L’ispettore generale del DHS lo dice a gennaio. 6 pannello è andato a Mayorkas sulla cooperazione dei servizi segreti

L’ispettore generale, Joseph Cuffari, ha incontrato il comitato a porte chiuse due giorni dopo aver inviato una lettera ai legislatori informandoli che i messaggi di testo erano stati cancellati dopo che l’agenzia di vigilanza aveva chiesto i documenti relativi alle sue comunicazioni elettroniche nell’ambito della sua indagine in corso sul Attacco al Campidoglio.

Il comitato ora prevede di contattare i funzionari dei servizi segreti per chiedere informazioni la cancellazione dei messaggi di testo dal giorno dell’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti e il giorno prima, compreso il processo dell’agenzia per ripulire i file per vedere se quella politica è stata seguita, ha detto alla CNN il presidente del comitato Bennie Thompson.

I membri del comitato del 6 gennaio hanno espresso preoccupazione dopo l’incontro per la diversa versione degli eventi tra l’ispettore generale ei servizi segreti e hanno sottolineato di volere sentire l’agenzia stessa.

Cuffari ha detto al comitato che i servizi segreti non hanno condotto la propria revisione post-azione in merito al 6 gennaio e hanno scelto di fare affidamento sull’indagine generale dell’ispettore, secondo una fonte a conoscenza del briefing. L’ispettore generale ha detto al comitato che i servizi segreti non hanno collaborato pienamente con la sua indagine.

La descrizione di Cuffari ha lasciato l’impressione che i Servizi Segreti avessero “trascinato i piedi”, ha detto la fonte. L’ispettore generale ha detto al comitato che non avrebbero avuto pieno accesso al personale e ai registri.

Cuffari ha detto di aver portato la questione al segretario per la sicurezza interna Alejandro Mayorkas più di una volta e gli è stato detto di continuare a cercare di ottenere le informazioni. Alla fine, Cuffari ha deciso di andare al Congresso perché non poteva arrivare da nessuna parte all’interno del DHS con le sue preoccupazioni. Separatamente, un funzionario delle forze dell’ordine ha detto alla CNN che Cuffari è andato a Mayorkas.

READ  Incendio Pasoic: i vigili del fuoco prevengono un massiccio incendio di cloro in un impianto chimico nel New Jersey

Il DHS ha affermato in una dichiarazione che “ha assicurato e continuerà a garantire che sia l’Ufficio dell’ispettore generale del DHS (OIG) che il comitato ristretto per indagare sull’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti abbiano le informazioni che hanno richiesto”.

Thompson ha detto alla CNN che l’IG ha affermato durante il loro incontro che i servizi segreti non sono stati completamente cooperativi.

“Beh, non hanno collaborato pienamente”, ha detto il democratico del Mississippi, aggiungendo: “Abbiamo avuto un impegno limitato con i servizi segreti. Faremo seguito con un impegno aggiuntivo ora che abbiamo incontrato l’IG”.

Thompson ha affermato che il comitato lavorerà “per cercare di accertare se quei testi possono essere resuscitati”.

Il membro del Congresso in precedenza aveva detto alla CNN dopo la riunione che il comitato ha bisogno di intervistare i funzionari dei servizi segreti per avere la loro opinione su cosa è successo con i messaggi di testo che sono stati cancellati il ​​5 e 6 gennaio 2021.

“Ora che abbiamo il punto di vista dell’IG su ciò che è successo. Ora dobbiamo parlare con i servizi segreti. E la nostra aspettativa è di contattarli direttamente”, ha detto Thompson. “Una delle cose che dobbiamo assicurarci è che ciò che dicono i servizi segreti e ciò che dicono l’IG, che questi due problemi siano in realtà la stessa cosa. E quindi ora che ce l’abbiamo, chiederemo il informazioni fisiche. E prenderemo una decisione noi stessi”.

Rep. Democratica del Maryland Jamie Raskin, che fa parte del comitato del 6 gennaio, ha detto alla CNN che sembrano esserci alcune “dichiarazioni contraddittorie” tra l’ispettore generale della sicurezza interna e i servizi segreti sul fatto che i messaggi di testo dei servizi segreti del 5 e 6 gennaio 2021, sono effettivamente andati.

L’ispettore generale ha inizialmente notificato le Commissioni per la sicurezza interna della Camera e del Senato in una lettera che i messaggi di testo sono stati cancellati dal sistema come parte di un programma di sostituzione del dispositivo dopo che il watchdog ha chiesto i record all’agenzia.

“In primo luogo, il Dipartimento ci ha informato che molti messaggi di testo dei servizi segreti statunitensi del 5 e 6 gennaio 2021 sono stati cancellati nell’ambito di un programma di sostituzione del dispositivo. L’USSS ha cancellato quei messaggi di testo dopo che l’OIG ha richiesto record di comunicazioni elettroniche dall’USSS, come parte della nostra valutazione degli eventi in Campidoglio il 6 gennaio”, ha affermato Cuffari nella lettera.

READ  L'indagine sulla neve in bassa California è il segno di un altro anno di siccità devastante

“In secondo luogo, il personale del DHS ha ripetutamente detto agli ispettori dell’OIG che non era loro consentito fornire documenti direttamente all’OIG e che tali documenti dovevano prima essere sottoposti a revisione da parte degli avvocati del DHS”, ha aggiunto Cuffari. “Questa revisione ha portato a ritardi di settimane nell’ottenimento dei record da parte di OIG e ha creato confusione sul fatto che tutti i record fossero stati prodotti”.

Un funzionario del DHS ha fornito alla CNN una cronologia di quando l’IG è stato informato dai servizi segreti delle informazioni mancanti causate dal trasferimento dei dati. In una dichiarazione giovedì sera, i servizi segreti avevano affermato che l’IG aveva richiesto informazioni per la prima volta il 26 febbraio 2021, ma non ha specificato quando l’agenzia avesse riconosciuto il problema.

Secondo il funzionario del DHS, i Servizi Segreti hanno notificato all’IG la questione della migrazione in più occasioni, a partire dal 4 maggio 2021, poi di nuovo il 14 dicembre 2021 ea febbraio 2022.

Nella dichiarazione di giovedì sera, i servizi segreti hanno affermato che l’accusa dell’ispettore generale in merito alla mancanza di collaborazione “non è né corretta né nuova”.

“Al contrario, il DHS OIG ha precedentemente affermato che ai suoi dipendenti non è stato concesso un accesso appropriato e tempestivo ai materiali a causa della revisione dell’avvocato. Il DHS ha ripetutamente e pubblicamente smentito questa accusa, anche in risposta agli ultimi due rapporti semestrali dell’OIG al Congresso. Non è chiaro il motivo per cui l’OIG sta sollevando di nuovo questo problema”, si legge nella nota.

Dopo aver inizialmente chiesto i documenti a più di 20 persone a febbraio, l’IG è poi tornato per richiedere più documenti per altre persone, secondo il funzionario delle forze dell’ordine. Non c’erano messaggi di testo per la nuova richiesta perché erano andati persi nel trasferimento del sistema, ha detto il funzionario delle forze dell’ordine. Il funzionario ha anche affermato che l’agenzia è stata informata della transizione e ha inviato indicazioni su come conservare i tabulati telefonici dal dipartimento IT.

READ  Corpo in botte esposto mentre il livello del Lago Mead del Nevada scende

L’analista delle forze dell’ordine della CNN Jonathan Wackrow, che ha lavorato per i servizi segreti per 14 anni, ha affermato che avrebbe senso che l’ispettore generale facesse la revisione dopo il 6 gennaio. Dal punto di vista dei servizi segreti, sia il presidente che il vicepresidente sono stati tenuti al sicuro . , quindi l’agenzia non lo considererebbe un incidente da rivedere in un rapporto post-azione, ha detto Wackrow.

Questa storia è stata aggiornata venerdì con ulteriori sviluppi.

Priscilla Alvarez e Morgan Rimmer della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *