Gazzetta Matin

Martedì 28 Aprile 2020
L'Associazione civica chiede l'intervento di Presidenza della Regione e Prefettura affinché non si debba attendere il 18 maggio
Emergenza Coronavirus, Rinascimento Aosta: aprire il 4 maggio bar, ristoranti e negozi
Emergenza Coronavirus, Rinascimento Aosta: aprire il 4 maggio bar, ristoranti e negozi

L'Associazione Rinascimento Aosta chiede di aprire dal 4 maggio bar, ristoranti e negozi. Nel rispetto della sicurezza.

L'Associazione civica aostana:

  • ritenendo ulteriormente potenziabili le misure e i dispositivi difesa COVID-19 previsti per le attività già autorizzate all’apertura e quelle che lo saranno;
  • considerate le ingenti difficoltà economiche degli operatori della città e della Regione;
  • ritenendo prioritario salvaguardare le persone da ogni rischio di contagio

chiede alla Presidenza della Regione e alla Prefettura di apportare due modifiche al piano del Governo Conte per la Fase 2 Emergenza COVID 19 per la Valle d’Aosta.

Con decorrenza dal 4 maggio autorizzare:

  • le attività di bar e caffetteria purché se in spazi chiusi con distanza di minimo metri 2 tra ogni tavolino, posizionamento di parafiato tra i commensali al tavolo distanti comunque almeno un metro l’uno dall’altro, camerieri con guanti e visiere di plexi, no servizio al banco, no stazionamento in piedi, Gel a disposizione. Se all’aperto, autorizzazione d’ufficio senza passaggi amministrativi per i dehors della scorsa stagione, distanziamento dei tavoli min. metri due, camerieri con maschera plexi e guanti e consumatori con mascherina e guanti. Gel a disposizione. In entrambi i casi obbligo di sanificazione degli spazi con conegrina o alcol in un’ora di chiusura giornaliera.
  • tutti gli esercizi commerciali al dettaglio con accesso di una sola persona alla volta, commessi dotati di maschera plexi, parafiato alle casse e banconi, controllo di temperatura a inizio turno dei commessi e consumatori con mascherina e guanti. Gel a disposizione. Obbligo di sanificazione degli spazi con conegrina o alcol in un’ora di chiusura giornaliera.

«Sottolineano come come in materia di dispositivi siano proposte misure di prevenzione ancora più stringenti di quelle in essere», dicono i rappresentanti dell'Associazione.

Con decorrenza dal 4 maggio specificare e confermare (come previsto implicitamente dal Decreto Conte):

  • che l'attività fisica limitatamente al running e al walking individuali è consentita anche nei comuni valdostani confinanti con il proprio purchè con partenza dal proprio Comune e ritorno allo stesso, rispettando in ogni caso sempre la distanza di minimo metri due da eventuali altri soggetti in allenamento fisico.

(re.aostanews.it)


Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Redazione
Condividi: