Il governatore del Texas invia migranti a New York City mentre la situazione di stallo dell’immigrazione accelera

NEW YORK, 5 agosto (Reuters) – Il governatore del Texas Greg Abbott, repubblicano, ha dichiarato venerdì di aver iniziato a inviare autobus che trasportano migranti a New York City nel tentativo di trasferire la responsabilità dei valichi di frontiera ai sindaci democratici e al presidente degli Stati Uniti Joe Biden. un democratico.

Il primo autobus è arrivato venerdì presto al terminal degli autobus della Port Authority, nel centro di Manhattan, trasportando circa 50 migranti provenienti da Bolivia, Colombia, Ecuador, Honduras e Venezuela. I volontari stavano aiutando a guidare le persone che non avevano parenti in città verso le risorse della città.

“La maggior parte di loro non ha nessuno da aiutare. Non sanno dove andare, quindi li stiamo portando nei rifugi”, ha detto una volontaria alla stazione degli autobus, Evelin Zapata, di un gruppo chiamato Grannies Respond.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Una famiglia di quattro persone dalla Colombia, che è finita in un centro di accoglienza per senzatetto nel Bronx, non sapeva dove avrebbe trascorso la notte. Byron e Leidy, entrambi 28 anni, hanno detto di aver lasciato la capitale del paese Bogotà perché avevano difficoltà a trovare lavoro. Non hanno fornito il loro cognome.

“È un po’ più facile entrare nel paese ora, prima che fosse molto difficile venire qui con i bambini”, ha detto Leidy, che ha viaggiato con i suoi figli Mariana, 7 e Nicolas, 13. Ha detto che la famiglia sperava che qualcuno conoscesse in New York li avrebbe accolti, ma quel piano non ha funzionato. “Siamo venuti qui perché ci hanno detto che ci avrebbero aiutato a trovare un posto dove dormire in modo da non dover stare in strada”, ha detto Leidy.

READ  Brian Robinson Jr. dei comandanti di Washington dice che "l'intervento è andato bene" dopo che gli hanno sparato in un possibile tentativo di rapina o furto d'auto

Abbott, che si candida per il terzo mandato come governatore alle elezioni di novembre, ha già inviato più di 6.000 migranti a Washington da aprile in uno sforzo più ampio per combattere l’immigrazione illegale e invocare Biden per le sue politiche più accoglienti. leggi di più

Biden è entrato in carica nel gennaio 2021 impegnandosi a invertire molte delle politiche intransigenti sull’immigrazione del suo predecessore repubblicano, l’ex presidente Donald Trump, ma alcuni sforzi sono stati bloccati in tribunale.

Abbott ha detto che il sindaco di New York City Eric Adams potrebbe fornire servizi e alloggi ai nuovi arrivati.

“Spero che mantenga la sua promessa di accogliere tutti i migranti a braccia aperte in modo che le nostre città di confine invase e sopraffatte possano trovare sollievo”, ha detto Abbott in una nota.

Il governatore dell’Arizona Doug Ducey, un altro repubblicano, ha seguito l’esempio di Abbott e ha portato altri 1.000 autobus a Washington.

Le autorità di frontiera statunitensi hanno registrato un numero record di arresti sotto Biden, sebbene molti siano ripetuti. Alcuni migranti che non possono essere espulsi rapidamente in Messico o nei loro paesi d’origine in base a una politica dell’era COVID possono entrare negli Stati Uniti, spesso per presentare domanda di asilo presso il tribunale dell’immigrazione degli Stati Uniti.

‘PEDINE POLITICHE’

L’ufficio di Adams nelle ultime settimane ha criticato gli sforzi in autobus verso Washington, dicendo che alcuni migranti si stavano dirigendo verso New York City e sovraccaricando il suo sistema di rifugi per senzatetto.

Venerdì l’addetto stampa del sindaco Fabien Levy ha detto che Abbott stava usando “gli esseri umani come pedine politiche”, definendolo “una macchia disgustosa e imbarazzante per lo stato del Texas”.

Levy ha detto che New York continuerà ad “accogliere a braccia aperte i richiedenti asilo, come abbiamo sempre fatto, ma chiediamo risorse per aiutarlo”, chiedendo il sostegno dei funzionari federali.

Venerdì, la segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha definito l’iniziativa del Texas “vergognosa” e un onere inutile per i contribuenti in quello stato.

I costi per lo sforzo ammontavano a $ 1,6 milioni in aprile e maggio, secondo quanto riportato a giugno da un affiliato locale di NBC News, più di $ 1.400 per pilota.

I funzionari del Texas hanno rifiutato di fornire il costo quando richiesto da Reuters.

Il sindaco di Washington Muriel Bowser ha anche affermato che il sistema di accoglienza della sua città è stato messo a dura prova dagli arrivi di migranti e il mese scorso ha chiesto all’amministrazione Biden di schierare truppe militari per assistere nell’accoglienza dei migranti, una richiesta che ha frustrato i funzionari della Casa Bianca. leggi di più

Un funzionario della difesa degli Stati Uniti, parlando in condizione di anonimato, ha detto a Reuters che il segretario alla Difesa Lloyd Austin aveva rifiutato una richiesta alla Guardia Nazionale della DC di aiutare con il trasporto e l’accoglienza dei migranti in città perché avrebbe danneggiato la prontezza delle truppe.

READ  Gran Bretagna, funzionario Onu condanna le condanne a morte del Donbas contro i soldati britannici

Bowser ha suggerito venerdì di presentare una richiesta di truppe più mirata, ribadendo la sua posizione secondo cui il governo federale dovrebbe gestire quella che ha definito una “crisi umanitaria in crescita”.

“Se il governo federale non ha intenzione di farlo, deve almeno togliersi di mezzo e darci le risorse di cui abbiamo bisogno”, ha detto ai giornalisti.

Molti migranti stanno arrivando dopo lunghi e difficili viaggi attraverso il Sud America.

Il migrante venezuelano Jose Gregorio Forero ha detto che prima di viaggiare per più di un giorno in autobus dal Texas aveva attraversato otto paesi. “Ci sono voluti 31 giorni per arrivare qui, a piedi e chiedendo un passaggio”, ha detto, dicendosi felice di essere a New York, dove pensava ci sarebbero state più opportunità di lavoro.

New York City, ha detto, “è molto bella. La adoro”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage di Sofia Ahmed a New York e Ted Hesson a Washington; Rapporti aggiuntivi di Idrees Ali e Jeff Mason a Washington, Roselle Chen e Dan Fastenberg a New York; Montaggio di Mica Rosenberg e Daniel Wallis

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *