Uragano Fiona: la tempesta potrebbe essere un “evento meteorologico estremo” mentre si dirige verso il Canada orientale, avvertono i meteorologi

È sulla buona strada per essere un “evento meteorologico estremo” nel Canada orientale, che minaccia forti venti, pericolose mareggiate e circa due mesi di precipitazioni, hanno avvertito venerdì pomeriggio i meteorologi del Canadian Hurricane Center. E alcune parti, come la Canadian Maritimes, probabilmente inizieranno a risentire degli effetti venerdì sera, ha affermato il centro.

“Questo potrebbe essere un evento fondamentale per il Canada in termini di intensità di un ciclone tropicale” e potrebbe persino diventare la versione canadese della tempesta Sandy, ha affermato Chris Fogarty, manager del Canadian Hurricane Center. L’uragano Sandy ha colpito 24 stati e tutta la costa orientale, causando danni stimati per 78,7 miliardi di dollari.

Funzionari della Nuova Scozia e dell’Isola del Principe Edoardo canadesi hanno esortato coloro che si trovano sul percorso della tempesta a stare in allerta e prepararsi all’impatto dell’uragano, che ha già causato la morte di almeno cinque persone e ha interrotto l’alimentazione per milioni di persone questa settimana in quanto martoriato più isole caraibiche.

Fiona si è rafforzata fino a diventare una tempesta di categoria 4 all’inizio di mercoledì sull’Atlantico dopo aver superato Turks e Caicos, ed è rimasta tale fino a venerdì pomeriggio.

Il National Hurricane Center ha dichiarato nel suo avviso delle 20:00 ET che la tempesta si è leggermente indebolita ma ha comunque sferzato venti di forza di uragano che si estendono a più di 100 miglia dal suo centro e venti di tempesta tropicale che si estendono per più di 300 miglia.

Il suo centro era a circa 215 miglia a sud-est di Halifax venerdì sera.

“Sebbene sia previsto un graduale indebolimento nei prossimi due giorni, si prevede che Fiona sarà un potente ciclone da uragano quando si muoverà attraverso il Canada atlantico”, ha affermato il centro. disse.

Allarme uragano in alcune parti della Nuova Scozia

In Canada, erano in atto allarmi di uragani per la Nuova Scozia da Hubbards a Brule e in Terranova da Parson’s Pond a Francois. Anche l’Isola del Principe Edoardo e l’Isola della Madeleine sono sotto avviso.

“Ha il potenziale per essere molto pericoloso”, ha affermato John Lohr, il ministro responsabile dell’Ufficio per la gestione delle emergenze fo Nuova Scozia. “Si prevede che gli impatti si faranno sentire in tutta la provincia. Ogni neoscozzese dovrebbe prepararsi oggi”, ha aggiunto Lohr. durante un aggiornamento ufficiale Giovedì.

I residenti dovrebbero prepararsi a venti dannosi, onde alte, mareggiate costiere e forti piogge, che possono portare a interruzioni di corrente prolungate, ha affermato Lohr. I funzionari di emergenza hanno incoraggiato le persone a proteggere gli oggetti all’aperto, tagliare gli alberi, caricare i telefoni cellulari e creare un kit di emergenza di 72 ore.

READ  Putin concede la cittadinanza a Edward Snowden, che ha rivelato le intercettazioni statunitensi

L’area non vedeva una tempesta così intensa da circa 50 anni, secondo Chris Fogarty, manager del Canadian Hurricane Center.

“Per favore, prendilo sul serio perché stiamo vedendo numeri meteorologici nelle nostre mappe meteorologiche che raramente si vedono qui”, ha detto Fogarty.

La società di servizi pubblici Nova Scotia Power ha attivato venerdì mattina un Centro operativo di emergenza (EOC) che fungerà da area di coordinamento centrale per il ripristino e la risposta alle interruzioni, secondo un comunicato stampa.

L’azienda lavorerà anche a stretto contatto con l’ufficio di gestione delle emergenze della Nuova Scozia.

“Stiamo prendendo ogni precauzione e saremo pronti a rispondere all’uragano Fiona nel modo più sicuro ed efficiente possibile”, ha affermato nel comunicato Sean Borden, coordinatore capo della tempesta per Nova Scotia Power.

Francis Bruhm, Project Manager per l'appaltatore generale G&R Kelly, mette sacchi di sabbia intorno alle porte dell'edificio Nova Scotia Power prima dell'arrivo di Fiona ad Halifax il 23 settembre 2022.

‘Sarà brutto’

Andy Francis, un pescatore nel sud-ovest di Terranova, questa settimana si stava preparando alla tempesta, portando una barca fuori dall’acqua e legandone un’altra a un molo vicino.

“Questa volta sembra che tutti abbiano lo stesso consenso sul fatto che questo sarà brutto”, ha detto. Notizie CBC. Anche tutti gli altri nella zona, ha detto alla stazione, si stavano preparando per aiutare a “ridurre al minimo i danni”.

“Questo sarà un altro”, ha detto Francis alla CBC.

Attraverso il Canada atlantico, i venti potrebbero essere di circa 100 mph (160 km/h) poiché si prevede che Fiona si indebolirà un po’ prima di approdare in Nuova Scozia, hanno affermato i meteorologi della CNN Rob Shackelford e Taylor Ward.

I funzionari dell’Isola del Principe Edoardo hanno implorato i residenti di prepararsi al peggio mentre la tempesta incombe.

Tanya Mullally, che funge da capo della gestione delle emergenze della provincia, ha affermato che una delle preoccupazioni più urgenti per Fiona è la storica tempesta che dovrebbe scatenare.

“L’ondata di tempesta sarà sicuramente significativa. … Inondazioni che non abbiamo visto né possiamo misurare”, ha detto Mullally giovedì. durante un aggiornamento.

La modellazione del Canadian Hurricane Center suggerisce che l’impennata “a seconda dell’area, potrebbe essere compresa tra 1,8 e 2,4 metri (6-8 piedi)”, ha affermato Bob Robichaud, un meteorologo del centro.

READ  Tiger Woods dice che "al momento" ha intenzione di suonare in Masters

La parte settentrionale dell’isola è destinata a sopportare il peso maggiore della tempesta a causa della direzione dei venti, che probabilmente causeranno danni alla proprietà e inondazioni costiere, ha detto Mullally.

Tutti i campeggi provinciali, le spiagge e i parchi diurni, nonché lo Shubenacadie Wildlife Park, sono stati chiusi venerdì, ha affermato l’ufficio di gestione delle emergenze della Nuova Scozia.

Continuano le interruzioni di corrente di Fiona

All’inizio di questa settimana, Fiona ha danneggiato case e capovolto infrastrutture critiche per l’energia e l’acqua per milioni di persone in tutto Porto Rico, Repubblica Dominicana e Turks e Caicos.

Giorni dopo che Porto Rico ha subito un blackout in tutta l’isola quando Fiona è approdata domenica, solo il 41% dei clienti è stato ripristinato venerdì, secondo i dati dell’operatore della rete elettrica. LUMA Energia pubblicato sul sistema del portale di emergenza dell’isola.

L’interruzione di corrente di massa si sta verificando poiché gran parte di Porto Rico sopporta il caldo estremo, che ha causato temperature fino a 112 gradi giovedì, secondo il National Weather Service. Le temperature sono rimaste negli anni ’80 e ’90 venerdì, secondo il meteorologo della CNN Taylor Ward.

Molti in tutto il Porto Rico e nella Repubblica Dominicana non hanno ancora elettricità o acqua corrente mentre l'uragano Fiona si agita verso le Bermuda

Daniel Hernández, direttore dei progetti rinnovabili presso LUMA, ha spiegato che i luoghi critici, inclusi gli ospedali, avranno la priorità prima che le riparazioni possano iniziare a livello individuale.

“Questo è un processo normale. L’importante è che tutti siano calmi… stiamo lavorando per garantire che il 100% dei clienti abbia un servizio il prima possibile”, ha affermato Hernández.

E più di un quarto dei clienti dell’isola non aveva il servizio idrico o aveva un servizio intermittente, secondo il sistema del portale di emergenza.

Nancy Galarza esamina i danni inflitti dall'uragano Fiona alla sua comunità, rimasta isolata quattro giorni dopo che la tempesta ha colpito la comunità rurale di San Salvador nella città di Caguas, Porto Rico, giovedì.

Nella Repubblica Dominicana, Fiona ha colpito più di 8.00 famiglie e distrutto 2.262 case, secondo il capo delle operazioni di emergenza della nazione, il Mag. gen. Juan Méndez Garcia.

READ  Big Ten ottiene un nuovo mega accordo televisivo con Fox, NBC e CBS, ma non ESPN

Ha detto che più di 210.000 case e aziende erano ancora al buio giovedì mattina e altri 725.246 clienti erano senza acqua corrente.

“Questo è stato qualcosa di incredibile che non abbiamo mai visto prima”, ha detto alla CNN en Español questa settimana Ramona Santana a Higüey, nella Repubblica Dominicana. “Siamo per le strade senza niente, niente cibo, niente scarpe, vestiti, solo quello che hai addosso… Non abbiamo niente. Abbiamo Dio, e l’aiuto della speranza arriverà”.

Fiona ha anche minacciato parti di Turks e Caicos martedì, e aree del territorio britannico erano ancora senza potere all’inizio di questa settimana, in particolare su Grand Turk, South Caicos, Salt Cay, North Caicos e Middle Caicos, ha affermato Anya Williams, governatore ad interim del isole.

Allison Chinchar, Melissa Alonso, Ana Melgar Zuniga e Amanda Musa della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *