Kawakami: la gravità di Jordan Poole, il futuro di Draymond Green e tutte le decisioni urgenti dei Warriors

Jordan Poole tiene tra le mani un pezzo considerevole del futuro dei Warriors, anche se non l’ha chiesto. Gli è stato trasferito quando Draymond Green si è offeso per qualcosa che Poole ha fatto o detto, ha accusato Poole durante gli allenamenti di mercoledì e lo ha preso a pugni.

Poole non si è offerto volontario per questo. A detta di tutti, il quarto anno Guerrieri la guardia si stava impegnando nelle normali esercitazioni del campo di addestramento giocando con Draymond, ha spinto Draymond quando è stato caricato e poi è stato livellato dal pugno. È tutto lì dentro il videoacquisita da TMZ e rilasciata venerdì mattina.

Ma Poole non si stava tirando indietro in quell’incidente. E conoscendolo, probabilmente non si tirerà indietro da questo momento inevitabile nei giorni estesi della dinastia dei Guerrieri. Poole ha credibilità dopo aver giocato un ruolo così importante nella corsa al campionato della scorsa stagione. Ha anche preso molto calore verbale dai veterani ed è fiorito. Di tanto in tanto ha risposto, ma ha usato la sua spina dorsale retorica in modo costruttivo. Ogni volta che entra nella sala multimediale, scherza dicendo che parlerà solo per 90 secondi e finge di odiarlo sul podio; ma rimane sempre più a lungo, è sempre più premuroso con le sue risposte ea volte sembra persino che gli piaccia.

READ  Il cantante dei Ronnets, Ronnie Spector, è morto all'età di 78 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *