Pete Arredondo: il consiglio comunale di Uvalde nega la richiesta del capo della polizia distrettuale della scuola di prendere un congedo dalle riunioni future

Il consiglio comunale di Uvalde ha votato all’unanimità martedì sera per negare il consenso al consigliere Pedro “Pete” Arredondo, che è anche il capo della polizia del distretto scolastico. un congedo dalle riunioni future. Durante l’incontro, diversi residenti di Uvalde, compresi i familiari delle vittime, hanno chiesto la rimozione di Arredondo dal consiglio piuttosto che il congedo.

McLaughlin ha criticato aspramente il direttore del DPS Steven McCraw, dicendo che l’agenzia aveva fornito informazioni contraddittorie durante un briefing per lui e altri leader politici dello stato e in due conferenze stampa. Il sindaco ha affermato che il 1 giugno ha richiesto un incontro con l’ufficio del governatore e il DPS per affrontare “false fughe di notizie provenienti da fonti anonime del DPS”. Il giorno successivo c’è stato un incontro e i funzionari di Uvalde hanno chiesto una dichiarazione in cui si affermava che la polizia locale e altre forze dell’ordine avevano collaborato con l’indagine statale sin dall’inizio.

“Da quel giorno, il colonnello McCraw ha continuato a, che tu voglia chiamarlo… mentire, far trapelare, fuorviare o scambiare informazioni per distanziare i suoi soldati e Ranger dalla risposta. Ogni briefing tralascia il numero dei suoi propri ufficiali e Rangers che erano sulla scena quel giorno “, ha detto McLaughlin.

[Previous story, published at 6:24 p.m. ET]

Martedì il direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas ha criticato la risposta delle forze dell’ordine la sparatoria di massa del mese scorso a Uvalde come un “abietto fallimento” e ha criticato aspramente le decisioni del capo della polizia distrettuale della scuola di Uvalde Pedro “Pete” Arredondo.

“Ci sono prove convincenti che la risposta delle forze dell’ordine all’attacco alla Robb Elementary è stata un abietto fallimento e antitetica a tutto ciò che abbiamo imparato negli ultimi due decenni dal massacro di Columbine”, ha detto il colonnello. Steven McCraw ha detto al Comitato speciale del Senato del Texas per proteggere tutti i texani.

“Tre minuti dopo che il soggetto è entrato nell’edificio Ovest, c’era un numero sufficiente di ufficiali armati che indossavano giubbotti antiproiettile per isolare, distrarre e neutralizzare il soggetto”, ha continuato. “L’unica cosa che ha impedito al corridoio di ufficiali dedicati di entrare nelle stanze 111 e 112 è stato il comandante sul posto, che ha deciso di mettere la vita degli ufficiali prima della vita dei bambini”.

Le critiche sbalorditive arrivano più di un mese dopo a pistolero con un fucile in stile AR-15 è entrato in due aule adiacenti alle 11:33 e ha ucciso 19 bambini e due insegnanti. L’uomo armato è rimasto all’interno delle aule – anche se i bambini all’interno hanno chiamato i servizi di emergenza sanitaria e hanno chiesto aiuto – fino a quando le forze dell’ordine hanno finalmente fatto irruzione nelle stanze e lo hanno ucciso alle 12:50, secondo una sequenza temporale del dipartimento di pubblica sicurezza.

Quello che è successo in quei 77 minuti è rimasto poco chiaro poiché i funzionari del Texas hanno offerto narrazioni contrastanti sulla risposta.

I commenti di McCraw martedì rappresentano la prima volta che un funzionario ha fornito informazioni sostanziali sulla sparatoria in settimane. Ha detto che la decisione di aspettare contraddiceva il protocollo stabilito per i tiratori attivi: fermare il sospetto il più rapidamente possibile.

READ  Tyler Boyd Touch Down per il Bengala non avrebbe dovuto essere contato a causa di un falso fischio

“Gli ufficiali avevano armi, i bambini non ne avevano. Gli ufficiali avevano giubbotti antiproiettile, i bambini non ne avevano”, ha detto McCraw. “La dottrina post-colombina è chiara, convincente e inequivocabile: fermare l’uccisione, fermare il morire”.

La cronologia del dipartimento di pubblica sicurezza indicava che 11 agenti sono arrivati ​​​​alla scuola, molti con i fucili, entro tre minuti dall’ingresso dell’uomo armato nelle aule. Il sospetto ha quindi sparato e ferito diversi agenti che si sono avvicinati alle aule e si sono ritirati in un corridoio fuori dalle stanze. Il gruppo di agenti è poi rimasto nel corridoio e non si è avvicinato alla porta per altri 73 minuti.

“Mentre aspettavano, il comandante sul posto ha aspettato una radio e dei fucili”, ha detto McCraw, riferendosi ad Arredondo. “Poi ha aspettato gli scudi. Poi ha aspettato la SWAT. Infine, ha aspettato una chiave che non è mai stata necessaria.”

Arredondo aveva detto in precedenza al Texas Tribune quel giorno non si considerava il comandante dell’incidente. Tuttavia, almeno uno degli agenti viene notato alle 11:50 esprimendo la convinzione che Arredondo stesse guidando la risposta delle forze dell’ordine all’interno della scuola, dicendo agli altri: “Il capo è in carica”, secondo la cronologia del dipartimento di pubblica sicurezza.

Nonostante le critiche, McCraw ha espresso disagio nel chiamare Arredondo individualmente. “Non mi piace cantare una persona e cambiare e dire che è l’unico responsabile, ma alla fine della giornata, se assumi il comando dell’incidente, sei responsabile”, ha detto McCraw.

Gli agenti non hanno tentato di sfondare le porte per più di un’ora

L'immagine, ottenuta dall'Austin-American Statesman, mostra almeno tre ufficiali nel corridoio della Robb Elementary alle 11:52, 19 minuti dopo che l'uomo armato è entrato nella scuola.  Un ufficiale ha quello che sembra essere uno scudo tattico e due degli ufficiali impugnano i fucili.
Lunedì in ritardo, riportando dalla CNN, il Texas Tribune e il Statista americano di Austin ha mostrato in anteprima alcuni dei tempi del DPS e ha rivelato ulteriori difetti nella risposta della polizia.
Nei primi giorni dopo la sparatoria, le autorità hanno detto che il sospetto l’aveva fatto si barrica dietro porte chiuseimpedendo agli agenti di risposta senza armi di fermarlo prima.
Arredondo, che è stato identificato da altri funzionari come il comandante dell’incidente sul posto, aveva precedentemente detto al Texas Tribune che gli ufficiali avevano trovato il le porte delle aule erano chiuse e rinforzato con uno stipite in acciaio, ostacolando qualsiasi potenziale risposta o salvataggio. Sono stati compiuti sforzi per individuare una chiave per aprire la porta, ha detto.

Tuttavia, McCraw ha detto che le prove video hanno mostrato che nessuno ha mai messo le mani sulla maniglia della porta per verificare se fosse chiusa a chiave. Inoltre, le porte della Robb Elementary non potevano essere chiuse dall’interno, ha detto McCraw, definendolo “ridicolo” dal punto di vista della sicurezza.

Genitori e residenti chiedono al consiglio scolastico di Uvalde di licenziare il capo della polizia distrettuale durante un forum aperto emotivo

Inoltre, Arredondo inizialmente ha affermato che gli agenti che hanno risposto avevano bisogno di più potenza di fuoco e attrezzature per sfondare le porte. Ad esempio, alle 11:40, Arredondo ha chiamato telefonicamente il dipartimento di polizia di Uvalde poco dopo che l’uomo armato ha sparato agli agenti e ha richiesto ulteriore assistenza e una radio, secondo una trascrizione del DPS.

“Non abbiamo abbastanza potenza di fuoco in questo momento, è tutta una pistola e ha un AR-15”, ha detto Arredondo. secondo una trascrizione DPS.

Tuttavia, secondo McCraw, due dei primi ufficiali ad arrivare sulla scena avevano dei fucili.

READ  Verifica dei dati di riferimento: Intel Alder Lake Core i9 vs M1 Max di Apple

Nei primi minuti della loro risposta, un ufficiale ha anche detto che un Halligan, uno strumento antincendio utilizzato per l’ingresso forzato, era sulla scena, secondo la sequenza temporale. Tuttavia, lo strumento non è stato portato nella scuola fino a un’ora dopo l’arrivo degli ufficiali e non è mai stato utilizzato, afferma la sequenza temporale.

Un’immagine del filmato di sicurezza ottenuta dall’Austin American-Statesman mostra almeno tre agenti nel corridoio – due dei quali hanno fucili e uno che sembra avere uno scudo tattico – alle 11:52, 19 minuti dopo che l’uomo armato è entrato nella scuola.

In tutto, gli agenti avevano accesso a quattro scudi balistici all’interno della scuola, il quarto dei quali è arrivato 30 minuti prima che gli agenti prendessero d’assalto le aule, secondo la sequenza temporale.

Perché gli ufficiali rispondenti hanno seguito l’esempio di Arredondo

Un ufficiale non identificato che è arrivato alle 11:56 ha detto che dovevano agire.

“Se ci sono bambini lì dentro, dobbiamo andare lì”, ha detto l’ufficiale. Un altro ufficiale ha risposto: “Chiunque sia in carica lo determinerà”.

Dentro le aule c’era una carneficina. A partire dalle 11:33 circa, l’uomo armato ha sparato oltre 100 colpi in un paio di minuti, quindi ha sparato sporadicamente nell’ora successiva, comprese le 23:40, 23:44 e 12:21

Arredondo, tuttavia, ha trattato la situazione come un soggetto barricato, ha detto McCraw, e ha tentato di parlare con l’uomo armato in inglese e spagnolo.

All’udienza della commissione del Senato, i membri hanno interrogato McCraw sul motivo per cui Arredondo è rimasto al comando della scena nonostante la mancanza di azione per fermare l’assassino.

McCraw ha detto che la persona in carica è in genere il “funzionario di grado dell’agenzia che ha giurisdizione”, che in questo caso significava Arredondo, che era anche sul posto durante l’intero incidente.

“Anche lo sceriffo e il capo della polizia del dipartimento di polizia di Uvalde hanno rinviato e hanno detto di sì, è il comandante sul posto”, ha detto McCraw. “Quindi, con azioni e azioni, ha emesso comandi e ha avuto informazioni e fornito informazioni e ha controllato la scena.

“DPS, Border Patrol, FBI, tutti quelli che sono entrati in seguito, i marescialli degli Stati Uniti che sono entrati in seguito, non è pratica o politica prendere il controllo di nulla”, ha detto.

“Hanno deluso i nostri figli”, dice il padre

Il rapporto – in tre diverse testate giornalistiche e citando fonti anonime – mette in evidenza la mancanza di trasparenza dei funzionari del Texas nei confronti del pubblico in un incidente così critico. Texas Sen. Roland Gutierrez, un democratico, ha detto lunedì alla CNN che il rapporto ha sottolineato le sue domande sul motivo per cui la polizia non ha cercato di sfondare prima le porte.

READ  OU baseball perde Gara 1 delle finali delle College World Series contro Ole Miss

“Vediamo che ci sono (ci sono) agenti con munizioni adeguate, equipaggiamento adeguato per poter fare breccia in quella stanza”, ha detto. “Semplicemente non capisco perché ciò non sia accaduto, perché non abbiano fatto breccia nella stanza.

“Quelle risposte devono essere ottenute. Non dovrebbero gocciolare attraverso i media in questo modo. Dovremmo chiedere alle forze dell’ordine di dirci esattamente cosa è andato storto. E il fatto che non stiamo ottenendo tali informazioni è solo una parodia in e di per sé».

La CNN ha contattato sia l’avvocato di Arredondo, George Hyde, sia il dipartimento di polizia di Uvalde in merito ai rapporti.

Arredondo, che non ha parlato in pubblico dall’incidente, ha testimoniato martedì a porte chiuse davanti a una commissione della Texas House che indagava sulla sparatoria.

Il nuovo rapporto ha ulteriormente irritato le famiglie in lutto le cui domande non hanno ancora ricevuto risposta.

“Mi sento arrabbiato”, ha detto Jose Flores Sr., il cui figlio di 10 anni, Jose Flores Jr., è stato tra i bambini uccisi. “Hanno deluso i nostri bambini, li hanno lasciati lì spaventati e, chissà, piangendo. Li hanno abbandonati”, ha detto Flores Il “nuovo giorno” della CNN alla domanda sulle ultime rivelazioni.

“Dovrebbero essere professionisti addestrati”, ha detto Flores della polizia. “Non capisco il motivo per cui sono rimasti indietro così a lungo prima che tornassero dentro … Stare indietro di un’ora intera, lasciandoli dentro con quell’uomo armato, non è giusto. È roba da codardi, codardi, codardi.”

La città è stata criticata per non aver rilasciato alcuni documenti relativi alle indagini sulla sparatoria. Il sindaco di Uvalde Don McLaughlin ha detto che il procuratore distrettuale della contea di Uvalde ha presentato la richiesta di non rilasciare quei documenti.

“Non c’è insabbiamento. Chiunque suggerisca che la città di Uvalde stia nascondendo informazioni senza motivi legittimi e legali è sbagliato e sta diffondendo disinformazione”, ha detto McLaughlin. “Ci sono ragioni legali specifiche per cui il Comune non può rilasciare informazioni in questo momento”.

La dichiarazione arriva dopo che McCraw, il direttore del DPS, ha testimoniato che la sua agenzia aveva pianificato di rilasciare filmati dalle telecamere del corpo e dall’interno della Robb Elementary.

“Ogni volta che il procuratore distrettuale lo approva, rilasceremo tutta la copertura della telecamera del corpo, rilasceremo tutto il video della scuola e il video del funerale”, ha detto McCraw durante la testimonianza del comitato di martedì.

Rosalina Nieves, Dakin Andone, Travis Caldwell e Dave Alsup della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *