Rishi Sunak e Liz Truss nominati finalisti come prossimo primo ministro del Regno Unito

Commento

LONDRA – Il prossimo primo ministro della Gran Bretagna e leader del Partito conservatore è ora garantito come una minoranza etnica o una donna, dopo che i legislatori Tory mercoledì hanno selezionato due finalisti – l’ex ministro delle finanze Rishi Sunak e il ministro degli Esteri Liz Truss – con un vincitore per essere annunciato a settembre.

Mentre Boris Johnson continua a essere una sorta di primo ministro spensierato e spensierato, la corsa per sostituirlo ora andrà prima dei circa 200.000 membri del Partito conservatore che pagano le quote, che selezioneranno, tramite votazione per corrispondenza, il successore di Johnson.

La maggior parte della Gran Bretagna è seduta in disparte per tutto questo. Non ci saranno elezioni generali per scegliere il nuovo primo ministro e, sebbene un dibattito televisivo sia programmato per lunedì, molti degli eventi di “furto” saranno nascosti o chiusi alla stampa.

Come sarà scelto il prossimo Primo Ministro del Regno Unito

L’incontro tra Sunak e Truss offre agli elettori Tory la possibilità di scegliere tra un uomo che dice di essere l’unico adulto in gara e una donna che dice di essere l’unica ad aver mostrato una vera leadership.

I due contendenti sono entrambi conservatori e, per il mondo esterno, le loro differenze politiche sono sottili.

Truss, 46 anni, sostiene una serie di tagli alle tasse.

Sunak, 42 ​​anni, afferma che il suo piano è l’economia dell'”isola fantastica” e che la Gran Bretagna deve prima tenere sotto controllo l’inflazione.

Le tasse della stessa famiglia di Sunak sono un punto dolente. E all’inizio di quest’anno sembrava che le sue aspirazioni per una carica più alta potessero essere svanite dopo rapporti che sua moglie aveva evitato milioni di tasse sui suoi guadagni esteri.

READ  Appello di Amber Heard - ultimo: nessun accordo poiché l'attore allude alla sfida della sentenza di Johnny Depp

Sunak, un ex pesante di Goldman Sachs, si è sposato molto ricco. Akshata Murthy, che ha incontrato a Stanford, è la figlia di NR Narayana Murthy, il miliardario indiano che ha fondato Infosys. La coppia è entrata nella lista del Sunday Times delle 250 persone più ricche della Gran Bretagna, con una fortuna congiunta stimata in 730 milioni di sterline, o circa 875 milioni di dollari.

La loro famiglia si è trasferita fuori dalla residenza ufficiale del cancelliere dello scacchiere in mezzo alla controversia fiscale ad aprile. Ma Sunak è rimasto ministro delle finanze del paese, fino a quando le sue stridenti dimissioni Questo mese ha lanciato la rivolta contro Johnson.

L’ultimo scandalo di Boris Johnson provoca le dimissioni dei massimi ministri

Truss non ha parlato contro Johnson fino a quando non è stato chiaro che la situazione era cambiata.

È la prima segretaria degli esteri Tory della Gran Bretagna, che – in un’eco di Hillary Clinton – dice di essere pronta a guidare il paese.dal primo giorno.”

Se vincesse, sarebbe la terza volta che il Partito conservatore mette una donna nella più alta carica del paese, dopo le premiership di Margaret Thatcher e Theresa May.

Truss ha ricevuto elogi per il suo sostegno all’Ucraina ed è stata oggetto di critiche da parte della Russia.

Sebbene si sia opposta alla Brexit nel referendum del 2016, da allora si è rammaricata per quel voto ed è stata una voce di spicco per l’argomento secondo cui la Gran Bretagna ha bisogno di riscrivere le disposizioni sull’Irlanda del Nord nel suo accordo commerciale post-Brexit. È un’appassionata liberatrice di mercato.

READ  La strategia cinese riguarda l'ordine basato su regole, non la "nuova guerra fredda", afferma Blinken

Sunak è stato il capofila nella prima fase parlamentare del concorso, vincendo ogni round. Ora, però, mentre i due finalisti si presentano agli attivisti, i sondaggi suggeriscono che è il perdente. UN Sondaggio YouGov dei membri conservatori pubblicati martedì ha scoperto che Sunak avrebbe perso contro Truss. Lei è anche la il preferito degli allibratori.

Ma gli esperti dicono che la gara rimane imprevedibile. Il Telegrafo Il giornale, che è strettamente allineato con i conservatori, ha avvertito che questa gara di leadership sarebbe stata la “più cattiva” nella storia del partito. In un dibattito televisivo lo scorso fine settimana, i candidati si sono strappati dei pezzi l’uno dall’altro.

“Liz, in passato sei stata sia una liberaldemocratica che una Remainer”, ha detto Sunak a Truss a un certo punto. “Mi stavo solo chiedendo quale di cui ti sei pentito di più?”

Truss ha detto di non essere “nata nel Partito conservatore” – che i suoi genitori erano “attivisti di sinistra e da allora ho intrapreso un viaggio politico”. Ha aggiunto di essere diventata conservatrice dopo aver visto “i bambini della mia scuola delusi”. A differenza di Sunak, non ha frequentato un costoso collegio.

I due trascorreranno l’estate – pranzi sui campi da golf, centri congressi, incontri discreti con i donatori – facendo i loro campi.

Nel frattempo, Johnson darà un lungo addio. Mercoledì ha detto addio alla Camera dei Comuni e ai suoi colleghi legislatori che gli hanno dato lo stivale: “Voglio ringraziare tutti qui, e hasta la vista, baby!”

Seriamente, quelle furono le sue ultime parole, prendendo in prestito lo slogan reso popolare da Arnold Schwarzenegger nel film “Terminator 2”.

Riffing sulla prematura dichiarazione di vittoria del presidente George W. Bush in Iraq, Johnson ha dichiarato la sua eredità: “Missione ampiamente compiuta”.

READ  La Corte Suprema limita la capacità dell'EPA di combattere il cambiamento climatico

Era adatto? Era sciocco? Era… geniale? Johnson, un farabutto seriale a cui piace il ruolo di intrattenitore dopo cena, ha conquistato il cuore della sua festa e del paese con queste battute.

E non dimenticare che Schwarzenegger fu eletto governatore della California, non una ma due volte.

Johnson sta uscendo. Ma molti nelle sale di Westminster prevedono che un giorno potrebbe rimontare.

Quale futuro per Boris Johnson? Libri, rubriche, discorsi, ritorno?

Non è stato un addio cupo da parte sua mercoledì, ma tutta la superficie, tutti i punti di discussione, tutti i più grandi successi, consegnati con pugni e l’elocuzione ad alta velocità tipica del primo ministro.

La Camera dei Comuni era gremita e ruggente, piena dei soliti insulti e punteggi, come è tipico nella sessione settimanale nota come Prime Minister’s Questions, una gara di gladiatori per oratori diplomati a Oxford e Cambridge.

C’era raglio, c’era stridio, c’era “saltellando da una posizione sedentaria”, come lo definì un leggendario oratore della Camera.

Johnson era al posto del primo ministro alla “cassetta dei dispacci” per quello che ha definito “probabilmente, certamente” il suo ultimo maltrattamento verbale.

Al termine delle sue osservazioni, diede questo consiglio al suo successore:

“Stai vicino agli americani, difendi gli ucraini, difendi la libertà e la democrazia ovunque”.

Chi sarà il prossimo primo ministro del Regno Unito? Cosa sapere sui candidati.

E anche: “Taglia le tasse e deregolamenta ovunque puoi per rendere questo il posto migliore in cui vivere e investire”.

“Concentrati sulla strada ma ricorda sempre di controllare lo specchietto retrovisore”, ha detto il primo ministro.

“E ricorda, soprattutto, non è Twitter che conta. Sono le persone che ci hanno mandato qui”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *