Il censimento del 2020 ha sottostimato i residenti ispanici, neri e nativi americani

Afflitto da scoraggianti ostacoli logistici e politici, il censimento del 2020 ha seriamente sottostimato il numero di residenti ispanici, neri e nativi americani anche se il conteggio della sua popolazione complessiva di 323,2 milioni era in gran parte accurato, ha affermato giovedì il Census Bureau.

Allo stesso tempo, il censimento ha sovrastimato i residenti bianchi e asiatici, ha affermato l’ufficio.

Quei sottoconteggi netti delle minoranze razziali, che storicamente hanno afflitto i conteggi dei censimenti decennali, significano che alcuni gruppi razziali ed etnici avranno meno influenza politica e meno dollari federali di quelli a cui hanno diritto. Alcuni gruppi di difesa delle minoranze hanno promesso di contestare i risultati in tribunale, ma rimediare alla sottostima sarebbe difficile se non impossibile, hanno affermato alcuni esperti.

Robert L. Santos, direttore dell’ufficio di presidenza, ha affermato che, nonostante le omissioni, i risultati sono coerenti con i recenti censimenti.

“Questo è notevole, date le sfide senza precedenti del 2020”, ha affermato in a dichiarazione. “Ma i risultati includono anche alcune limitazioni: il censimento del 2020 ha sottovalutato molti degli stessi gruppi di popolazione che storicamente abbiamo sottovalutato e ne ha sopravvalutati altri”.

Il totale della popolazione statunitense di 323,2 milioni è aumentato del 5% rispetto all’ultimo censimento del 2010.

“Rimaniamo orgogliosi del lavoro che abbiamo svolto di fronte a immense sfide”, ha affermato il Sig. ha detto Santos. “E siamo pronti a lavorare con le parti interessate e il pubblico per sfruttare appieno questa risorsa di enorme valore”.

Terri Ann Lowenthal, un’esperta di spicco del censimento e consulente di governi e altri con una partecipazione nel conteggio, ha definito i risultati “preoccupanti ma non del tutto sorprendenti”.

READ  Draft NFL 2022: cosa dice l'ultimo decennio sul passaggio a quarterback, oltre ad alcune ipotesi commerciali

“Nel complesso, i risultati sono meno accurati rispetto al 2010”, ha affermato.

Secondo le stime dell’ufficio, il conteggio del 2020 contava erroneamente 18,8 milioni di residenti, contando due volte alcuni, includendo erroneamente altri e perdendone completamente altri, anche se si avvicinava molto al raggiungimento di un conteggio accurato della popolazione complessiva.

Le stime pubblicate giovedì – in sostanza, un adeguamento statistico dei totali reso pubblico l’anno scorso – si basano su un esame dei registri federali e su un’ampia indagine in cui l’ufficio ha intervistato i residenti in circa 10.000 blocchi di censimento – l’unità più piccola utilizzata nelle tabulazioni del censimento . Gli esperti dell’Ufficio hanno quindi confrontato le loro risposte con i risultati effettivi del censimento per quei blocchi.

Il sondaggio ha consentito all’ufficio di stimare quanti residenti ha perso completamente nel conteggio del 2020, quante persone sono state contate due volte e quante persone – come persone decedute o visitatori a breve termine negli Stati Uniti – sono state contate erroneamente.

Ha anche permesso all’ufficio di valutare l’accuratezza delle ipotesi statistiche fatte sul numero e sulle caratteristiche di milioni di residenti che gli addetti al censimento non sono mai stati in grado di intervistare.

Il censimento del 2020 ha dovuto affrontare una serie di sfide. La pandemia di coronavirus ha interrotto gran parte del conteggio proprio all’inizio dell’aprile 2020, costringendo l’ufficio a prolungare il proprio lavoro di quasi due mesi. Nel corso dell’anno, gli incendi in Occidente e gli uragani costieri hanno sconvolto il lavoro dell’ufficio proprio mentre i battenti si stavano aprendo a ventaglio per ispezionare milioni di famiglie che non avevano compilato i moduli.

READ  La Russia pone il veto all'azione di sicurezza delle Nazioni Unite sull'Ucraina mentre la Cina si astiene

L’amministrazione Trump ha successivamente anticipato la scadenza per terminare il conteggio, sollevando preoccupazioni per un conteggio insufficiente. I problemi hanno portato molti esperti, inclusi alcuni alti funzionari del Census Bureau, a temere che il conteggio finale sarebbe stato fatalmente imperfetto.

A settembre, un’analisi di 59 pagine del censimento del 2020 commissionata e rivista dall’American Statistical Association ha detto che il conteggio sembrava abbastanza accurato per il suo scopo costituzionale prioritario: riallocare i 435 seggi alla Camera dei Rappresentanti.

Ma gli esperti che hanno redatto il rapporto hanno limitato i loro risultati al conteggio nazionale complessivo e ai conteggi nei 50 stati e nel Distretto di Columbia. Sarebbero necessari molti più studi, hanno affermato, per valutare l’affidabilità dei totali della popolazione locale e le caratteristiche come la razza e l’etnia che sono parti vitali di ogni censimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *