Warner Bros., Sony, Paramount e Disney Pull Films dalla Russia

Paramount, Disney, Warner Bros. e Sony hanno tutte ritirato le principali uscite dal calendario russo.

Aggiornamento 1 marzo, 16:05: La Universal ha sospeso l’uscita dei suoi film Russia, tra cui “Ambulance” di Michael Bay e il film d’animazione prodotto dalla DreamWorks “Bad Guys”. Il thriller di rapina “Ambulance” è interpretato da Jake Gyllenhaal e Yahya Abdul-Mateen II, mentre “Bad Guys” presenta i talenti vocali di Sam Rockwell, Marc Maron, Craig Robinson, Anthony Ramos e Awkwafina.

Aggiornamento 1 marzo: La Paramount ha anche ritirato due delle sue prossime uscite dal calendario in Russia martedì: “The Lost City” e “Sonic the Hedgehog 2”

“Mentre assistiamo alla tragedia in corso in Ucraina, abbiamo deciso di sospendere l’uscita nelle sale dei nostri film in uscita in Russia, tra cui “The Lost City” e “Sonic the Hedgehog 2”. Sosteniamo tutti coloro che sono stati colpiti dalla crisi umanitaria in Ucraina, Russia e nei nostri mercati internazionali e continueremo a monitorare la situazione mentre si evolve “, ha affermato un portavoce in una nota condiviso con Variety.

Sony ha seguito l’esempio e ha ritirato il rilascio di “Morbius” dalla Russia durante l’invasione. “Data l’azione militare in corso in Ucraina e la conseguente incertezza e la crisi umanitaria che si sta verificando in quella regione, metteremo in pausa le nostre previste uscite nelle sale in Russia, inclusa l’imminente uscita di Morbius”, ha detto lunedì un portavoce della Sony. “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con tutti coloro che sono stati colpiti e speriamo che questa crisi si risolva rapidamente”.

Aggiornamento 28 febbraio, 21:14 ET: Warner Bros. ha seguito l’esempio e ritirato “The Batman” dalla sua imminente uscita in Russia. Un portavoce di WarnerMedia ha dichiarato: “Alla luce della crisi umanitaria in Ucraina, WarnerMedia ha sospeso l’uscita del suo film ‘The Batman’ in Russia. Continueremo a monitorare la situazione mentre si evolve. Speriamo in una soluzione rapida e pacifica a questa tragedia”.

READ  I lupi si scrollano di dosso i guai per battere i Clippers, avanzano per affrontare Memphis nei playoff

Aggiornamento 28 febbraio, 19:38 ET: Mentre il mondo occidentale si raduna intorno all’Ucraina, applicando sanzioni aggressive che stanno paralizzando l’economia russa mentre Vladimir Putin invade la nazione europea, Hollywood ha dovuto affrontare decisioni difficili su come rispondere. In data odierna, Disney ha compiuto il passo più audace per sanzionare la Russia, sospendendo le uscite russe di tutti i suoi film in uscita, a cominciare da “Turning Red” della prossima settimana. In una dichiarazione rilasciata questo pomeriggio, la società ha affermato che non farà affari in Russia mentre l’invasione procede, scegliendo invece di concentrarsi sull’aiuto ai rifugiati ucraini.

“Data l’invasione non provocata dell’Ucraina e la tragica crisi umanitaria, stiamo mettendo in pausa l’uscita di film cinematografici in Russia, incluso il prossimo ‘Turning Red’ della Pixar”, ha affermato la società. “Prenderemo future decisioni aziendali in base alla situazione in evoluzione. Nel frattempo, data la portata dell’emergente crisi dei rifugiati, stiamo lavorando con le nostre ONG partner per fornire aiuti urgenti e altra assistenza umanitaria ai rifugiati”.

La mossa arriva dal momento che gran parte del mondo dello sport e dell’intrattenimento è entrato in azione per isolare la Russia dalla cultura pop globale. La Formula 1 ha cancellato il suo Gran Premio di Russia, che doveva tenersi questo settembre, e la FIFA e la UEFA hanno entrambe vietato alla Russia di partecipare a qualsiasi partita di calcio internazionale. Anche musicisti americani tra cui Green Day e AJR hanno cancellato i prossimi concerti in Russia e molti dei migliori locali di musica americani hanno promesso di smettere di servire la vodka russa.

La decisione della Disney segna la posizione più forte contro la Russia che l’industria cinematografica americana abbia preso dall’inizio dell’invasione. Tuttavia, il più grande film teatrale di questo mese dovrebbe ancora essere proiettato in Russia. Deadline riporta che la Warner Bros. non ha intenzione di ritirare “The Batman” dalla Russia quando il film uscirà nelle sale questo fine settimana, citando gli obblighi contrattuali e il fatto che il film è distribuito attraverso società private che non sono di proprietà dello stato.

READ  Il figlio del Senato O'Connor muore di 17 dispersi | Senato O'Connor

Resta da vedere come risponderanno gli altri studi o quanto durerà il boicottaggio russo della Disney. Altre uscite in arrivo dallo studio includono “Doctor Strange and the Multiverse of Madness” a maggio, “Lightyear” a giugno e “Thor: Love and Thunder” a luglio.

Iscrizione: Rimani aggiornato sugli ultimi film e notizie TV! Iscriviti alle nostre newsletter via e-mail qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *