Un morto, dozzine di feriti mentre i forti venti causano il crollo del palco al festival in Spagna

CULLERA, Spagna, 13 agosto (Reuters) – Una persona è rimasta uccisa e dozzine sono rimaste ferite sabato quando i forti venti hanno causato il crollo di parte del palco principale durante un festival di musica dance vicino alla città spagnola di Valencia, secondo quanto riferito dai servizi di emergenza.

Anche altre infrastrutture sono state danneggiate quando le raffiche hanno colpito il Medusa Festival, un enorme festival di musica elettronica che si è tenuto per sei giorni nella città di Cullera, sulla costa orientale.

Trentadue persone sono state portate in ospedale e tre sono rimaste lì sabato pomeriggio, hanno detto le autorità sanitarie regionali.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Gli organizzatori hanno dichiarato che avrebbero annullato il resto del festival per la sicurezza dei partecipanti.

“Siamo completamente devastati e rattristati per quello che è successo questa mattina”, hanno detto gli organizzatori in precedenza sulla pagina Facebook del festival, aggiungendo che le condizioni meteorologiche “estreme” hanno causato danni a varie infrastrutture sul sito del festival.

“Verso le quattro del mattino forti venti inaspettati e violenti hanno distrutto alcune aree del festival, costringendo la direzione a prendere la decisione immediata di lasciare l’area del concerto per garantire la sicurezza dei partecipanti, dei lavoratori e degli artisti”, hanno affermato gli organizzatori.

Il festival, in cui sabato avrebbe dovuto suonare il DJ francese David Guetta, aveva programmato per i DJ di suonare per tutta la notte di venerdì su cinque palchi. Il DJ Miguel Serna era sul palco principale per il suo set dalle 3:00 alle 4:00 quando si è verificato l’incidente.

“Sono stati alcuni minuti tesi, non ho mai provato niente di simile prima”, ha scritto su Instagram.

“La tragedia è avvenuta proprio alla fine della mia seduta sul palco principale, proprio sotto di esso, che era l’area più colpita. Sono stati alcuni momenti di orrore, sono ancora sotto shock”.

L’agenzia meteorologica nazionale AEMET ha affermato che ci sono state “forti raffiche di vento e un improvviso aumento delle temperature” durante la notte, con raffiche di 82 km/h (51 mph) registrate all’aeroporto di Alicante nella regione di Valencia.

“Improvvisamente c’era molto vento, aria molto calda, tutta la sabbia ha iniziato a muoversi, abbiamo visto le tende volare”, ha detto un partecipante al festival, chiamato solo come Laura.

“La gente ha iniziato a venire dai concerti e secondo quello che ci hanno detto, parti del palco, il legno, sono state spazzate via, è stato il caos”.

L’emittente nazionale TVE ha mostrato immagini di forti raffiche di vento che sbattono contro le tende delle persone e le tende dei festival nel cuore della notte, mentre le persone si schermavano gli occhi dalle condizioni simili a quelle di una tempesta di sabbia.

“Siamo sotto shock perché eravamo a 30 metri (dal palco). Potevo essere io, poteva essere chiunque”, ha detto a TVE Jesus Carretero, che era al festival con suo fratello.

Reportage aggiuntivo di Jessica Jones ed Elena Rodriguez Scrittura di Jessica Jones Montaggio di Kirsten Donovan, Ross Russell e Frances Kerry

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *