La Russia spinge all’offensiva, raccoglie cadaveri a Mariupol ‘liberata’

  • La lotta per Mariupol è stata la più grande battaglia di guerra
  • Putin afferma che la Russia ha “liberato” la città
  • Gli Stati Uniti invieranno droni “Ghost” di nuova concezione in Ucraina

KIEV / MARIUPOL, 22 aprile (Reuters) – La Russia ha lanciato venerdì la sua nuova offensiva nell’Ucraina orientale mentre nella città portuale di Mariupol, squadre di volontari hanno raccolto i cadaveri dalle rovine dopo che Mosca ha dichiarato la vittoria nonostante le forze ucraine abbiano resistito.

Lo stato maggiore dell’Ucraina ha affermato che le forze russe hanno intensificato gli attacchi lungo l’intera linea del fronte nell’est del paese e stanno cercando di organizzare un’offensiva nella regione di Kharkiv, a nord dell’obiettivo principale della Russia, il Donbas.

La Russia afferma di aver vinto la battaglia di Mariupol, la più grande battaglia della guerra, avendo preso la decisione di non tentare di sradicare migliaia di truppe ucraine ancora rintanate in un’enorme acciaieria che occupa gran parte del centro della città.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Kiev afferma che 100.000 civili sono ancora all’interno della città e necessitano di una completa evacuazione. Dice che la decisione di Mosca di non prendere d’assalto le acciaierie Azovstal è la prova che la Russia non ha le forze per sconfiggere i difensori ucraini.

In una zona della città controllata dai russi, le armi erano in gran parte taciute e i residenti dall’aspetto stordito si sono avventurati per le strade sullo sfondo di condomini carbonizzati e auto distrutte. Alcuni trasportavano valigie e articoli per la casa.

Volontari in tute e maschere ignifughe bianche hanno vagato per le rovine, raccogliendo corpi dagli appartamenti e caricandoli su un camion contrassegnato dalla lettera “Z”, simbolo dell’invasione russa.

READ  Aggiornamenti in tempo reale del Pakistan: Imran Khan e notizie della Corte Suprema

Maxar, una società satellitare commerciale, ha affermato che le immagini dallo spazio mostravano fosse comuni appena scavate alla periferia della città. L’Ucraina stima che decine di migliaia di civili siano morti in città durante quasi due mesi di bombardamenti e assedi russi.

Le Nazioni Unite e la Croce Rossa affermano che il bilancio dei civili è ancora inconoscibile ma almeno a migliaia. La Russia nega di prendere di mira i civili e afferma di aver salvato la città dai nazionalisti.

A Zaporizhzhia, dove 79 residenti di Mariupol sono arrivati ​​nel primo convoglio di autobus autorizzati dalla Russia a partire per altre parti dell’Ucraina, Valentyna Andrushenko ha trattenuto le lacrime ricordando il calvario sotto assedio.

“Loro (i russi) ci hanno bombardato dal primo giorno. Stanno demolendo tutto. Cancellalo e basta”, ha detto della città.

Kiev ha detto che non sono previste nuove evacuazioni per venerdì. Mosca afferma di aver portato in Russia 140.000 residenti di Mariupol; Kiev dice che molti di loro sono stati deportati con la forza in quello che sarebbe stato un crimine di guerra.

Il sindaco della città, Vadym Boichenko, che non è più all’interno di Mariupol, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno solo di una cosa: la completa evacuazione della popolazione. Circa 100.000 persone rimangono a Mariupol”.

I paesi occidentali credono che il presidente Vladimir Putin desideri disperatamente dimostrare una vittoria dopo che le sue forze sono state sconfitte il mese scorso nel tentativo di catturare la capitale Kiev.

READ  Il telescopio spaziale James Webb e una ricerca condivisa da ogni essere umano

In un discorso a tarda notte, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskiy ha affermato che la Russia sta facendo tutto il possibile “per parlare almeno di alcune vittorie”.

“Possono solo rimandare l’inevitabile: il momento in cui gli invasori dovranno lasciare il nostro territorio, anche da Mariupol, una città che continua a resistere alla Russia indipendentemente da ciò che dicono gli occupanti”, ha detto Zelenskiy.

Il vice comandante del distretto militare centrale della Russia ha affermato che la Russia intende assumere il pieno controllo del Donbas e dell’Ucraina meridionale come parte della seconda fase della sua operazione militare.

Rustam Minnekayev, citato dall’agenzia di stampa Interfax, ha anche affermato che la Russia intende creare un corridoio terrestre tra la Crimea, la penisola del Mar Nero che la Russia ha annesso nel 2014 e il Donbas.

Abbandonare lo sforzo di sconfiggere gli ultimi difensori ucraini a Mariupol – porto principale del Donbas – libera più truppe russe per il principale sforzo militare, un assalto da più direzioni alle città di Kramatorsk e Sloviansk, per tagliare la principale forza militare ucraina in l’est.

In un incontro televisivo al Cremlino giovedì, Putin si è congratulato con il suo ministro della Difesa e le truppe russe per lo “sforzo di combattimento per liberare Mariupol” e ha affermato che non era necessario assaltare lo stabilimento di Azovstal.

“Non c’è bisogno di arrampicarsi in queste catacombe e strisciare sottoterra attraverso queste strutture industriali … Bloccare questa zona industriale in modo che nemmeno una mosca possa attraversarla”, ha detto Putin.

Il leader del Cremlino, apparso solo di rado in pubblico nelle ultime settimane, ha parlato con esitazione, appena al di sopra di un sussurro, stringendo forte l’estremità del tavolo con una mano per tutto il videoclip di 10 minuti diffuso dal Cremlino.

READ  Gli Stati Uniti prevedono di imporre sanzioni e restrizioni all'esportazione alla Russia se invaderà l'Ucraina

L’intelligence militare britannica ha anche riferito di pesanti combattimenti nell’est mentre le forze russe hanno cercato di avanzare verso gli insediamenti, ma hanno affermato che i russi stavano soffrendo per le perdite subite all’inizio della guerra e stavano inviando attrezzature in Russia per la riparazione.

La Russia definisce la sua invasione una “operazione militare speciale” per smilitarizzare e “denazificare” l’Ucraina. Kiev ei suoi alleati occidentali lo rifiutano come falso pretesto per una guerra che ha ucciso migliaia di persone e sradicato un quarto della popolazione ucraina.

Giovedì gli Stati Uniti hanno autorizzato altri 800 milioni di dollari in aiuti militari per l’Ucraina, inclusa l’artiglieria pesante e i droni “Ghost” appena scoperti che vengono distrutti dopo aver attaccato i loro obiettivi. leggi di più

“Siamo in una finestra temporale critica ora in cui prepareranno le basi per la prossima fase di questa guerra”, ha affermato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reportage dei giornalisti Reuters; Scrivendo Stephen Coates, Robert Birsel; Montaggio di Himani Sarkar e Angus MacSwan

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *