Gazzetta Matin

Giovedì 27 Febbraio 2020
Diciotto le nazioni che da 26 al 29 marzo si sfideranno in quattro giorni di gare ad altissimo livello
Skialp: 600 atleti al via del 20° Millet Tour du Rutor Extreme
Skialp: 600 atleti al via del 20° Millet Tour du Rutor Extreme

600 atleti al via del 20° Tour du Rutor. L'edizione 2020 è stata presentata oggi, giovedì 27 febbraio, ai 2180 metri della stazione del Pavillon di Skyway. La gara di scialpinismo a coppie è in programma dal 26 al 29 marzo. Il via sarà dato da La Thuile, che si appresta a ospitare la Coppa del Mondo di sci alpino. L'arrivo, dopo 100 chilometri e quasi 10.000 metri di dislivello positivo, avverrà ad Arvier, sede del team organizzatore, lo Sci Club Corrado Gex.


Tre comuni coinvolti dalla gara

Il direttore della corsa, la grande guida alpina di livello mondiale Marco Camandona, ha presentato le novità dell'edizione numero 20. Il percorso è stato allungato e coinvolge tre comuni: Arvier, Valgrisenche e La Thuile. Il Tour du Rutor, sponsorizzato da Millet e sostenuto dalla Regione Valle d’Aosta, fa parte del circuito de La Grande Course.


600 atleti al via del 20° Tour du Rutor

Sono 300 le squadre ammesse, per un totale di 600 atleti al via. Tutti gli ammessi sono stati attentamente selezionati dal comitato organizzatore. Le squadre femminili iscritte sono 19.

Junior e Cadetti gareggeranno solo sabato 28 e domenica 29, giorno in cui ci sarà anche una prova riservata agli Allievi.


I favoriti per la vittoria finale

Gli alpini azzurri del Centro Sportivo Esercito Matteo Eydallin e Nadir Maguet si dovrebbero giocare la vittoria finale con Didier Blanc e Valentine Favre, vincitori della Pierra Menta. Andranno tenuti d'occhio anche Jakob Herrmann-William Boffelli e Stefano Stradelli-Francois Cazzanelli.

Nella prova in rosa si preannuncia una grande lotta tra le svedesi Fanny Borgstrom-Emelie Forsberg e le azzurre Elena Nicolini-Martina Valmassoi. Terze incomode le francesi Valentine Fabre-Ilona Chavailaz e le spagnole Marta Riba-Nahai Quincoces.

(massimo altini)


Redazione
Condividi: