Il governatore della Florida firma un disegno di legge che limita l’istruzione LGBTQ nelle scuole

28 marzo (Reuters) – Il governatore della Florida Ron DeSantis ha firmato lunedì un disegno di legge sostenuto dai repubblicani che vieta l’insegnamento in classe sull’orientamento sessuale e l’identità di genere per molti giovani studenti, attirando rapide critiche da aziende, democratici e gruppi di difesa.

La legislazione, definita dai suoi oppositori il disegno di legge “non dire gay”, ha suscitato polemiche nazionali e ha attirato l’attenzione durante la trasmissione televisiva degli Oscar di domenica in mezzo a un dibattito sempre più partigiano su ciò che le scuole dovrebbero insegnare ai bambini su razza e genere.

Formalmente chiamato disegno di legge “Diritti dei genitori nell’istruzione”, il provvedimento della Florida vieta l’istruzione in classe sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere per i bambini dalla scuola materna alla terza elementare, o dai 5 ai 9 anni circa, nelle scuole pubbliche.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Vieta inoltre tale insegnamento che “non è appropriato per l’età o per lo sviluppo” per studenti di altre classi.

In base alla legge, che entrerà in vigore il 1° luglio, i genitori potranno citare in giudizio i distretti scolastici che ritengono in violazione.

“Continueremo a riconoscere che nello stato della Florida, i genitori hanno un ruolo fondamentale nell’istruzione, nell’assistenza sanitaria e nel benessere dei loro figli”, ha detto lunedì DeSantis ai giornalisti. “Non mi interessa cosa dicono le grandi aziende, eccomi qui. Non mi tirerò indietro”.

DeSantis, che sta cercando la rielezione quest’anno ed è ampiamente considerato in corsa per la presidenza nel 2024, si è unito ad altri repubblicani a livello nazionale chiedendo ai genitori di avere un maggiore controllo su ciò che i bambini imparano a scuola.

READ  Bassam Tariq esce il film del 2023 - The Hollywood Reporter

Il governatore repubblicano ha firmato il disegno di legge in una scuola charter a Spring Hill, a nord di Tampa, circondato da giovani scolari e genitori che hanno condiviso storie personali che hanno affermato che la nuova legge è necessaria.

Gli studenti di tutta la Florida hanno protestato contro la misura e il presidente Joe Biden in precedenza l’ha definita “odiosa”.

I presentatori della cerimonia degli Oscar hanno fatto riferimento al disegno di legge, mentre la vincitrice della migliore attrice Jessica Chastain nel suo discorso di accettazione ha denunciato la legislazione “discriminatoria e bigotta” che sta dilagando nel paese.

Dopo che DeSantis ha firmato il disegno di legge lunedì, una Walt Disney Co (DIS.N) Il portavoce ha affermato che la legislazione “non avrebbe mai dovuto essere approvata e non avrebbe mai dovuto essere trasformata in legge. Il nostro obiettivo come azienda è che questa legge venga ripetuta dal legislatore o annullata nei tribunali”.

Il Walt Disney World di Orlando, in Florida, è il parco a tema più grande dell’azienda. Le sue attività in espansione includono anche studi cinematografici, reti televisive e via cavo, servizi di streaming, compagnie di crociera e prodotti al dettaglio.

Il gruppo per i diritti civili Lambda Legal ha dichiarato che sfiderà la legge in tribunale. “I nostri giovani non sono pedine politiche”, ha affermato l’amministratore delegato Kevin Jennings in una dichiarazione.

La legislazione è stata criticata per la vaghezza e la complessità di alcuni dei suoi linguaggi. Ad esempio, afferma che anche la discussione sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale è vietata “in determinati livelli scolastici o in un modo specifico”.

READ  Un mandato d'arresto era atteso su una nave da crociera a Miami. Quindi ha portato i viaggiatori alle Bahamas

La Florida Education Association, un sindacato degli insegnanti, ha definito la legge una “trovata politica” vulnerabile alle sfide legali.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Resoconto di Maria Caspani; Montaggio di Colleen Jenkins, Cynthia Osterman e Mark Porter

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *