La Corte Suprema esaminerà il caso sul potere delle legislature statali sulle elezioni

WASHINGTON – La Corte Suprema ha annunciato giovedì che avrebbe ascoltato un caso che potrebbe rimodellare radicalmente il modo in cui si svolgono le elezioni federali conferendo ai legislatori statali il potere indipendente, non soggetto a revisione da parte dei tribunali statali, di stabilire regole elettorali in conflitto con le costituzioni statali.

Il caso ha il potenziale per influenzare molti aspetti delle elezioni del 2024, anche conferendo ai giudici il potere di influenzare la corsa presidenziale se sorgono controversie su come i tribunali statali interpretano le leggi elettorali statali.

Nell’affrontare il caso, la corte potrebbe capovolgere quasi ogni aspetto del processo elettorale americano, consentendo ai legislatori statali di stabilire nuove regole, regolamenti e distretti sulle elezioni federali con pochi controlli contro il superamento e potenzialmente creare un sistema caotico con regole e votazioni diverse ammissibilità alle elezioni presidenziali.

“La decisione della Corte Suprema sarà estremamente significativa per le elezioni presidenziali, le elezioni del Congresso e il distretto dei distretti congressuali”, ha affermato J. Michael Luttig, un ex giudice della corte d’appello federale. “E quindi, per la democrazia americana”.

Le protezioni contro le manipolazioni partigiane stabilite attraverso i tribunali statali potrebbero sostanzialmente svanire. La capacità di contestare le nuove leggi sul voto a livello statale potrebbe essere ridotta. E la teoria alla base del caso potrebbe aprire la porta ai legislatori statali che inviano le proprie liste di elettori.

Una cosa è accettare di ascoltare un caso, ovviamente, e un’altra è pronunciarsi su di essa. Ma quattro giudici hanno già espresso almeno provvisoriamente sostegno alla dottrina, prendendo una decisione di accettazione più che plausibile. La corte probabilmente ascolterà le argomentazioni in autunno ed emetterà la sua decisione l’anno prossimo.

Attualmente, i repubblicani hanno il controllo completo su 30 legislature statali, secondo alla Conferenza nazionale delle legislature statali, ed è stata la forza dietro un’ondata di nuove restrizioni di voto approvate lo scorso anno. E le legislature repubblicane negli stati chiave del campo di battaglia come Wisconsin, Pennsylvania e Carolina del Nord hanno usato il loro controllo sulla riorganizzazione dei distretti per bloccare efficacemente il potere per un decennio.

I democratici, a loro volta, controllano solo 17 legislature statali.

Il caso riguarda una mappa di voto disegnata dal legislatore della Carolina del Nord che è stata respinta come gerrymander partigiano dalla Corte Suprema dello Stato. I repubblicani che cercavano di ripristinare la mappa legislativa hanno sostenuto che il tribunale statale non aveva il potere di agire secondo la cosiddetta dottrina del legislatore statale indipendente.

READ  Appello di Amber Heard - ultimo: nessun accordo poiché l'attore allude alla sfida della sentenza di Johnny Depp

La dottrina si basa sulla lettura di due disposizioni simili della Costituzione degli Stati Uniti. Quello in questione nel caso della Carolina del Nord, il Clausola elettoraledice: “I tempi, i luoghi e le modalità di svolgimento delle elezioni dei senatori e dei rappresentanti, saranno prescritti in ogni Stato dal suo legislatore”.

Ciò significa, sostenevano i repubblicani della Carolina del Nord, che il legislatore statale ha la responsabilità esclusiva tra le istituzioni statali di disegnare distretti congressuali e che i tribunali statali non hanno alcun ruolo da svolgere.

La Corte Suprema della Carolina del Nord respinse l’argomentazione che non aveva il diritto di rivedere le azioni del legislatore statale, dicendo che sarebbe “ripugnante per la sovranità degli stati, l’autorità delle costituzioni statali e l’indipendenza dei tribunali statali, e produrrebbe conseguenze assurde e pericolose”.

In un precedente incontro con il caso a marzo, quando gli sfidanti senza successo cercato soccorso d’urgenzahanno affermato tre membri della Corte Suprema degli Stati Uniti avrebbe accolto la domanda.

“Questo caso presenta una questione eccezionalmente importante e ricorrente di diritto costituzionale, vale a dire, la portata dell’autorità di un tribunale statale di respingere le regole adottate da un legislatore statale per l’uso nello svolgimento delle elezioni federali”, ha affermato il giudice Samuel A. Alito Jr. ha scritto, insieme ai giudici Clarence Thomas e Neil M. Gorsuch.

Il giudice Brett M. Kavanaugh convenuto che la domanda era importante. “Il problema è quasi certo che continuerà a sorgere fino a quando il tribunale non lo risolverà definitivamente”, ha scritto.

Ma la corte dovrebbe considerarlo in modo ordinato, scrisse, al di fuori del contesto di un’imminente elezione. Ha scritto che la corte dovrebbe concedere una petizione per chiedere una revisione nel merito “in un caso appropriato, in questo caso dalla Carolina del Nord o in un caso simile da un altro stato”.

Alcuni precedenti della Corte Suprema degli Stati Uniti tendono a minare la dottrina del legislatore statale indipendente.

Quando il tribunale ha chiuso le porte dei tribunali federali alle denunce di gerrymandering partigiano Rucho v. Causa comune nel 2019, il presidente della Corte Suprema John G. Roberts Jr., scrivendo per i cinque membri più conservatori della corte, ha affermato che i tribunali statali potrebbero continuare a esaminare tali casi, anche nel contesto della riorganizzazione del Congresso.

Avvocati difendere la sentenza della Corte Suprema della Carolina del Nord nel nuovo caso ha affermato che era un cattivo veicolo per risolvere l’ambito della dottrina della legislatura statale indipendente, poiché la stessa legislatura aveva autorizzato i tribunali statali a rivedere la legislazione sulla riorganizzazione.

Durante il passato ciclo di riorganizzazione, i tribunali statali della Carolina del Nord, dell’Ohio e di New York hanno respinto le mappe appena disegnate come parte dei Gerrymander. Nel 2018, la Corte Suprema dello Stato della Pennsylvania ha respinto i distretti congressuali disegnati dai repubblicani.

Ma se la Corte Suprema abbracciasse la dottrina, “eliminerebbe completamente l’opportunità di mettere da parte le mappe di riorganizzazione basate sulla proposizione che sono una specie di gerrymander partigiano”, ha affermato David Rivkin, un esperto di diritto costituzionale federale che ha prestato servizio nel Reagan e George HW Bush e ha sostenuto la dottrina del legislatore statale indipendente.

Lascerebbe anche poche strade rimaste attraverso i tribunali per contestare le mappe del Congresso come incostituzionali. Il gerrymander partigiano sarebbe essenzialmente legale e un gerrymander razziale sarebbe l’unico modo per presentare una sfida.

Abbracciare la dottrina potrebbe anche finire per sventrare commissioni indipendenti di riorganizzazione distrettuale che sono state istituite dagli elettori attraverso un’iniziativa di votazione, come in Michigan e Arizona, e limitare il loro ambito ai soli distretti legislativi statali.

Ma una sentenza a favore della dottrina del legislatore statale indipendente ha conseguenze che potrebbero estendersi ben oltre le mappe del Congresso. Una tale decisione, affermano esperti legali, potrebbe limitare la capacità di un tribunale statale di annullare qualsiasi nuova legge di voto in merito alle elezioni federali e potrebbe limitare la loro capacità di apportare modifiche il giorno delle elezioni, come estendere l’orario di votazione in un luogo che ha aperto in ritardo a causa di cattive condizioni. difficoltà meteorologiche o tecniche.

READ  Il razzo SpaceX lancia in orbita 53 satelliti Starlink e gli assi atterrano in mare

“Non posso sopravvalutare quanto consequenziale, radicale e consequenziale potrebbe essere”, ha affermato Wendy Weiser, vicepresidente per la democrazia presso il Brennan Center for Justice. “Essenzialmente nessun altro oltre al Congresso sarebbe autorizzato a frenare alcuni degli abusi delle legislature statali”.

La decisione di esaminare il caso arriva come hanno cercato le legislature statali guidate dai repubblicani in tutto il paese strappare più autorità sull’amministrazione delle elezioni da parte di funzionari elettorali imparziali e segretari di stato. In Georgia, ad esempio, una legge approvata l’anno scorso ha privato il segretario di Stato di poteri significativi, compreso quello di presidente del consiglio elettorale di Stato.

Tali sforzi per assumere un controllo più di parte sull’amministrazione elettorale hanno preoccupato alcune organizzazioni per i diritti di voto che le legislature statali si stiano muovendo verso passi più estremi nelle elezioni che non vanno per il verso giusto, simili a piani escogitati dal team legale dell’ex presidente Donald J. Trump negli ultimi giorni della sua presidenza.

“Lo scenario da incubo”, il Brennan Center scritto a giugno“È che un legislatore, scontento di come un funzionario elettorale sul campo abbia interpretato le leggi elettorali del suo stato, invocherebbe la teoria come pretesto per rifiutarsi di certificare i risultati di un’elezione presidenziale e selezionare invece la propria lista di elettori. ”

Gli esperti legali notano che ci sono controlli costituzionali federali che impedirebbero a un legislatore di dichiarare semplicemente dopo un’elezione che ignorerà il voto popolare e invierà una lista alternativa di elettori. Ma se il legislatore approvasse una legge prima di un’elezione, ad esempio, stabilendo i parametri in base ai quali un legislatore potrebbe assumere un’elezione e inviare la sua lista di elettori, ciò potrebbe essere confermato secondo la dottrina del legislatore statale indipendente.

“Se questa teoria verrà accettata, le legislature dello stato rosso saranno intelligenti e inizieranno a mettere in atto queste cose prima del 2024”, ha affermato Vikram D. Amar, decano dell’Università dell’Illinois College of Law . “Quindi le regole sono in atto per loro di fare quello che vogliono”.

Adam Liptak segnalato da Washington, e Nick Corasaniti Da New York.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *