Le regole del giudice Parti della legge sul voto della Florida sono incostituzionali

Un giudice federale in Florida ha stabilito giovedì che sezioni dello stato legge elettorale di un anno erano incostituzionali e di matrice razziale e impedivano allo stato di apportare modifiche simili alle sue leggi nel decennio successivo senza l’approvazione del governo federale.

Le parole taglienti Ordine di 288 pagine, emesso dal giudice Mark E. Walker del tribunale distrettuale federale di Tallahassee, è stata la prima volta che un tribunale federale ha annullato elementi importanti dell’ondata di leggi sul voto emanate dai repubblicani dalle elezioni del 2020. Trovando un modello di pregiudizio razziale, Walker nella sua sentenza si è basato su una disposizione legale poco utilizzata per imporre restrizioni federali insolite su come una legislatura statale.

“Negli ultimi 20 anni, la maggioranza nella legislatura della Florida ha attaccato i diritti di voto dei suoi elettori neri”, ha scritto Walker nella decisione che citava spesso il Rev. Dott. Martin Luther King Jr. Walker ha affermato che gli attacchi erano “parte di uno sforzo cinico per sopprimere l’affluenza alle urne tra i sostenitori dei loro oppositori. La legge non lo permette».

La decisione del giudice Walker sarà sicuramente impugnata ed è probabile che venga ribaltata o dalla Corte d’Appello dell’11° Circuito di Atlanta, che tende a essere conservatrice, o dalla Corte Suprema, che ha fortemente limitato il potere del governo federale di intervenire in legge elettorale statale.

I repubblicani in Florida hanno immediatamente denunciato la decisione. In un’apparizione a West Palm Beach, il Gov. Ron DeSantis ha definito la sentenza “partigianeria performativa” e ha previsto un’inversione di tendenza in appello.

“C’è un vecchio detto in diritto”, ha detto il sig. DeSantis, laureato in giurisprudenza. “Se hai i fatti dalla tua parte, discuti i fatti. Se hai la legge dalla tua parte, discuti la legge. Se non hai nessuno dei due, batti il ​​tavolo. Bene, questo è l’equivalente giudiziario di battere il tavolo. ”

La sentenza prende di mira le parti della legge che limitavano l’uso delle cassette postali, ponevano regole rigorose sulle organizzazioni di registrazione degli elettori e vietavano alcuni tipi di assistenza ai floridiani in fila per votare. L’ordine del giudice Walker impedisce alla Florida di fare modifiche a queste tre funzioni per 10 anni senza approvazione federale.

Anche se fugace, la decisione del giudice Walker rappresenta una delle bordate legali più aggressive contro i repubblicani nelle accese battaglie per il diritto di voto che hanno seguito la sconfitta del presidente Donald J. Trump nelle elezioni del 2020. La sentenza arriva anche quando i Democratici ei loro alleati perseguono una strategia legale in salita, basandosi sulle protezioni elettorali federali ridotte dalla Corte Suprema.

READ  La Croce Rossa pianifica un nuovo sforzo di evacuazione dall'Ucraina Mariupol

Nella sua decisione, il giudice Walker ha castigato le precedenti sentenze della Corte Suprema su questioni di voto e sostanzialmente ha sfidato i giudici a ribaltare la sua decisione.

“Senza spiegazioni, la Corte ha consentito alla sua norma prudenziale interamente giudicata di prevalere su alcuni dei nostri più preziosi diritti costituzionali”, ha scritto il giudice.

Il giudice Walker, nominato nel 2012 dal presidente Barack Obama, ha risparmiato pochi svolazzi retorici dichiarando che i repubblicani cercavano di limitare l’accesso dei neri della Florida al voto. Ha descritto i legislatori repubblicani come offrire “ragioni contrastanti o senza senso” per la legge e ha sostenuto che erano fondamentalmente motivati ​​da una spinta partigiana per vincere le elezioni.

“La Florida ha ripetutamente cercato di rendere più difficile il voto per gli elettori neri a causa della loro propensione a favorire i candidati democratici”, ha scritto.

La decisione del giudice Walker ha indicato i commenti fatti dai legislatori statali durante il dibattito in aula che hanno descritto gli elettori come “pigri” per aver presentato domanda per arrivare alle urne.

I legislatori repubblicani “hanno tirato fuori uno dei più antichi tropi razziali conosciuti dall’uomo in risposta alle preoccupazioni sulla privazione dei diritti delle minoranze”, ha scritto il giudice Walker.

Wilton Simpson, il presidente repubblicano del Senato della Florida, ha dichiarato in una dichiarazione che la sentenza era “altamente poco professionale, imprecisa e disdicevole nei confronti di un ufficiale di corte”.

I Democratici dello stato, bloccati fuori dal potere, hanno celebrato la decisione ma sono rimasti cauti sul fatto che potrebbe non resistere agli appelli.

“Sono stati anni difficili per quelli di noi che pensano che i politici non dovrebbero rendere più difficile per le persone a cui non piace poter votare, quindi oggi è un grosso problema”, ha affermato Raymond Paultre, direttore esecutivo del Florida Alliance, una rete statale di donatori progressisti. “Il timore è che vada all’11° Circuito e siano in linea con ciò che vogliono i repubblicani”.

Con la sua sentenza, il giudice Walker ha posto un elemento relativamente oscuro del Voting Rights Act del 1965 al centro del dibattito legale sulla protezione federale dei diritti di voto.

Per decenni, la legge ha richiesto decine di giurisdizioni in tutto il paese, e in particolare nel sud, per cancellare le modifiche alla legge sul voto con il Dipartimento di Giustizia. Ma nel 2013, la Corte Suprema ha invalidato le regole di preautorizzazione in un caso noto come Shelby County v. Titolare.

READ  Super Bowl LVI: Los Angeles Rams - Cincinnati Bengals - live! | Sport

La decisione del giudice Walker ha posto la Florida sotto restrizioni federali, utilizzando la sezione 3 dell’atto. La disposizione, nota come “bail-in”, consente ai giudici di imporre un’ulteriore supervisione federale della legge elettorale, se gli stati o i governi locali vengono trovati recidivi in ​​casi di discriminazione razziale, ha affermato Travis Crum, professore di diritto presso la Washington University di St. . . Louis.

I tribunali hanno utilizzato con parsimonia la disposizione del “bail-in”. Prima della sentenza della Florida, il New Mexico e l’Arkansas erano gli unici stati a cui i giudici avevano ordinato di sottoporsi ai requisiti di preautorizzazione, entrambi decenni fa. Anche alcune contee e città lo hanno, ha detto il professor Crum.

Alcuni democratici hanno cercato di persuadere i tribunali a utilizzare i requisiti di bail-in sulle leggi sull’identificazione degli elettori e sulla riorganizzazione delle mappe nella Carolina del Nord e in Texas, ma i giudici federali si sono rifiutati di farlo nei casi più importanti.

La strategia rischia di portare i casi di diritto di voto davanti alla Corte Suprema, dove la maggioranza conservatrice potrebbe indebolire ulteriormente il Voting Rights Act.

READ  Un amico dice che Mead Lough ha vissuto "Very Rock Star Life", lamenta la controversia del governo sulla morte

“Da una prospettiva realistica, è improbabile che l’11° Circuito o la Corte Suprema siano d’accordo con il tribunale distrettuale sul fatto che in Florida vi fosse un intento discriminatorio razziale”, ha affermato Nicholas Stephanopoulos, professore della Harvard Law School ed esperto di diritto elettorale. “C’è il timore in agguato che lo stesso tribunale che ha deciso la contea di Shelby possa decidere che il bail-in è incostituzionale”.

La sentenza di giovedì ha accolto una delle tante sfide legali alle leggi sul voto approvate dalle legislature a guida repubblicana lo scorso anno. I gruppi per i diritti di voto e i Democratici hanno accusato i repubblicani di utilizzare leggi che prendono di mira in modo sproporzionato gli elettori neri e altre comunità di colore per ottenere un vantaggio di parte.

Argomenti simili sono stati fatti in Georgia. Lì, i gruppi per i diritti di voto hanno sostenuto che le nuove restrizioni al voto per corrispondenza darebbero ai repubblicani un vantaggio prendendo di mira gli elettori neri, che votano in modo schiacciante democratico. Ma gli esperti notano che la teoria giuridica utilizzata dal giudice Walker potrebbe non essere condivisa da altri giudici.

“A parità di condizioni, se la legge della Florida è una discriminazione intenzionale, la legge della Georgia dovrebbe essere una discriminazione intenzionale”, ha affermato Jonathan Greenbaum, consigliere capo del Comitato degli avvocati per i diritti civili in base alla legge. “Ma non c’è alcuna garanzia che il nostro giudice in Georgia oi giudici nei casi del Texas la guarderanno allo stesso modo”.

Il giudice Walker ha già rimproverato le leggi elettorali della Florida, spesso con un linguaggio tagliente contro i leader repubblicani dello stato. Nel 2018, ha stabilito che i funzionari di 32 contee con popolazione portoricana dovevano fornire materiale per il voto in lingua spagnola e ha fatto riferimento a come i casi di diritti di voto prima di lui avevano iniziato ad assomigliare al film “Il giorno della marmotta”.

Sig. DeSantis ha ripetutamente respinto alcuni tribunali in quanto politicamente prevenuti e ha imposto che le politiche della sua amministrazione e le leggi della legislatura fossero sostenute da tribunali d’appello più conservatori.

“Nei tribunali di Tallahassee, statale e federale, di solito perdiamo se c’è una componente politica, ma poi nella corte d’appello vinciamo quasi sempre”, ha detto il sig. DeSantis ha detto lo scorso autunno dopo a la corte d’appello statale ha autorizzato il divieto sulla maschera scolastica impone di rimanere in vigore, ribaltando la sentenza di un tribunale di grado inferiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *