Gli incendi imperversano in Francia e Spagna in mezzo a un’ondata di caldo, mentre il Regno Unito affronta la sua giornata più calda di sempre

La regione sud-occidentale della Gironda, in Francia, ha visto finora il peggio degli incendi.

Un totale di 14.300 ettari (35.000 acri) di terra sono stati bruciati lunedì, con 24.000 persone evacuate dalla regione, ha affermato su Twitter la prefettura della Nouvelle-Aquitaine e della Gironda.

Le autorità hanno dispiegato 1.700 vigili del fuoco per contrastare gli incendi. Un portavoce del servizio di soccorso e antincendio regionale della Gironda ha affermato che 12 vigili del fuoco hanno riportato ferite lievi dall’inizio dell’operazione.

In Spagna, gli incendi hanno inghiottito domenica la regione centrale di Castiglia e Léon e la regione settentrionale della Galizia, Lo ha riferito Reuters. I vigili del fuoco hanno domato le fiamme a Mijas, nella provincia sudorientale di Malaga, e hanno affermato che le persone evacuate potrebbero tornare a casa.

Le temperature torride in Portogallo hanno esacerbato una siccità iniziata prima dell’ondata di caldo, secondo i dati dell’istituto meteorologico nazionale. Circa il 96% della terraferma soffriva già di una siccità grave o estrema alla fine di giugno.

‘Picco di intensità’

Si prevede che l’ondata di caldo torrido in Europa occidentale dovrebbe picco all’inizio di questa settimana.

I record mensili di temperatura minima potrebbero essere battuti in tutta la Francia lunedì, secondo l’agenzia meteorologica nazionale. Météo-France ha identificato nove località in cui i minimi mensili sembrano destinati a essere infranti, tra cui Rostrenen in Bretagna, nel nord-ovest della Francia, dove il record è rimasto in piedi dal 1968.

Oltre alla Gironda, Météo-France ha emesso un’allerta rossa per l’ondata di caldo a un totale di 15 dipartimenti nelle regioni occidentali e sud-occidentali, poiché le temperature dovrebbero raggiungere i 42 gradi Celsius (108 gradi Fahrenheit) lunedì. Altre 51 regioni sono state messe in allerta arancione, inclusa Parigi, con i residenti invitati a evitare di uscire tra le 11:00 e le 21:00 ora locale.

READ  Elon Musk si è assicurato ulteriori finanziamenti per acquisire Twitter, dicono i documenti | Twitter

“Dato il picco di intensità previsto per oggi, ci sono poche possibilità che il mercurio scenda sufficientemente prima della fine della giornata” affinché questi record non vengano battuti, ha aggiunto Météo-France.

Da maggio, la Francia ha visto solo otto giorni in cui le temperature medie giornaliere erano al di sotto delle temperature medie estive aggregate. Nei restanti 39 giorni, le medie giornaliere nazionali sono state al di sopra delle temperature medie per questo periodo dell’anno osservate tra il 1991 e il 2020, secondo i dati Météo-France.

Anche l’agenzia meteorologica spagnola ha emesso un avviso di caldo estremo domenica, Lo ha riferito Reuters. Temperature di 42 gradi Celsius (108 gradi Fahrenheit) erano previste per le regioni settentrionali di Aragona, Navarra e La Rioja. L’agenzia ha detto che l’ondata di caldo sarebbe finita lunedì, ma ha avvertito che le temperature rimarrebbero “anormalmente alte”.
Quasi la metà del territorio europeo, Regno Unito compreso, è “a rischio” di siccità, ricercatori della Commissione Ue disse Lunedi. Il Centro comune di ricerca ha evidenziato che la siccità in gran parte dell’Europa è “critica” poiché il “deficit di precipitazioni inverno-primaverili … è stato esacerbato dalle prime ondate di caldo di maggio e giugno”.

L’approvvigionamento idrico potrebbe essere “compromesso” nei prossimi mesi, secondo il rapporto.

“Il giorno più caldo nella storia del Regno Unito”

Altrove in Europa, Gran Bretagna sta anche vivendo condizioni meteorologiche estreme. Venerdì, il Met Office ha emesso il suo primo avviso rosso in assoluto per “calore estremo” a causa dell’impennata delle temperature.

Lunedì, le temperature hanno raggiunto i 38,1 gradi a Santon Downham, nell’Inghilterra orientale, e martedì “si prevede che sarà ancora più caldo”, secondo Penelope Endersby, CEO del Met Office.

READ  Elon Musk decide di non unirsi al consiglio di Twitter

“Quindi è domani che vedremo davvero la maggiore possibilità di 40 gradi e temperature superiori”, ha detto lunedì Endersby a BBC Radio.

“Anche forse al di sopra, 41 non è fuori dalle carte. Abbiamo anche alcuni 43 nel modello, ma speriamo che non sia così alto”.

Endersby ha affermato che mentre le temperature estreme non sono previste oltre martedì, il Met Office monitorerà la possibilità di una siccità nei prossimi mesi.

“Ci aspettiamo un forte calo della temperatura durante la notte fino a mercoledì, in calo di 10 o 12 gradi rispetto ai giorni prima”, ha detto, aggiungendo: “La nostra attenzione si sta rivolgendo, una volta passati questi due giorni, a siccità e quando potremmo vedere pioggia, e non stiamo vedendo pioggia significativa in arrivo”.

Il professor Myles Allen dell’Università di Oxford ha avvertito che più calore sarà inevitabile se l’umanità non ridurrà le sue emissioni di carbonio.

“Questa non è una nuova normalità perché siamo solo in una tendenza verso temperature sempre più calde”, ha detto Allen alla CNN lunedì.

La soluzione, ha affermato, è il cambiamento radicale nel settore energetico. È improbabile che le singole aziende cambino i loro modelli di business unilateralmente a causa delle preoccupazioni per la perdita di competitività con i rivali, ha aggiunto.

“Deve essere un regolamento sull’industria nel suo insieme”, ha affermato Allen.

Joseph Ataman, Jimmy Hutcheon e Xiaofei Xu hanno riferito da Parigi. Zahid Mahmood e Sana Noor Haq hanno riferito da Londra. Renee Bertini, James Frater e Sharon Braithwaite della CNN hanno contribuito a questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *