Neil Young afferma che lo staff di Spotify dovrebbe “andare fuori dal posto prima che ti divori l’anima”

Attraverso la mia copertura di vari scandali dell’industria dei media nel corso degli anni e attraverso la mia esperienza diretta con alcuni di essi, posso affermare con sicurezza questo: gli scandali sono più intensi all’interno di quanto possano sembrare all’esterno. E così è su Spotify in questo momento, mentre i dipendenti sfidano la gestione e condannano Joe Rogan.

La domenica sera del CEO di Spotify Daniel Ek promemoria era pieno di segni che la sua base di dipendenti è in rivolta per Rogan. La controversia più recente riguarda il suo uso passato della parola N, ma come il Wall Street Journal segnalato la scorsa settimana, prima di questa eruzione, “i dipendenti hanno utilizzato le bacheche per esprimere le loro preoccupazioni sul suo spettacolo” da quando l’accordo di distribuzione esclusiva è stato raggiunto nel settembre 2020.

Quindi, questi problemi stanno emergendo da molto tempo. Ma Ek sa anche che – nelle parole del WSJ – “lo spettacolo di Rogan è stato fondamentale per rendere Spotify la migliore piattaforma di podcast negli Stati Uniti per gli ascoltatori”.

Il cerchio può essere quadrato? Neil Young, la cui sfida pubblica a Spotify ha suscitato precedenti cicli di notizie su Rogan, lunedì ha aggiunto ancora più pressione dicendo in una lettera aperta che i dipendenti di Spotify dovrebbero dimettersi.

In primo luogo, Young si è rivolto al pubblico dicendo che “la disinformazione è il problema”, quindi “abbandona i disinformatori” e “trova un buon posto pulito dove sostenere con i tuoi assegni mensili”. In altre parole, annulla gli abbonamenti Spotify. Poi ha scritto: “Ai musicisti e ai creatori di questo mondo, dico questo: devi essere in grado di trovare un posto migliore di Spotify per essere la casa della tua arte”.

READ  Giubileo di platino della regina Elisabetta: la tua guida alle celebrazioni

Infine, si è rivolto ai “lavoratori di Spotify” e ha detto “Daniel Ek è il tuo problema, non Joe Rogan. Ek tira le fila. Esci prima che ti divori l’anima. Gli obiettivi dichiarati da Ek riguardano i numeri, non arte, non creatività.”

Young ha visto un “grande aumento dei flussi musicali e delle vendite” dopo aver ritirato la sua musica da Spotify, ha riferito Jon Blistein Rolling Stone. Ma la sua attenzione sembra essere altrove. Ho notato che la missiva del lunedì di Young attribuiva il merito ai “professionisti medici che hanno iniziato questa conversazione”. Come io sottolineato su “Don Lemon Tonight”, la dichiarazione di inizio gennaio di medici e altri professionisti che definiscono Rogan una “minaccia per la salute pubblica” è la causa prossima dei domino che sono caduti da allora. Ecco il resoconto….

Il pubblico di Spotify sarà soddisfatto?

Per quanto riguarda il video della compilation modificato di Rogan che usa la parola N negli episodi passati, penso che sia importante sottolineare nella copertura giornalistica che il video venire da un account Twitter legato a un super PAC liberale. India Arie l’ha aiutato a diventare virale diversi giorni dopo. Rogan si è quindi scusato sabato ed Ek ha inviato il suo promemoria domenica. E ora tutti aspettano di vedere se lo scandalo si placherà. (Arie ha parlato con Lemon e ha detto che non sta cercando di “cancellare” Rogan.) Dipendenti, artisti e abbonati saranno soddisfatti delle risposte di Spotify?

Ulteriori letture

– Ashely Carman scrive del “messaggistica mista” in uscita da Spotify: “Con l’evoluzione della situazione, anche il trattamento da parte dell’azienda del suo podcaster di punta…” (Il confine)
– “La risposta di Spotify al suo enigma Rogan sembra sempre più chiara; deve esercitare un po’ più di influenza sullo spettacolo di Rogan”, ha detto Lucas Shaw … (Twitter)
– L’ultimo articolo di Mary McNamara lo riassume: “Spotify sa che il podcast di Joe Rogan è doloroso, ma cavolo, ci sono soldi da fare…” (LAT)
– Anche altri vedono segni di $$$: Rumble, una piattaforma favorita dai conservatori, ha offerto a Rogan $ 100 milioni in quattro anni per portare esclusivamente i suoi spettacoli … (Reuters)
– L’ha fatto Dwayne Johnson riconsiderato il suo sostegno di Joe Rogan, Lisa Respers France scrive … (CNN)
– Il riff di Philip Bump su Rogan e la fiducia mal riposta: “Antielitarismo e Internet sono una combinazione problematica…” (WaPo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *