Serena Williams continua a giocare in singolo agli US Open con la vittoria sul numero 1 del mondo. 2 Annette Kontaveit

“Dopo aver perso il secondo set, ho pensato: ‘Oh, mio ​​Dio, devo fare del mio meglio perché potrebbe essere questo'”, ha detto Williams a ESPN in un’intervista in campo post-partita.

La Williams ha avuto un aspetto migliore rispetto alle partite precedenti quest’anno, dove stava ancora cercando di scrollarsi di dosso la ruggine di un lungo licenziamento.

Nel mondo n. 2 Kontaveit, invece, Williams ha affrontato una prova molto più severa ed è stato senza dubbio lo sfavorito sulla carta ma non certo con il full house all’Arthur Ashe Stadium.

Una folla chiassosa ma ben educata l’ha acclamata in ogni suo punto.

Ha fatto riferimento al lungo licenziamento nella sua intervista mercoledì, ma ha detto: “Adoro le sfide”.

La Williams affronterà prossimamente l’australiana Ajla Tomljanovic nel terzo round. Tomljanovic, che mercoledì giocava contemporaneamente alla Williams, ha sconfitto la russa Evgeniya Rodina 1-6, 6-2, 7-5.

E Williams non suona solo in singolo; aprirà il gioco di doppio con sua sorella Venus Williams giovedì sera.

“Ho bisogno di più partite”, ha detto a ESPN. “Adoro raccogliere le sfide. Sì, non ho giocato molte partite, ma mi sono allenato molto bene. Nelle mie ultime partite, semplicemente non andavano insieme. Dico, questo non è me.”

Le cose sono cambiate da quando ha iniziato a giocare all’Open, ha detto.

Ha iniziato a suonare in singolo Lunedì con una vittoria per 6-3 6-3 su Danka Kovinić del Montenegro. Era la terza partita di Williams dall’annuncio sulla rivista Vogue si “evolverà lontano dal tennis” dopo gli US Open.

“Non mi è mai piaciuta la parola pensione. Non mi sembra una parola moderna. Ho pensato a questo come a una transizione, ma voglio essere sensibile su come uso quella parola, il che significa qualcosa di molto specifico .e importante per una comunità di persone”, ha detto Williams nell’articolo di Vogue pubblicato all’inizio di questo mese.

READ  La Russia prende a pugni l'Ucraina con missili e attacchi di droni, ferendo civili

“Forse la parola migliore per descrivere quello che sto facendo è evoluzione. Sono qui per dirti che mi sto evolvendo lontano dal tennis, verso altre cose che sono importanti per me”, ha detto.

Alla conferenza stampa post-partita di lunedì, alla Williams è stato chiesto se questo fosse sicuramente il suo ultimo torneo.

“Sì, sono stato piuttosto vago al riguardo, giusto?” Lo disse con un sorriso. “Rimarrò sul vago perché non si sa mai.”

La vittoria del round di apertura su Kovinić è stata la migliore che Serena Williams abbia mai guardato da quando è tornata dall’infortunio. È riuscita a vincere solo una partita da quando è tornata sul circuito a giugno e non è riuscita ad avvicinarsi alla forma che l’ha aiutata a vincere il suo ultimo titolo del Grande Slam nel 2017.

Sebbene la Williams fosse ancora lontana da quel livello nella vittoria di lunedì su Kovinić, le avrà sicuramente dato la speranza che il suo ultimo ballo agli US Open potesse essere prolungato.

Una delle più grandi tenniste di sempre, Williams ha vinto 23 titoli del Grande Slam in singolo e sei volte gli US Open, l’ultima nel 2014. Ora che ha 40 anni, la carriera della Williams chiuderà il cerchio come la sua ultima partita, in qualunque il round che risulta essere — si giocherà nel luogo della prima delle sue vittorie in singolo del Grande Slam, gli US Open del 1999.

Poi appena un adolescente, Williams è entrato in scena per stordire il mondo n. 1 Martina Hingis in finale e ha posto il primo trampolino di lancio verso due decenni di dominio.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la guerra della Russia in Ucraina

Kontaveit è una stella nascente

Dopo che Kontaveit ha vinto il suo primo titolo a livello di Tour nel 2017, il suo vero anno di successo è arrivato nel 2021 quando ha vinto quattro tornei WTA per scalare la classifica.

Un giocatore aggressivo con un gioco vario e un dritto potente, Kontaveit è entrato per la prima volta nella top 10 del mondo nel novembre 2021 e da allora è stato un pilastro.

Si trova a una classifica in carriera di n. 2 – il punteggio più alto nella storia per un’estone – e all’età di 26 anni cercherà sicuramente di migliorare la sua migliore prestazione in un Grande Slam, un’apparizione ai quarti di finale agli Australian Open 2020.

Kontaveit è sembrata impressionante nella sua vittoria agli US Open nel turno di apertura contro la rumena Jaqueline Cristian, perdendo solo tre partite, e dopo la sua vittoria ha detto che stava “tifando” per la Williams nella sua partita del primo turno ed è “davvero entusiasta” di giocare contro suo.

“Non ho mai giocato contro di lei. Voglio dire, questa è l’ultima possibilità”, ha detto ai giornalisti. “Meglio tardi che mai.

“Sono davvero eccitato. Penso che l’atmosfera sarà fantastica. Non vedo l’ora di farlo”.

Steve Almasy della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *