Questi ballerini sono sfuggiti alla guerra. I loro viaggi stanno appena iniziando.

Gran parte del lavoro di ricerca di nuove case per gli studenti ucraini è stato guidato dalla persona con sede a New York Gran Premio d’America della Gioventù, un’organizzazione che organizza concorsi per aiutare i ballerini a ottenere borse di studio. Era stato programmato per tenere il suo primo evento in assoluto in Ucraina a marzo. Larissa Saveliev, co-fondatrice dell’organizzazione ed ex ballerina del Bolshoi, ha detto che quando è iniziata la guerra in Russia, ha inviato un’e-mail ai circa 50 ballerini che si erano iscritti per dire: “Se vuoi aiuto, fammi sapere”.

Presto il suo numero di cellulare fu passato tra ballerini in Ucraina, e lei veniva chiamata giorno e notte, spesso da studenti che erano arrivati ​​al confine polacco, da soli, alcuni senza passaporto. Saveliev ha detto che avrebbero semplicemente chiesto: “Dove dovrei andare?” Ha sfruttato i suoi contatti, poi li ha inviati in giro per l’Europa nelle scuole, tra cui alla Scala di Milano e alla scuola John Cranko di Stoccarda.

READ  Chris Kise: La nuova aggiunta al team legale di Trump è stata messa da parte nel caso di ricerca di Mar-a-Lago

A circa due mesi dall’inizio della guerra, le chiamate non si sono fermate, ha detto Saveliev. “All’inizio, è stato uno sforzo umanitario”, ha detto Saveliev. “Tutto quello che stavamo pensando era, ‘Troviamo un letto a questi ragazzi.’ Ora dobbiamo pensare alla loro educazione”.

Saveliev ha detto che era difficile portare gli studenti negli Stati Uniti a causa del lungo processo di visto, anche se è stata in grado di collocare due studenti, che già avevano il visto, nelle scuole americane. “Abbiamo almeno 50 scuole disposte ad ospitare ballerini ucraini; semplicemente non possiamo portarli qui “, ha detto. “Ci stiamo provando.” (Anche le scuole di danza britanniche non sono state in grado di accogliere studenti, a causa delle rigide regole sui visti, ha aggiunto Saveliev.)

Nonostante la situazione dei visti, almeno una compagnia di balletto americana sta cercando di aiutare. Il 4 maggio, gli avvocati che lavorano per il Miami City Ballet hanno presentato una domanda di visto Yulia Moskalenko28 anni, preside del National Ballet dell’Ucraina, per entrare a far parte della compagnia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *