RNC si ritira dalla Commissione sui dibattiti presidenziali

Giovedì il Comitato nazionale repubblicano ha votato all’unanimità a favore del ritiro dalla Commissione sui dibattiti presidenziali.

Cosa stanno dicendo: “La Commissione per i dibattiti presidenziali è di parte e si è rifiutata di attuare riforme semplici e di buon senso per garantire dibattiti equi, incluso ospitare dibattiti prima dell’inizio delle votazioni e selezionare moderatori che non hanno mai lavorato per i candidati sul palco del dibattito”, ha affermato la presidente dell’RNC Ronna McDaniel in un comunicato stampa.

  • “Oggi, l’RNC ha votato per ritirarsi dal CPD di parte e troveremo piattaforme di dibattito più nuove e migliori per garantire che i futuri candidati non siano costretti a passare attraverso il CPD di parte per presentare la loro causa al popolo americano”, lei ha aggiunto.
  • “I dibattiti sono una parte importante del processo democratico e l’RNC è impegnato in dibattiti liberi ed equi”.

La grande immagine: Il Partito Repubblicano da quasi un decennio si lamenta che la commissione di dibattito senza fini di lucro – che si è definita apartitica – abbia favorito i Democratici, secondo il New York Times.

  • L’anno scorso, McDaniel ha avvertito il CPD che l’RNC avrebbe consigliato ai futuri candidati repubblicani di non partecipare ai dibattiti ospitati dal CPD a meno che non fossero state apportate “riforme significative”.
  • A gennaio, l’RNC ha ribadito la propria posizione di inviando una lettera al CPD minacciando di bloccare i futuri candidati presidenziali del GOP dai dibattiti sanzionati se non verranno fatte “riforme significative”.
READ  Rep. del Nebraska Jeff Fortenberry ritenuto colpevole di aver mentito all'FBI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *