I funzionari di Biden pesano sul divieto del petrolio russo mentre i prezzi del gas salgono

Ma quella cooperazione transfrontaliera potrebbe fermarsi con il petrolio. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che il suo paese non può semplicemente chiudere il rubinetto.

“L’Europa ha deliberatamente esentato le forniture di energia dalla Russia dalle sanzioni”, ha affermato lunedì in una dichiarazione. “Al momento, l’approvvigionamento energetico dell’Europa per la generazione di calore, la mobilità, l’approvvigionamento elettrico e l’industria non può essere garantito in altro modo”.

I funzionari dell’amministrazione Biden affermano che le discussioni immediate sull’energia russa si concentrano sul divieto delle importazioni nazionali di petrolio piuttosto che sull’attuazione di sanzioni più ampie che taglierebbero gli acquisti da parte di altri paesi. Ciò potrebbe ridurre lo shock economico sui mercati petroliferi, dato che gli Stati Uniti non importano molto greggio russo.

Lo scorso autunno ha importato circa 700.000 barili al giorno dalla Russia, meno del 10% delle sue importazioni totali di petrolio, hanno affermato i funzionari statunitensi. Al contrario, l’Europa ha importato dalla Russia 4,5 milioni di barili al giorno, circa un terzo delle sue importazioni totali. Gli Stati Uniti possono facilmente trovare un modo per compensare qualsiasi perdita di petrolio russo, mentre l’Europa avrebbe difficoltà a farlo, affermano gli analisti.

Ma qualsiasi interruzione nel flusso di petrolio potrebbe scuotere ulteriormente i mercati globali, compresi i prezzi del petrolio, che sono aumentati a causa dell’incertezza su Mr. L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin. Il greggio Brent, il benchmark globale, ha chiuso lunedì in rialzo di circa il 4,3% a 123,21 dollari al barile, ma prima era salito fino a 139 dollari al barile. Il prezzo del petrolio è salito di circa il 26% nell’ultima settimana con l’intensificarsi del conflitto.

In segno di quanto l’amministrazione sia preoccupata per le incertezze sul flusso energetico globale, i funzionari americani hanno discusso la possibilità di aumentare l’offerta o la distribuzione con le nazioni produttrici di petrolio, tra cui Arabia Saudita e Venezuelache è un partner della Russia e da anni è soggetto ad ampie sanzioni statunitensi.

Sig. Biden, in un discorso più di una settimana prima del sig. L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha affermato che un conflitto che coinvolge la Russia potrebbe colpire i consumatori americani. “Non farò finta che sarà indolore”, ha detto disse a febbraio 15. “Potrebbe esserci un impatto sui nostri prezzi dell’energia, quindi stiamo adottando misure attive per alleviare la pressione sui nostri mercati energetici e compensare l’aumento dei prezzi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *