Trump ha premuto, minacciato Pence di ribaltare le elezioni, ascolta la giuria

WASHINGTON, 16 giugno (Reuters) – L’ex presidente Donald Trump ha fatto pressioni sul suo vicepresidente, Mike Pence, per ribaltare la sua sconfitta elettorale del 2020 nonostante gli fosse stato ripetutamente detto che era illegale farlo, hanno detto gli assistenti di Pence al comitato del Congresso che ha indagato sul 16 gennaio 2020. 6, 2021, attacco al Campidoglio degli Stati Uniti giovedì.

I membri del comitato ristretto della Camera dei rappresentanti a guida democratica hanno affermato che Trump ha continuato la sua campagna di pressione anche se sapeva che una folla violenta di suoi sostenitori stava minacciando il Campidoglio mentre Pence e i legislatori si sono incontrati per certificare formalmente la vittoria del presidente Joe Biden alle elezioni del novembre 2020.

Il comitato di nove membri ha utilizzato le prime tre di almeno sei udienze pubbliche di questo mese per costruire un caso secondo cui gli sforzi di Trump per ribaltare la sua sconfitta equivalevano a una condotta illegale, ben oltre la normale politica.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Trump ha ripetutamente negato di aver commesso illeciti, pur ripetendo le sue false accuse di aver perso le elezioni solo a causa della diffusa frode di cui ha beneficiato il democratico Biden. Trump e i suoi sostenitori – inclusi molti membri repubblicani del Congresso – respingono il gen. 6 pannello come una caccia alle streghe politica.

Il voto di certificazione del gen. 6 era diventato un punto focale per Trump, che lo vedeva come l’ultima possibilità di mantenere la presidenza nonostante la sua sconfitta alle urne.

READ  Neil Young afferma che lo staff di Spotify dovrebbe "andare fuori dal posto prima che ti divori l'anima"

Marc Short, che era il capo dello staff di Pence, ha dichiarato in una testimonianza videoregistrata che Pence ha detto a Trump “molte volte” che non aveva l’autorità per fermare la certificazione del voto al Congresso come richiesto dal presidente repubblicano.

Gregory Jacob, un avvocato di Pence, ha detto che il principale sostenitore di quella teoria, l’avvocato John Eastman, ha ammesso davanti al presidente due giorni prima dell’attacco che il suo piano per far fermare la procedura da parte di Pence violerebbe la legge.

Eastman aveva sostenuto che Pence poteva rifiutare i risultati di alcuni stati se pensava che fossero illegittimi, dando ai repubblicani in quegli stati l’opportunità di dichiarare Trump il vincitore nonostante il conteggio dei voti effettivo.

I consiglieri di Pence hanno detto al comitato che l’idea non aveva basi legali.

“È mozzafiato che anche queste argomentazioni siano state concepite, per non parlare del presidente degli Stati Uniti”, ha affermato l’ex giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti J. Michael Luttig, un consigliere informale di Pence.

È ampiamente previsto che Trump si candidi di nuovo alla presidenza nel 2024 e i membri del comitato e i testimoni hanno avvertito che non avrebbe accettato la sconfitta, indipendentemente dal risultato effettivo.

READ  Le ultime ore di Bob Saget raccontate in New Doc, il gioco scorretto escluso

“Oggi, quasi due anni dopo quel fatidico giorno del gennaio 2021, Donald Trump, i suoi alleati e sostenitori rappresentano ancora un pericolo chiaro e presente per la democrazia americana”, ha affermato Luttig.

Il comitato ha mostrato un’e-mail che Eastman ha inviato all’avvocato di Trump, l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani, chiedendo la grazia presidenziale. Eastman non ne ha mai ricevuto uno.

‘HANG MIKE PENCE’

L’udienza ha caratterizzato diverse clip agghiaccianti di alcune delle migliaia di sostenitori di Trump che sono scesi in Campidoglio dopo una manifestazione in cui Trump ha ripetutamente criticato Pence, gridando che Pence fosse tirato fuori dall’edificio o impiccato.

Trump ha twittato alle 14:24, mentre l’attacco era in corso, che Pence non ha avuto il “coraggio” per fermare il conteggio.

“Sembrava che stesse versando benzina sul fuoco twittando questo”, ha detto Sarah Matthews, una dipendente di Trump alla Casa Bianca, nella testimonianza video.

Il rappresentante Pete Aguilar ha detto che un testimone ha detto al Federal Bureau of Investigation che i Proud Boys, uno dei gruppi di destra che partecipano all’attacco al Campidoglio, hanno detto che il gruppo avrebbe ucciso Pence se fossero stati in grado di raggiungerlo.

I membri del comitato hanno affermato che i commenti di Trump contro Pence hanno incitato la folla.

Il comitato ha mostrato le foto di Pence che si rifugiava sul posto durante la rivolta. Jacob, che era con Pence durante l’attacco, ha detto di essersi rifiutato di andarsene e di non voler dare ai manifestanti la soddisfazione di costringerlo a lasciare l’edificio. “Il vicepresidente non voleva correre il rischio che il mondo vedesse il vicepresidente degli Stati Uniti fuggire dal Campidoglio degli Stati Uniti”, ha detto.

READ  Aggiornamenti in tempo reale Russia-Ucraina: Mosca ordina truppe nelle regioni separatiste

L’attacco al Campidoglio ha ritardato di ore la certificazione delle elezioni, ha ferito più di 140 agenti di polizia e ha provocato diversi morti.

Anche dopo che la polizia aveva represso l’attacco e rivendicato il Campidoglio, Eastman ha continuato a fare pressioni sulla squadra di Pence per ribaltare il voto.

“Vi imploro un’ultima volta, può il vicepresidente, per favore, fate quello che gli abbiamo chiesto di fare in questi ultimi due giorni: sospendere la sessione congiunta e rispedirla negli Stati Uniti”, ha scritto Eastman a Jacob alle 11:44 pm in una e-mail rilasciata dal comitato.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazioni di Patricia Zengerle, Richard Cowan e Doina Chiacu; Rapporti aggiuntivi di Katherine Jackson; Montaggio di Andy Sullivan e Alistair Bell

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *