Le azioni asiatiche hanno visto guadagni mentre gli investitori aspettavano i dati sull’occupazione negli Stati Uniti

Nel mezzo dell’epidemia della malattia da virus corona (COVID-19), la Borsa di Tokyo (TSE) ha monitorato i prezzi dell’indice azionario rispetto al dollaro USA e al tasso di cambio dello yen giapponese dall’inizio delle negoziazioni nel 2022. Tokyo, Giappone, 4 gennaio 2022. REUTERS / Issei Kato

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

HONG KONG, 7 gennaio (Reuters) – Le azioni asiatiche sono scese per due giorni venerdì, poiché i dati degli investitori sui posti di lavoro statunitensi a fine giornata sono aumentati in attesa di vedere se un forte aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti potrebbe rafforzare la domanda.

Ampio indice dell’MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) 0,3%, in aumento dell’1,2% sulla scala australiana (.AXJO) Le azioni bancarie erano in testa nonostante il Nikkei . giapponese (.N225) I primi guadagni sono scesi allo 0,66%.

I futures Nasdaq sono aumentati dello 0,5% negli scambi asiatici precedenti, lasciando alcuni guadagni in aumento dello 0,25%, e i futures su azioni S&P 500 e-Mini sono aumentati dello 0,17%.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Kerry Craig, stratega del mercato globale presso JPMorgan Asset Management, ha affermato che i rendimenti statunitensi sono stati un fattore chiave del mercato questa settimana dopo il rilascio dei verbali di dicembre della Federal Reserve.

I verbali pubblicati mercoledì hanno mostrato che un mercato del lavoro ristretto e un’inflazione persistente potrebbero costringere la Federal Reserve statunitense ad aumentare i tassi ancora più bruscamente quest’anno.

“Anche se vediamo un leggero calo dei rendimenti alla fine della sessione, condividiamo il futuro e vediamo cosa è ora aperto in Asia”, ha detto Craig.

READ  Scuole di Chicago: il sindaco afferma che gli studenti delle scuole pubbliche torneranno in classe mercoledì dopo che l'Associazione degli insegnanti ha sospeso il lavoro

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni di riferimento è stato dell’1,7211% la scorsa notte, raggiungendo l’1,7530% durante la notte, il massimo dall’aprile 2021 all’1,5118% nel 2021.

Il rendimento a due anni, che è strettamente legato alle aspettative di inflazione, ha oscillato da un massimo notturno dello 0,886% allo 0,8656%.

Craig di JPMorgan ha affermato che gli investitori stanno aspettando che i dati sui salari agricoli non statunitensi arrivino a fine venerdì e i dati sull’inflazione per la prossima settimana.

I titoli tecnologici ad alto rendimento sono stati colpiti questa settimana dal momento che gli investitori si sono trasformati in azioni di società che si comportano bene in ambienti ad alto tasso come le banche.

Il benchmark asiatico di MSCI, che dà un peso significativo a molti importanti nomi della tecnologia, è sceso dell’1,1% questa settimana, sebbene i titoli tecnologici abbiano registrato un rally venerdì, in particolare dalla Samsung Electronics Co Ltd della Corea del Sud. (005930.KS). Samsung è cresciuta dell’1,4% dopo aver registrato il suo miglior utile operativo trimestrale in quattro anni. Per saperne di più

Durante la notte, le azioni statunitensi sono scese leggermente con rendimenti in aumento, ma le perdite sono state ampiamente compensate dal forte calo della settimana precedente.

Nei mercati valutari, i rendimenti più elevati rappresentano l’indice del dollaro, che misura il biglietto verde contro sei valute, in rialzo dello 0,63% questa settimana.

Venerdì, il biglietto verde ha mantenuto i suoi guadagni contro la maggior parte delle major, avanzando dello 0,1% contro lo yen, che era di 115,94 contro il dollaro, il suo massimo quinquennale di 116,34 martedì.

READ  Spirit e Frontier Airlines hanno in programma di fondersi

I prezzi del petrolio sono aumentati alla notizia che i paramedici russi erano arrivati ​​in Kazakistan per sedare i disordini, sebbene la produzione nel paese produttore dell’OPEC+ sia rimasta in gran parte inalterata. Per saperne di più

Il greggio Brent è cresciuto dello 0,6% a 82,48 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è cresciuto dello 0,6% a 79,96 dollari.

Dopo aver toccato il minimo di due settimane a $ 1.788,25 giovedì, l’oro spot è aumentato dello 0,15% a $ 1.791,85 l’oncia, con i rendimenti dei titoli del Tesoro statunitensi che hanno colpito la domanda per il metallo.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Stella Q a Pechino, Kanupriya Kapoor a Singapore e Alun John a Hong Kong; Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *