Notizie in diretta Ucraina: gli scioperi russi a Odesa sollevano dubbi sull’accordo sul grano

Credito…Daniel Berehulak per il New York Times

ODESA, Ucraina — Una serie di esplosioni ha scosso sabato la città ucraina di Odesa, nel sud dell’Ucraina, colpendo uno dei porti più importanti del Paese meno di 24 ore dopo la firma dell’accordo assicurare il transito di milioni di tonnellate di grano attraverso le rotte del Mar Nero.

Gli scioperi rischiano di minare l’accordo per facilitare la spedizione del grano ucraino, mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, prima ancora che l’accordo potesse essere messo in atto. L’accordo è stato considerato fondamentale per rafforzare le forniture globali dopo che un forte calo delle esportazioni di grano ucraine ha sollevato i timori di carenza di cibo nelle nazioni più povere.

Sabato il comando militare del sud dell’Ucraina ha dichiarato che le forze russe hanno lanciato quattro missili da crociera Kalibr a Odesa, il porto più grande dell’Ucraina. “Due razzi sono stati abbattuti dalle forze di difesa aerea, due hanno colpito le infrastrutture portuali”, ha scritto in una dichiarazione pubblicata sulla sua pagina Facebook.

Funzionari hanno detto che era la prima volta dall’inizio della guerra che il porto di Odesa era stato preso di mira.

La condanna dell’Ucraina è stata rapida. Oleg Nikolenko, portavoce del ministero degli Esteri del Paese, ha dichiarato su Facebook che con gli scioperi il presidente russo Vladimir V. Putin ha “sputato in faccia” il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan Dopo che i due “hanno speso enormi sforzi per raggiungere questo accordo”.

READ  L'attore Ray Buffer accusato di aver rubato fumetti, Store dice che è in video

Il vice portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite ha denunciato gli scioperi, affermando in una dichiarazione che la piena attuazione dell’accordo era “imperativa”.

Non ci sono stati commenti immediati dal Cremlino. L’attacco è arrivato un giorno prima che il ministro degli Esteri russo iniziasse un tour in Africa, dove dovrebbe cercare di spostare la colpa della carenza di cibo in Occidente.

L’onda d’urto dei missili che colpivano il porto poteva essere avvertita a miglia di distanza, anche se non era chiaro dove colpissero esattamente. L’enorme porto si estende per miglia lungo la costa del Mar Nero di Odesa con imponenti silos di grano d’argento raggruppati in diversi luoghi.

Non era chiaro quale fosse l’obiettivo degli scioperi e se fosse stata colpita qualche infrastruttura per il grano. La Russia potrebbe non aver violato tecnicamente l’accordo, dal momento che non si è impegnata a evitare di attaccare le parti dei porti ucraini che non sono utilizzate direttamente per le esportazioni di grano, secondo un alto funzionario delle Nazioni Unite. Se c’erano obiettivi militari nelle vicinanze, la Russia potrebbe aver cercato di sfruttare una scappatoia.

Tuttavia, i danni sembravano essere ingenti e Mykola Solskyi, il ministro dell’agricoltura del paese, ha affermato che gli scioperi avrebbero influenzato gli sforzi dell’Ucraina per esportare grano.

“Se attacchi un porto, attacchi tutto”, ha detto in un’intervista telefonica. “Utilizzi molte delle stesse infrastrutture per il petrolio, per il grano. Ha un impatto su tutto, non importa cosa colpisci”.

Sig. Solskyi ha aggiunto che alcune delle infrastrutture distrutte erano “importanti per elaborare tutte le importazioni”, ma ha affermato che l’Ucraina avrebbe proceduto come se l’accordo sul grano fosse ancora in vigore.

READ  Stazione ferroviaria di Kramatorsk: l'attacco russo uccide almeno 30 persone in Ucraina, affermano i funzionari

“Capiamo che abbiamo ancora una guerra con la Russia”, ha detto. “Il nostro accordo era con le Nazioni Unite e la Turchia, non con la Russia”.

Anton Gerashchenko, consigliere del ministro degli interni ucraino, ha affermato che gli attacchi russi hanno causato 10 esplosioni a Odesa e che gli attacchi al porto hanno provocato un incendio.

“È così che la Russia adempie alla sua responsabilità di garantire l’esportazione sicura dei cereali ucraini”, ha scritto sul suo canale pubblico sull’app di social media di Telegram. “Ora non solo l’Occidente, ma la Cina e altri paesi su cui Putin contava per alleviare la pressione dalle sanzioni sanno che non puoi fidarti di Putin, nemmeno un grammo”, ha aggiunto.

Venerdì, i funzionari dell’amministrazione Biden avevano espresso scetticismo sul fatto che la Russia avrebbe rispettato i suoi impegni per consentire il passaggio sicuro delle navi attraverso il Mar Nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *