Primo su CNN: Ginni Thomas acconsente all’intervista del comitato del 6 gennaio



CNN

La commissione ristretta della Camera che indaga il 6 gennaio 2021, ha raggiunto un accordo con Ginni Thomas, l’attivista conservatrice e moglie del giudice della Corte Suprema Clarence Thomas, per essere intervistata dalla giuria nelle prossime settimane, secondo una fonte vicina alla commissione . .

L’avvocato di Ginni Thomas, Mark Paoletta, ha confermato l’intervista volontaria in una dichiarazione, affermando: “Come ha affermato fin dall’inizio, la sig. Thomas è ansioso di rispondere alle domande del Comitato per chiarire eventuali idee sbagliate sul suo lavoro relativo alle elezioni del 2020. Non vede l’ora di cogliere questa opportunità”.

I membri del panel hanno affermato da tempo di essere interessati a parlare con Thomas, in particolare dopo che la CNN ha riferito per la prima volta messaggi di testo che ha scambiato con l’allora capo dello staff della Casa Bianca di Trump, Mark Meadows prima del 6 gennaio circa il ribaltamento delle elezioni.

Ma nei mesi trascorsi da quando sono emersi quei messaggi, ci sono state poche indicazioni che costringerla a testimoniare fosse una priorità assoluta per la giuria, nonostante le prove successive che Thomas ha anche incoraggiato i legislatori statali in Arizona e Wisconsin per ribaltare la legittima vittoria elettorale di Joe Biden.

Thomas ha partecipato alla manifestazione che ha preceduto l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti, come ha detto in un’intervista al Washington Free Beacon, dove ha sottolineato che la sua vita professionale e quella di suo marito sono tenute separate. Ha anche detto di aver lasciato il raduno prima che i manifestanti diventassero violenti.

È stata anche pubblicamente critica nei confronti dell’indagine della Camera del 6 gennaio, chiedendo ai leader del GOP della Camera di avviare dalla loro conferenza i due repubblicani che prestano servizio nel comitato ristretto.

A giugno, ha detto Paola in una lettera al comitato che non “crede che attualmente ci siano basi sufficienti per parlare con” Thomas.

“Chiedo al Comitato di fornire una migliore giustificazione del motivo per cui la Sig. La testimonianza di Thomas è rilevante per lo scopo legislativo del Comitato”, ha scritto nella lettera ottenuta dalla CNN.

La risposta dell’avvocato ha fatto seguito a una lettera del 16 giugno del comitato che chiedeva a Thomas di incontrare la giuria a luglio e fornire documenti che potrebbero essere rilevanti per l’indagine.

Il comitato ha corrispondenza e-mail tra Thomas e l’avvocato elettorale dell’ex presidente Donald Trump John Eastman, nonché messaggi tra lei e Meadows. I testi mostrano Thomas che esorta Meadows a continuare la lotta per ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020.

L’avvocato di Thomas ha detto nella lettera di giugno che la sua cliente era “disposta a comparire” e “desiderosa di riabilitare il suo nome”, ma che senza ulteriori informazioni da parte del comitato, temeva che le fosse stato chiesto di entrare “per continuare le molestie infondate”. .” a cui è sottoposta dal 6 gennaio”.

“Non c’è nessuna storia da scoprire qui”, ha detto nella lettera.

Questa è una notizia dell’ultima ora e verrà aggiornata.

READ  Serena Williams continua a giocare in singolo agli US Open con la vittoria sul numero 1 del mondo. 2 Annette Kontaveit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *