di calorie e proteine ​​e hanno trasmesso i loro geni a una progenie più sana di quella senza il tratto genetico – noto come persistenza della lattasi – che consente loro per digerire lo zucchero nel latte fino all’età adulta.

Ma un nuovo studio ha offerto una teoria radicalmente diversa, sostenendo che gli effetti collaterali come gas, gonfiore e crampi intestinali non erano sufficienti da soli a spostare l’ago evolutivo sulla mutazione genetica.

“Le persone preistoriche in Europa potrebbero aver iniziato a consumare latte da animali domestici migliaia di anni prima che sviluppassero il gene per digerirlo”, affermano gli autori dello studio.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Natura, è stato prodotto in collaborazione con più di 100 scienziati in una vasta gamma di campi tra cui genetica, archeologia ed epidemiologia. Gli scienziati hanno tracciato una mappa del consumo di latte stimato in Europa da circa 9.000 anni fa a 500 anni fa.

Analizzando i residui di grasso animale nelle ceramiche di centinaia di siti archeologici, insieme a campioni di DNA raccolti da antichi scheletri, i ricercatori hanno concluso che la persistenza della lattasi non era comune fino al 1.000 a.C. circa, quasi 4.000 anni dopo essere stata rilevata per la prima volta.

READ  Guarda l'uomo che scala in libera la Salesforce Tower, un grattacielo di uffici di 1.070 piedi a San Francisco, preso in custodia

E, piuttosto che in tempi di abbondanza, sostengono che è stato durante la carestia e le epidemie che avere la mutazione è diventato fondamentale per la sopravvivenza: quando il lattosio non digerito poteva portare a gravi malattie intestinali e alla morte.

Utilizzando i documenti archeologici per identificare i periodi in cui la popolazione si è ridotta, hanno concluso che le persone avevano maggiori probabilità di bere latte quando tutte le altre fonti di cibo erano esaurite e che durante quei periodi era più probabile che la diarrea degenerasse da una condizione lieve a una mortale.

George Davey Smith, un epidemiologo dell’Università di Bristol, che ha collaborato con i ricercatori per un’analisi dei dati contemporanei sulla persistenza del latte e della lattasi nelle popolazioni attuali, ha affermato che lo studio solleva “domande affascinanti” sul fatto che alcune persone che credono di essere lattosio intollerante “potrebbe davvero andare bene se bevessero latte”.

Circa un quarto degli americani è intollerante al lattosio. In una causa intentata lo scorso announ gruppo di medici americani ha chiesto perché le linee guida dietetiche del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti raccomandano così tanti latticini, suggerendo che l’agenzia federale si sta occupando degli interessi delle industrie della carne e dei latticini piuttosto che della salute degli americani.

Le linee guida dietetiche dell’USDA sono guidate da problemi di marketing del latte, non dalla nutrizione, secondo le accuse legali

Studi precedenti hanno suggerito che le popolazioni dovevano fare molto affidamento sui latticini prima che gli individui si adattassero a tollerarli in abbondanza. Uno studio più piccolo nel 2014 hanno scoperto che la variazione che consente agli esseri umani di digerire il lattosio non è apparsa nei campioni di DNA ungherese fino a 3.000 anni fa, mentre potrebbe essere emersa fino a 7.000 anni fa in luoghi come l’Irlanda dove la produzione di formaggio è diventata abbondante.

READ  Brinard della banca centrale afferma che la riduzione dell'inflazione è una priorità

Amber Milan, esperta di intolleranze ai latticini presso l’Università di Auckland, ha affermato che l’idea che la mutazione della lattasi sia diventata importante per la sopravvivenza solo quando gli europei hanno iniziato a sopportare epidemie e carestie è una “buona teoria” e “supportata da precedenti ricerche sui fattori di selezione genetica .”

Ha aggiunto, tuttavia, che non è sicura che il nuovo studio “escluda del tutto che il consumo diffuso di latte sia stata la forza evolutiva alla base della tolleranza al lattosio”, in parte perché i dati genetici sono stati raccolti da Biobank, un database biomedico britannico di informazioni genetiche e sanitarie da circa 500.000 persone.

Gli autori si sono anche concentrati sulla principale variante genetica europea per la persistenza della lattasi – che, sebbene appropriata per questo studio, “potenzialmente manca di altre varianti genetiche che provocano la persistenza della lattasi”, ha detto Milan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *