La Russia pone il veto all’azione di sicurezza delle Nazioni Unite sull’Ucraina mentre la Cina si astiene

NAZIONI UNITE, 25 febbraio (Reuters) – La Russia ha posto il veto venerdì a una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU che avrebbe deplorato l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, mentre la Cina si è astenuta dal voto, una mossa che i paesi occidentali considerano una vittoria per aver mostrato l’isolamento internazionale della Russia.

Anche gli Emirati Arabi Uniti e l’India si sono astenuti dal voto sul testo redatto dagli Stati Uniti. I restanti 11 membri del consiglio hanno votato a favore. La bozza di risoluzione dovrebbe ora essere adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, composta da 193 membri.

“Siamo uniti dietro l’Ucraina e il suo popolo, nonostante un membro permanente sconsiderato e irresponsabile del Consiglio di sicurezza abbia abusato del suo potere di attaccare il suo vicino e sovvertire l’ONU e il nostro sistema internazionale”, ha detto l’ambasciatore statunitense Linda Thomas-Greenfield dopo che la Russia ha posto il suo veto .

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La Russia è un potere di veto del Consiglio di sicurezza, insieme a Stati Uniti, Cina, Francia e Gran Bretagna.

L’astensione della Cina arriva poche settimane dopo che Pechino e Mosca hanno dichiarato una partnership “senza limiti”, sostenendosi a vicenda sugli stalli su Ucraina e Taiwan con la promessa di collaborare di più contro l’Occidente. Per saperne di più

L’ambasciatore russo delle Nazioni Unite Vassily Nebenzia ha ringraziato i membri del Consiglio di sicurezza che non hanno sostenuto la bozza, che ha definito anti-russa.

“La tua bozza di risoluzione non è altro che l’ennesima mossa brutale e disumana in questa scacchiera ucraina”, ha detto Nebenzia dopo il voto.

READ  La Cina invia navi, jet vicino a Taiwan mentre aumentano le tensioni nello stretto

C’è stato un raro applauso nella camera del Consiglio di sicurezza dopo che l’ambasciatore ucraino delle Nazioni Unite Sergiy Kyslytsya ha tenuto un momento di silenzio durante la sua dichiarazione per ricordare le persone uccise.

“Non sono sorpreso che la Russia abbia votato contro. La Russia è entusiasta di continuare la sua linea d’azione in stile nazista”, ha detto.

‘RUSSIA ISOLATA’

Il voto delle Nazioni Unite è stato ritardato di due ore per i negoziati dell’ultimo minuto da parte degli Stati Uniti e di altri per ottenere l’astensione della Cina, hanno affermato i diplomatici.

Il consiglio ha ammorbidito il linguaggio nella sua risoluzione dicendo che “deplora” “l’aggressione contro l’Ucraina” della Russia da “condanna”, mentre un riferimento al capitolo 7 della Carta delle Nazioni Unite, che si occupa di sanzioni e autorizzazione alla forza, è stato rimosso insieme a un riferimento al “presidente”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha invaso l’Ucraina mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito a New York alla fine di mercoledì per cercare di disinnescare settimane di crescenti tensioni. Per saperne di più

“Non commettere errori. La Russia è isolata. Non ha alcun sostegno per l’invasione dell’Ucraina”, ha detto al consiglio l’ambasciatore britannico delle Nazioni Unite Barbara Woodward dopo il voto.

READ  Biden si aspetta che gli investimenti statunitensi di Intel migliorino la sua agenda cinese

Il progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza richiedeva che la Russia “cessasse immediatamente l’uso della forza contro l’Ucraina” e “ritirasse immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti”.

La bozza richiedeva anche alla Russia di revocare il riconoscimento di due stati separatisti nell’Ucraina orientale come indipendenti.

“E’ motivo di rammarico che la strada della diplomazia sia stata abbandonata. Dobbiamo tornarci. Per tutti questi motivi l’India ha scelto di astenersi da questa risoluzione”, ha detto al consiglio l’ambasciatore indiano delle Nazioni Unite TS Tirumurti.

L’ambasciatrice degli Emirati Arabi Uniti Lana Nusseibeh ha affermato che il suo paese ha sostenuto l’enfasi della bozza di risoluzione sul rispetto del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite e si è impegnata per l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite.

In piedi fuori dall’aula del Consiglio di sicurezza, il segretario generale Antonio Guterres ha detto: “Non dobbiamo mai arrenderci”.

“È importante ricordare che l’ONU non è solo la camera dietro di me. Sono decine di migliaia di donne e uomini in tutto il mondo”, ha affermato. “Restare in piedi, consegnare, estendere un’ancora di salvezza”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Michelle Nichols e Humerya Pamuk Montaggio di Sam Holmes e Rosalba O’Brien

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *