Tre accusati dell’omicidio di Whitey Bulger, affermano i pubblici ministeri federali

Commento

Tre uomini sono stati incriminati per l’omicidio di James “Whitey” Bulger, il famigerato gangster di Boston che è stato picchiato a morte nel 2018 mentre stava scontando l’ergastolo in una prigione del West Virginia, hanno detto giovedì i pubblici ministeri federali.

Fotios Geas, 55 anni, Paul J. DeCologero, 48 anni, e Sean McKinnon, 36 anni, sono stati entrambi accusati di cospirazione per commettere omicidio di primo grado, insieme a molti altri crimini. Le accuse arrivano quasi quattro anni dopo che Bulger è stato trovato insensibile e gravemente picchiato al penitenziario statunitense Hazelton a Bruceton Mills, Virginia Occidentale. Aveva 89 anni.

di Bulger regno sanguinario come il gangster più brutale di Boston ha attraversato tre tumultuosi decenni. Era un informatore dell’FBI, reclutato per spiare i suoi rivali mafiosi, e in seguito è atterrato nella lista dei più ricercati dell’FBI dopo essere fuggito prima di un imminente atto d’accusa del gran giurì. Durante il suo periodo come latitante, Bulger ha sollecitato un’indagine del Congresso e ispirato I cattivi di Hollywood. Ha trascorso più di 16 anni in fuga prima di essere arrestato in California.

Bulger ha ricevuto ergastoli consecutivi per il suo ruolo in 11 omicidi e 31 conteggi di racket, ed è stato inizialmente incarcerato in Florida. È stato trasferito a Hazelton nell’ottobre 2018 ed è stato ucciso meno di 24 ore dopo il suo arrivo. sollevando domande sul motivo per cui è stato spostato e se è stato fatto abbastanza per garantire la sua sicurezza dopo essere stato collocato nella popolazione generale di una delle prigioni più violente della nazione.

READ  I comandanti di Washington commerciano con il QB Carson Wentz dei Colts di Indianapolis, affermano le fonti

Geas e DeCologero sono accusati di aver colpito ripetutamente Bulger alla testa – i colpi che hanno causato la sua morte – e devono affrontare ulteriori accuse di favoreggiamento in omicidio di primo grado e aggressione con conseguenti gravi lesioni personali. Geas è stato accusato separatamente di omicidio da parte di un detenuto federale che scontava l’ergastolo e McKinnon è stato accusato di aver rilasciato false dichiarazioni a un agente federale.

Geas e DeCologero sono entrambi ancora in una prigione federale, mentre McKinnon era in libertà vigilata quando è stato incriminato, hanno detto i pubblici ministeri. Giovedì è stato arrestato in Florida.

Bulger stava usando una sedia a rotelle al momento della sua morte e i filmati di sorveglianza della prigione hanno catturato due uomini che lo guidavano fuori vista, hanno detto le autorità. Fuori dalla telecamera, secondo quanto riferito, è stato picchiato con un lucchetto infilato in un calzino. Nei resoconti dei media dopo l’omicidio, le forze dell’ordine hanno descritto un brutale assalto: Bulger era “irriconoscibile”, uno ha detto; i suoi occhi erano quasi cavati, secondo altri.

Fu una delle numerose morti violente di prigionieri nella struttura quell’anno e l’omicidio di alto profilo attirò un maggiore controllo su quello di Hazelton. storia dei reclami di personale inadeguato e mancanza di controllo. In quanto collaboratore di lunga data dell’FBI, Bulger aveva un bersaglio sulla schiena e la sua famiglia creduto fu “deliberatamente messo in pericolo”.

Essi archiviato una causa per omicidio colposo contro il Dipartimento di Giustizia nel 2020, affermando che Bulger era “forse il detenuto più famigerato e famoso” dai tempi di Al Capone e accusando i funzionari di non proteggerlo a sufficienza. Un giudice federale respinto la tuta all’inizio di quest’anno.

READ  Boris Johnson visita Kiev in occasione del Giorno dell'Indipendenza dell'Ucraina

Un legale della Geas non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulle accuse di giovedì, e non è stato subito chiaro se DeCologero e McKinnon avessero una rappresentanza legale.

Secondo gli atti del tribunale rivisto del Washington Post nel 2018, Geas, che si chiamava Freddy, stava scontando l’ergastolo dopo due condanne per omicidio ed era un socio con sede nel Massachusetts della famiglia criminale genovese di New York. Dopo che Geas è stato nominato sospettato della morte di Bulger, un investigatore privato che ha lavorato con lui ha detto al Boston Globe: “Freddy odiava i topi”.

Paul Duggan, Peter Hermann e Amy Brittain hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *