Il segretario al Commercio degli Stati Uniti afferma che “non c’è una data di scadenza” sulle sanzioni contro la Russia

Ginaa Raimondo, segretario al commercio degli Stati Uniti, durante un incontro con dirigenti e governatori aziendali presso l’Eisenhower Executive Office Building a Washington, DC, mercoledì 9 marzo. (Ting Shen / Bloomberg / Getty Images)

Il segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo ha dichiarato mercoledì che i controlli sulle esportazioni che sono stati stabiliti contro la Russia dagli Stati Uniti e dai loro alleati in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin “non hanno una data di scadenza”.

“Siamo coinvolti per il lungo raggio e i nostri alleati sono in esso per il lungo raggio”, ha detto Raimondo alla CNN, aggiungendo che l’amministrazione Biden è pronta a mantenere le misure progettate per infliggere dolore economico alla Russia “finché ci vuole. “

“Non c’è una data di scadenza”, ha detto Raimondo. “Siamo in gioco per vincere e anche i nostri alleati lo sono”.

I commenti, provenienti da un membro del gabinetto del presidente Joe Biden, sono l’ennesima indicazione che l’amministrazione si sta preparando per un conflitto potenzialmente prolungato e prolungato in Europa che ha già sconvolto i mercati finanziari e che la Casa Bianca ha valutato danneggerebbe i portafogli dei consumatori americani .

“Sarà disordinato e probabilmente estremamente a lungo termine”, ha previsto Raimondo riguardo alla crisi.

Raimondo ha anche avvertito che qualsiasi paese che non rispetti le restrizioni statunitensi sull’esportazione in Russia pagherebbe un prezzo pesante, inclusa la Cina. Ha affermato che la sua amministrazione era pronta, ad esempio, a tagliare la Cina fuori dalle apparecchiature e dai software americani o europei necessari per produrre semiconduttori.

“Perseguiremo qualsiasi azienda, ovunque si trovi, in Cina o altrove, che violi le regole”, ha affermato. “Quindi la nostra aspettativa è che la Cina non violi le regole e, se lo fanno, ci saranno delle conseguenze”.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato mercoledì che l’amministrazione ha osservato la Cina “in gran parte [abiding] dalle sanzioni poste in essere”.

READ  Notizie di guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

“Vorrei notare, tuttavia, che se un paese tenta di eludere o aggirare le nostre misure economiche, subirà le conseguenze di tali azioni”, ha affermato Psaki.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *