La Russia prende a pugni l’Ucraina con missili e attacchi di droni, ferendo civili

Commento

KIEV, Ucraina — Bruciata dai fallimenti militari e dal suo evidente isolamento in una settimana di importanti incontri globali, giovedì la Russia ha scatenato il suo secondo grande sbarramento missilistico contro l’Ucraina in tre giorni, accusando Kiev di rifiutare i colloqui di pace e avvertendo di ulteriori attacchi a infrastrutture critiche.

Gli attacchi di giovedì hanno ferito decine di civili e danneggiato infrastrutture nel sud e nell’est del paese, compresi gli impianti di gas, hanno detto funzionari ucraini, mentre la Russia cercava di degradare l’economia ucraina e indebolire la sua volontà di combattere durante i gelidi mesi invernali del paese. Giovedì a Kiev è caduta la prima neve.

Il bombardamento è stato l’ultimo di un assalto implacabile ai sistemi energetici ucraini iniziato all’inizio del mese scorso e rifletteva le limitate opzioni strategiche di Mosca a seguito di una serie di sconfitte sul campo di battaglia, inclusa la sua ritirata dalla città di Kherson nel sud.

Con le sue forze di terra sconfitte e la perdita di territorio, la Russia ha fatto ricorso a bombardamenti a lungo raggio, mentre lotta per addestrare ed equipaggiare decine di migliaia di nuovi coscritti, molti dei quali potrebbero non avere alcun desiderio di combattere nella fallimentare guerra del presidente russo Vladimir Putin.

Dopo che la maggior parte dei leader del Gruppo dei 20 in un vertice in Indonesia questa settimana ha condannato fermamente la guerra della Russia contro l’Ucraina, giovedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha cercato di addossare la colpa a Kiev per la mancanza di elettricità e riscaldamento in molte parti dell’Ucraina – interruzioni che sono state un conseguenza diretta degli attacchi militari della Russia.

I blackout si sono verificati a causa “della riluttanza della parte ucraina a risolvere il problema, ad avviare negoziati”, ha detto Peskov. Parlando con i giornalisti, ha affermato che la Russia ha colpito solo obiettivi di importanza militare e ha avvertito che Mosca avrebbe raggiunto i suoi obiettivi in ​​Ucraina attraverso colloqui di pace o continue azioni militari.

Villaggio di confine nella Polonia orientale colpito dalle ricadute mortali della guerra della porta accanto

“Prima negoziano, poi si rifiutano di negoziare, poi approvano una legge che proibisce qualsiasi tipo di negoziato, poi dicono che vogliono negoziati ma pubblici”, ha detto Peskov, respingendo l’appello del presidente ucraino Volodymyr Zelensky mercoledì a tenere qualsiasi negoziato. .in pubblico.

READ  Il ponte che unisce Crimea e Russia ha un significato speciale per Putin

Sembra esserci una disponibilità limitata o nulla a cedere terreno da entrambe le parti, con Mosca che insiste sul fatto che il territorio ucraino annesso illegalmente sarà per sempre terra russa. L’Ucraina, nel frattempo, chiede il ritiro completo della Russia da tutto il territorio ucraino, compresa la Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014.

Il ripristino della sovranità territoriale faceva parte di un piano di pace in 10 punti presentato da Zelensky ai leader del G-20 questa settimana. Il piano prevedeva anche che la Russia pagasse i risarcimenti.

Giovedì il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha accusato Kiev di aver posto i presupposti per i colloqui, il che, secondo lui, ha dimostrato che l’Ucraina non era interessata ai negoziati.

Ma Ryabkov ha affermato che l’impegno della Russia per la sua integrità territoriale incondizionata è incrollabile, anche “all’interno dei territori costituenti che sono stati recentemente ammessi alla Federazione Russa”. Questo non era lo stesso che stabilire le precondizioni per i colloqui, ha detto.

Funzionari ucraini hanno affermato che i continui bombardamenti di giovedì hanno dimostrato la vacuità delle affermazioni della Russia di essere disposta a negoziare.

In un piccolo segno di compromesso, giovedì la Russia ha accettato un’estensione di 120 giorni mediata dalla Turchia di un accordo sull’esportazione di grano, consentendo all’Ucraina di spedire grano da tre porti, dopo che Mosca aveva precedentemente minacciato di non estendere l’accordo.

Giovedì il ministero degli Esteri russo ha affermato che si trattava di un “prolungamento tecnico” dell’accordo, senza alcuna obiezione da parte.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato di essersi assicurato impegni per continuare l’accordo, che è considerato cruciale per prevenire una crisi alimentare globale.

“Si è visto chiaramente quanto sia importante e vantaggioso questo accordo per l’approvvigionamento alimentare e la sicurezza del mondo, con la consegna di oltre 11 milioni di tonnellate di cereali e generi alimentari a chi ne ha bisogno con quasi 500 navi negli ultimi quattro mesi, Lo ha detto Erdogan in una nota. Ha espresso gratitudine a Putin e Zelensky, nonché al segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Negli Emirati Arabi Uniti, i russi in fuga dalla guerra in Ucraina cercano il successo a “Dubaisk”

Martedì, durante una brutale raffica, la Russia ha lanciato più di 90 missili e 11 droni iraniani contro l’Ucraina, secondo i funzionari ucraini. Un missile – che ora si ritiene provenga dalle difese aeree ucraine – è atterrato nella Polonia orientale, uccidendo due uomini nel villaggio di Przewodow.

READ  Inondazioni a Seoul: precipitazioni record nella capitale sudcoreana almeno 8 vittime mentre l'acqua inonda gli edifici, sommerge le auto

Nella notte di mercoledì, almeno sette persone sono state uccise in un attacco russo nella città di Vilniansk, nella regione di Zaporizhzhia, hanno detto funzionari ucraini.

Zelensky ha insistito mercoledì sul fatto che il missile che ha colpito la Polonia non è stato lanciato dai suoi militari, dicendo di non avere “alcuni dubbi” su questo nonostante l’intelligence e i primi risultati investigativi annunciati dal presidente polacco Andrzej Duda e dalla NATO. Giovedì, Duda ha visitato la scena dell’incidente, ma ha indicato che è improbabile che l’Ucraina possa partecipare presto alle indagini.

La posizione di Zelensky, tuttavia, è stata respinta dal presidente Biden nelle prime ore di giovedì.

Alla domanda sull’affermazione di Zelensky dopo essere sbarcato da Marine One poco dopo il suo ritorno alla Casa Bianca dal vertice dei leader del Gruppo dei 20 in Indonesia, Biden ha detto: “Questa non è la prova”.

Appena mezz’ora dopo, alle 8 del mattino ora locale in Ucraina, le sirene dei raid aerei hanno suonato in tutto il paese.

E circa un’ora dopo, le autorità locali hanno riferito che le difese aeree dell’Ucraina stavano abbattendo missili e droni russi, ma che alcuni obiettivi di infrastrutture energetiche e industriali erano stati colpiti.

A Dnipro, un capoluogo regionale dell’Ucraina centrale, le riprese della telecamera sul cruscotto hanno mostrato una gigantesca esplosione al centro di una strada cittadina mentre i veicoli percorrevano un’autostrada principale. Zelensky ha pubblicato il video, che il Washington Post non è stato immediatamente in grado di verificare in modo indipendente.

“Mattina. Una città tranquilla e il desiderio delle persone di vivere una vita normale. Vai al lavoro, per lavoro. Attacco missilistico! Zelensky ha scritto in un commento che accompagna il video.

Valentyn Reznichenko, governatore della regione di Dnipropetrovsk, ha postato sul suo canale Telegram che i missili russi hanno colpito due distretti di Dnipro, provocando un “grande incendio” e danneggiando edifici residenziali. Ha detto che 14 persone sono state ricoverate in ospedale con ferite, tra cui una ragazza di 15 anni.

READ  Xi visita una Hong Kong trasformata dalla repressione: aggiornamenti in tempo reale

Il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha dichiarato giovedì a una conferenza economica a Kiev che i russi stavano “bombardando le nostre imprese a Dnipro”, incluso il produttore aerospaziale Pivdenmash.

Il missile in Polonia è stato un incidente, dice la NATO. Ma la paura delle ricadute rimane.

Oleksiy Chernyshov, il capo della compagnia energetica statale ucraina, Naftogaz, ha dichiarato giovedì in una dichiarazione che la Russia ha lanciato un “massiccio attacco” all’infrastruttura di produzione del gas della compagnia. “Attualmente, sono noti diversi oggetti distrutti. Altri hanno subito danni di varia entità”, ha detto Chernyshov.

Anche altre aree del paese hanno riportato distruzioni e vittime. Sulla costa del Mar Nero, le autorità hanno riferito che tre persone sono rimaste ferite durante gli attacchi nella regione di Odessa. Funzionari militari hanno affermato che i russi hanno lanciato missili da crociera dal Mar Nero e da due bombardieri Su-30. Sei missili sono stati abbattuti, hanno detto.

Kharkiv Gov. Oleh Syniehubov ha affermato che quattro missili hanno colpito infrastrutture critiche nella regione di Izyum, nell’Ucraina orientale. Otto persone sono rimaste ferite, ha detto l’ufficio del procuratore regionale.

L’amministrazione militare di Kiev ha pubblicato su Telegram che le difese aeree hanno abbattuto quattro missili e cinque droni autodetonanti, ma ha affermato che non ci sono stati attacchi su edifici o infrastrutture.

Tuttavia, il governatore della regione di Kiev, Oleksiy Kuleba, ha affermato che la situazione dell’elettricità è “difficile” e che sono previste interruzioni di corrente programmate.

Ma anche con i missili in volo, Erdogan ha annunciato giovedì di essersi assicurato impegni per continuare l’accordo provvisorio a protezione delle esportazioni di grano ucraino dai porti del Mar Nero, un accordo considerato cruciale per prevenire una crisi alimentare globale.

“A seguito dei colloqui a quattro ospitati dalla Turchia, l’accordo sul corridoio del grano del Mar Nero è stato prorogato di 120 giorni a partire dal 19 novembre 2022, in linea con la decisione presa tra Turchia, Nazioni Unite, Federazione Russa e Ucraina, Lo ha detto Erdogan in una nota.

Dixon segnalato da Riga, Lettonia. Zeynep Karatas a Istanbul e Loveday Morris in Przewodow, Polonia, ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *