La Germania condanna a cinque anni di carcere l’ex guardia del campo nazista di 101 anni

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Un tribunale tedesco ha ritenuto colpevole un ex guardiano di un campo di concentramento di 101 anni di essere complice di migliaia di omicidi e lo ha condannato a cinque anni di carcere, l’ultimo di una serie di procedimenti giudiziari contro ex nazisti nel Paese.

Il centenario – che ha mantenuto la sua innocenza durante i suoi mesi di processo presso il tribunale statale di Neuruppin nella Germania orientale – è stato condannato per oltre 3.500 conteggi di complice di omicidio Martedì.

I pubblici ministeri lo hanno accusato di essere un complice del assassinio di migliaia di ebreiprigionieri politici e altre minoranze perseguitati dai nazisti nel campo di concentramento di Sachsenhausen dal 1942 al 1945.

“Hai volentieri sostenuto questo sterminio di massa con la tua attività”, ha detto un giudice all’uomo martedì, mentre il suo verdetto è stato letto in una palestra nella città di Brandenburg an der Havel, dove vive.

Presunta ex guardia nazista di 100 anni sarà processata per migliaia di capi di imputazione per essere complice di un omicidio

L’uomo, identificato a livello internazionale come Josef Schuetz e come Josef S. in Germania a causa delle leggi sulla privacy, ha più volte negato le accuse e ha affermato di essere un bracciante agricolo in un’altra area del paese, secondo Deutsche Welle. Non è stato identificato durante l’udienza di condanna.

“Non so perché sono qui”, ha detto Schuetz lunedì l’ultimo giorno del suo processo, secondo all’Agence France Presse. Il suo avvocato, Stefan Waterkamp, ​​non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento del Washington Post. Waterkamp aveva precedentemente detto all’AFP che lo avrebbe fatto impugnare un verdetto di colpevolezza.

READ  Percorso della tempesta invernale e quando colpirà le città degli Stati Uniti

Secondo Deutsche Welle, Schuetz è il persona più anziana mai provata in Germania per complicità con i crimini nazisti durante la seconda guerra mondiale.

Come Il Post ha precedentemente riportatoil processo e la recente condanna di Schuetz “riflettono il modo in cui le forze dell’ordine stanno correndo contro il tempo per portare una chiusura agli anziani sopravvissuti all’Olocausto e alle loro famiglie, poiché sempre più personale nazista e le loro vittime muoiono in vecchiaia”.

Un ex segretario del campo nazista di 96 anni doveva essere processato. Invece ha cercato di fuggire.

Durante il processo di Schuetz, iniziato in ottobre ed è stato sospeso più volte a causa della sua apparente malattia, i pubblici ministeri hanno fatto affidamento su vecchi documenti di identità per costruire un caso secondo cui era una guardia nazista a Sachsenhausen tra il 1942 e il 1945, periodo durante il quale hanno affermato che aiutato e favorito l’omicidio di diversi gruppi di prigionieri mediante fucilazione e gas velenosi, secondo all’AFP.

Decine di migliaia di persone sono morte Sachsenhausenun campo di lavoro forzato e di sterminio dove si trovavano ebrei, prigionieri di guerra sovietici e altre minoranze perseguitate ucciso sparando e camera a gas. Il campo fu liberato dalle forze sovietiche nell’aprile 1945.

Schuetz durante il processo ha affermato di non sapere cosa stesse accadendo nel campo di concentramento e ha fornito resoconti contrastanti su dove si trovasse durante la seconda guerra mondiale, ha riferito l’AFP.

“La corte è giunta alla conclusione che, contrariamente a quanto lei sostiene, lei ha lavorato nel campo di concentramento come guardia per circa tre anni”, ha detto a Schuetz il presidente Udo Lechtermann, secondo l’agenzia di stampa tedesca dpa.

READ  Video di Josh Hawley in fuga dal 19 gennaio. 6 I rivoltosi del Campidoglio accendono meme

Un tribunale tedesco ha stabilito un precedente nel 2011 con la condanna di John Demjanjukun 91enne accusato di essere complice di 28.000 omicidi mentre lavorava come guardia nel campo di concentramento di Sobibor in Polonia.

La decisione della corte ha aperto la strada a condanne che si basavano in gran parte sul fatto che l’imputato avesse prestato servizio in un campo di sterminio nazista dove erano stati commessi crimini. I pubblici ministeri in precedenza dovevano provare che l’imputato aveva commesso crimini specifici contro qualcuno, una soglia più alta, dati i presunti eventi accaduti decenni fa. Demjanjuk, chi morto nel 2012ha negato di essere stato una guardia.

Mentre gli anziani condannati per essere ex nazisti in genere non dovrebbero scontare la pena in prigione, alcuni litigare che perseguirli e condannarli possa restituire una misura di giustizia ai discendenti delle loro vittime e garantire che i loro crimini non vengano ignorati.

Gli Stati Uniti deportano l’ex guardia nazista il cui ruolo in tempo di guerra era annotato su una carta trovata in mezzo a una nave affondata

Andrew Jeong ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *