Gazzetta Matin

Martedì 21 Gennaio 2020
L'immobile è stato abbandonato negli anni '80
Saint-Vincent: lo stato di degrado dell’ex tiro al volo
Saint-Vincent: lo stato di degrado dell’ex tiro al volo

Gazzetta Matin in edicola lunedì 20 gennaio riporta lo stato di degrado dell’ex tiro al volo di Saint-Vincent, una struttura abbandonata da più di 30 anni di proprietà della Regione.

«Qui la chiamiamo la casa di Pinky - spiega un residente -. Si tratta di un senza tetto molto conosciuto a Saint-Vincent. Vive lì da tantissimo tempo. Però mi è capitato di vedere alcuni gruppetti di giovani bivaccare lì e aggirarsi in zona».

Lo stato di abbandono della “casa di Pinky”

L’immobile ha tutti vetri in frantumi e la porta di accesso è divelta. Appena entrati, lo scenario è di completo degrado e abbandono: montagne di rifiuti di ogni tipo. In una stanza sono accumulati vari pezzi di mobili, in un’altra sono presenti tantissimi giocattoli schierati su una mensola.

Nel locale principale, qualche rifiuto generico a terra, vetri ovunque. In un angolo c’è anche un materasso sudicio e un insieme di giacche, probabilmente utilizzate come coperta da qualcuno.

Due stanze sono piene di oggetti bruciati e i segni di un incendio sono ancora ben visibili sulle pareti.

Nel locale più grande lo scenario è ancora più agghiacciante: immondizia, vestiti, scarpe e vecchie riviste creano una sorta di tappeto.

Insomma, l’immobile è completamente degradato e, vista la posizione isolata, la semplicità di accesso e la vicinanza con le ultime case della frazione, la questione fa storcere il naso a molti.

Dalla Regione: «Vogliamo venderlo per riqualificare la zona»

La dirigente del Dipartimento patrimonio dell’Assessorato regionale alle Finanze Stefania Magro spiega: «L’immobile, da qualche anno, è inserito nel Piano di alienazione e valorizzazione immobiliare. La Regione intende venderlo affinché si possa riqualificare la zona».

Su Gazzetta Matin in edicola da lunedì 20 gennaio e in replica digitale al prezzo 1,20 euro il servizio completo.

(federico donato)


Redazione
Condividi: