Highlights olimpici: la Cina vince la sua prima medaglia ai Giochi di Pechino

debito…Duck Mills / Il New York Times

La norvegese Therese Johak ha vinto la prima medaglia d’oro ai Giochi di Pechino sabato, dominando lo skylink di 15 chilometri ed evidenziando un comando nel mezzo di una gara per determinare la migliore sciatrice a tutto tondo del mondo.

Il 33enne Johak, 14 volte campione del mondo e tre volte medaglia olimpica, ha lasciato il campo dopo la prima metà della gara, che è stata metà del “classico” saliscendi e metà del stile “pattinaggio” del reggimento.

La campionessa della Coppa del Mondo Natalia Nabryayeva della Russia ha sconfitto l’austriaca Theresa Statlober per le medaglie d’argento e di bronzo. Nabryoyeva Statlover, ha vinto una medaglia a sorpresa Tre decimi di secondo, ma entrambi hanno chiuso a 30 secondi da Joachim, con un tempo vincente di 44 minuti e 13,7 secondi.

La gara si è svolta nelle condizioni fresche e buie del Centro nazionale di sci di fondo di Zhangjiago, con dozzine di sciatori che indossavano cappelli, maschere e nastri sulle guance in competizione per evitare di essere ustionati dal vento, cosa rara in questo sport.

americano Jesse DickinsHa vinto l’oro nello sprint a squadre femminile dopo la sua drammatica tappa finale ai Giochi del 2018 – “Hanno dato tutto in Glibo Bacon!”- Johk era un minuto indietro ed è arrivato sesto.

“L’inizio più promettente”, ha detto Dickins, è stato il medagliato in una gara che richiedeva le sue gare sprint speciali e lo sci più classico, il suo stile debole.

READ  Black Friday 2022: oltre 53 migliori offerte anticipate su TV, aspirapolvere, Apple e altro ancora

Temperature estreme e forti venti hanno creato condizioni di gara brutali. Hayley Swirl, un’altra americana, ha detto che la velocità del vento l’ha fermata completamente.

Il secondo oro di Joachim alle Olimpiadi, combinato in una collezione che includeva l’oro della staffetta ai Giochi di Vancouver del 2010 e l’argento e il bronzo di Sochi nel 2014.

Volta

Norvegia

44: 13.7

Bandiera ROC

Squadra olimpica russa

44: 43.9

+30.2

Bandiera AUT

Austria

44: 44.2

+30,5

Tuttavia, ha saltato i Giochi di Pyongyang del 2018 dopo una sospensione per doping in un test steroideo vietato nel 2016. Joachim e i funzionari di sci norvegesi affermano che la squadra gli ha accidentalmente fornito il contenuto per colpa del medico. Un balsamo per le labbra.

Ma la Federazione Internazionale di Sci ha esercitato pressioni sulla lunga squalifica Tribunale Arbitrale dello Sport D’accordo, estendendo la sua sospensione a 18 mesi.

La star americana, Dickins, voleva iniziare le Olimpiadi su larga scala, ma non poteva eguagliare la potenza di Joachim e di altri pattinatori europei nella classica prima metà della gara. Quattro anni fa, Dickinson e il suo ex compagno di squadra Kicken Randall sono diventati i primi americani a vincere l’oro nel cross country e i primi americani a vincere una medaglia nel cross country dal 1976.

Dopo quella vittoria, Dickins è diventata una delle pattinatrici più terrificanti al mondo, una candela a filo con riserve di energia apparentemente illimitate che ha costretto i suoi rivali a sottomettersi e motivarla a finire durante una gara.

Lo skiathlon è un esperimento unico, tuttavia, gli sciatori devono eccellere sia nello sci in stile classico, in cui lo sci è in linea retta, sia in un movimento simile allo sci freestyle o skate, il pattinaggio su ghiaccio.

Questo è un evento che si è sempre dimostrato difficile per gli sciatori americani e la maggior parte di loro sviluppa uno sci freestyle e impara a fare lo sci classico man mano che invecchiano e iniziano a gareggiare. È più probabile che gli sciatori europei siano stati introdotti allo sci in stile classico in giovane età.

Dickins ha trascorso innumerevoli ore a migliorare la sua performance in classica negli ultimi quattro anni. Questi sforzi l’hanno portata a diventare la prima donna americana a vincere il prestigioso Tour de Sky nel 2021, che si è svolto in tre località del paese in 10 giorni in una varietà di gare di otto livelli.

Avrà molte più possibilità di vincere una medaglia a Pechino, soprattutto nello sprint individuale in programma martedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *