Le azioni estendono le perdite mentre il trading volatile continua, Snap trascina al ribasso le azioni tecnologiche

Le azioni statunitensi sono crollate martedì, riportando l’S&P 500 sulla buona strada verso un mercato ribassista mentre una serie di forti vendite è ripresa a Wall Street.

L’S&P 500 è crollato del 2,1% e il Dow Jones Industrial Average ha perso 400 punti, o l’1,3%. Il Nasdaq Composite è crollato del 3,3% a causa della rinnovata pressione sui titoli tecnologici sulla scia delle prospettive deludenti della piattaforma di social media Snap (AFFRETTATO) che ha inviato azioni della società fino al 40%mettendolo al passo con il più grande calo di un giorno mai registrato.

Le mosse estendono una serie di oscillazioni selvagge nelle azioni dopo una breve tregua lunedì, ma si basano su una tendenza al ribasso più ampia in mezzo a mesi di vendite a Wall Street. La chiusura di lunedì ha segnato solo la 13a volta su 98 giorni di negoziazione quest’anno l’S&P 500 ha chiuso in territorio positivo, secondo i dati di Bespoke Investment Group.

La flessione delle azioni martedì è stata stimolata dalla pressione sui titoli tecnologici dopo Snap Inc. Il CEO Evan Spiegel ha tagliato le previsioni dell’azienda, citando l’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse, i vincoli della catena di approvvigionamento e le interruzioni del lavoro.

La caduta di Snap ha trascinato giù anche altri colleghi tecnologici. Azioni di Meta Piattaforme (FB) è sceso fino al 10% e le azioni di Alphabet (GOOG) è diminuito del 6%.

Il gigante dei social media è l’ultimo tra un numero crescente di società statunitensi che hanno declassato le proprie prospettive per i timori che le pressioni macroeconomiche siano pronte a pesare sui margini. La scorsa settimana, una serie di guadagni deludenti dei principali rivenditori al dettaglio ha affermato i timori che l’inflazione e i continui problemi della catena di approvvigionamento stiano colpendo i bilanci aziendali.

READ  La storia di March Madness fatta quando San Pietro sconvolge Purdue, diventando la prima n. 15 teste di serie per giocare in Elite Eight

“Ci sarebbe stato sicuramente un ritorno dall’aumento dei profitti indotto dalla pandemia che molte aziende hanno sperimentato, ma quel ritorno potrebbe essere più grande di quanto si pensasse inizialmente”, ha affermato Brian Jacobsen, senior investment strategist di Allspring Global Investments in una nota inviata via email. “Le aziende devono fare i conti con costi di input più elevati, consumatori vincolati da prezzi elevati e modelli di spesa mutevoli”.

Durante la stagione degli utili del primo trimestre, 338 delle 460 società dell’S&P 500 che hanno riportato risultati finora hanno citato il termine “catena di approvvigionamento” durante le chiamate con gli investitori – il terzo numero più alto di volte almeno dal 2010, ricerca da FactSet indicato. Con i risultati in uscita questa settimana da nomi di consumatori tra cui Macy’s (M), Articoli sportivi di Dick (DKS), e l’ultima bellezza (ULTA), Wall Street si prepara a ricevere altre cattive notizie.

Una serie di dati economici è anche in coda per gli investitori fino a venerdì, con una seconda stima del PIL statunitense del primo trimestre in uscita entro la fine della settimana, insieme a una nuova lettura delle spese mensili per consumi personali (PCE), l’inflazione preferita dalla Federal Reserve misurare.

10:58 ET: le vendite di nuove case scendono ai minimi dall’inizio del 2020

Le vendite di nuove case negli Stati Uniti sono diminuite di più in quasi nove anni al livello più basso dall’inizio della pandemia di COVID-19. Il calo arriva quando i costi di costruzione elevati e l’aumento dei tassi ipotecari pesano sull’accessibilità economica.

Le vendite di nuove case negli Stati Uniti sono scese del 16,6% mese su mese a un tasso annuo destagionalizzato di 591.000 nell’aprile del 2022. La cifra segna la stampa più bassa in due anni e scende al di sotto dei 750.000 economisti intervistati da Bloomberg avevano previsto.

READ  Le azioni Amazon aumentano con buoni rendimenti. I prezzi delle prime stanno aumentando.

Anche il ritmo delle vendite di marzo è stato rivisto al ribasso a 709.000 unità dalle 763.000 unità precedentemente riportate.

“Il contesto macroeconomico si è deteriorato più rapidamente di quanto pensassimo solo un mese fa, con le vendite di nuove case in calo sotto il peso dei costi di finanziamento più elevati e delle valutazioni delle case in cui anche il costo degli acquirenti di case a gas che mettono in macchina per visitare nuove case è alle stelle, “L’economista capo di FWDBONDS Christopher Rupkey ha dichiarato in una nota.

9:34 ET: Le azioni riprendono le perdite mentre continuano le forti vendite a Wall Street

Ecco le principali mosse nei mercati all’inizio del trading martedì:

  • S&P 500 (^ GSPC): da -40,20 (-1,01%) a 3.933,55

  • Dow (DJI): da -141,29 (-0,44%) a 31.738,95

  • Nasdaq (IXIC): -209,61 (-1,82%) a 11.325,66

  • grezzo (CL = F): – $ 0,20 (-0,18%) a $ 110,09 al barile

  • Oro (GC = F): + $ 11,50 (+ 0,62%) a $ 1.859,30 per oncia

  • Tesoro decennale (TNX): -4,9 bps per un rendimento del 2,8100%

8:30 ET: le azioni di Abercrombie stanno andando a gonfie vele dopo i guadagni

Abercrombie & Fitch (ANF) le azioni sono scese fino al 25% nelle negoziazioni pre-mercato dopo che la società ha ridotto le sue previsioni per l’intero anno nella sua ultima relazione trimestrale.

Per l’intero anno 2022, la società ora prevede che la crescita delle vendite rientrerà in un intervallo da piatto a solo il 2%, in calo rispetto a una precedente previsione di crescita delle vendite del 2% -4%. Nel tagliare le sue previsioni, la società ha citato “l’impatto negativo della valuta estera e un presunto impatto inflazionistico sulla domanda dei consumatori”.

READ  Chelsea-Liverpool in diretta! Punteggio, aggiornamenti, come guardare la finale di FA Cup

Dopo un aumento del 4% delle vendite durante il primo trimestre, ANF prevede che le vendite del secondo trimestre cadranno nelle “basse cifre singole” rispetto all’anno precedente. La società ha attribuito questo calo all’impatto dei blocchi legati al COVID in Cina, nonché all’effetto negativo che l’inflazione sta avendo sulle abitudini dei consumatori.

“Guardando al futuro, prevediamo che i costi più elevati rimarranno un ostacolo almeno fino alla fine dell’anno”, il CEO Fran Horowitz detto nel comunicato degli utili della società.

“Ci aspettiamo uno sgravio del trasporto merci nel quarto trimestre in occasione dell’anniversario dell’aumento dell’utilizzo dell’aria lo scorso anno a causa della chiusura del Vietnam. Continueremo a gestire le spese in modo rigoroso e ci impegniamo a trovare opportunità per compensare questi costi proteggendo al contempo gli investimenti strategici nel marketing, nella tecnologia e nel nostro esperienza del cliente, che dovrebbe guidare una crescita delle vendite sostenuta e a lungo termine. ”

7:17 ET: I futures indicano perdite continue dopo le previsioni di tagli di Snap

Ecco dove i futures su azioni erano nelle negoziazioni pre-mercato martedì:

  • S&P 500 futures (ES = F): da -41,00 (-1,03%) a 3.930,75

  • Dow futures (YM = F): da -200,00 (-0,63%) a 31.639,00

  • Future Nasdaq (QN = F): -195,50 (-1,62%) a 11.839,75

  • grezzo (CL = F): + $ 0,41 (+ 0,37%) a $ 110,70

  • Oro (GC = F): + $ 8,50 (+ 0,46%) a $ 1.856,30 per oncia

  • Tesoro decennale (TNX): +7,2 bps per un rendimento del 2,8590%

NEW YORK, NEW YORK – 23 MAGGIO: La gente cammina dalla borsa di New York (NYSE) il 23 maggio 2022 a New York City. Dopo una settimana di forti perdite, i mercati sono saliti nelle contrattazioni del lunedì mattina. (Photo by Spencer Platt / Getty Images)

Alexandra Semenova è una giornalista di Yahoo Finance. Seguila su Twitter @alexandraandnyc

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance

Segui Yahoo Finanza su Twitter, Instagram, Youtube, Facebook, Flipboarde LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *