Il Carmagnolese

Sabato 18 Aprile 2020
Grande successo su Facebook a Pancalieri per l'iniziativa "Io mi ricordo", album fotografico collettivo delle vite al tempo del Coronavirus.
"Io mi ricordo": Pancalieri fotografa le vite al tempo del Covid-19

"Un paese vuol dire non essere soli", sosteneva Cesare Pavese. E gli abitanti di Pancalieri lo stanno dimostrando in questi giorni, grazie ai social network e nonostante le restrizioni sociali imposte dal Coronavirus.

Sul gruppo Facebook "Sei di Pancalieri" è stata infatti lanciata l'iniziativa "Io mi ricordo", su proposta dell'ex presidente della Pro Loco, Franco Senestro, e ha subito trovato molti riscontri tra i pancalieresi.

"Comunque vada, questo periodo lo ricorderemo per tanto tempo -ha esordito Senestro nel suo messaggio postato su Facebook- Sarebbe carino se tutti quanti fossimo legati dal ricordo di una fotografia e magari tra qualche tempo, poter organizzare una mostra fotografica, sorridendo nel vedere come erano i nostri visi un pò strapazzati, capelli lunghi, pigiami, tute, barba lunga e ricrescita... il nostro mondo al tempo del Covid".

L'idea, tanto semplice quanto apprezzata dai pancalieresi, è stata quella di chiedere a tutti di postare sul gruppo una foto -singola, di coppia o con la famiglia- scrivendo "Io mi ricordo" e taggando il promotore Franco Senestro.

Il risultato? Un collage, vario e ancora in divenire, delle vite al tempo del Coronavirus, tra passatempi nel cortile di casa, lavoro, faccende domestiche (anche da parte del sindaco!), disegni, compleanni, compiti all'aperto, tele-lavoro, brindisi, attività fisica in casa o nel garage e tanto altro, spesso con un filo di allegria, ironia e speranza ad unire il tutto.

"Belli o brutti, prendiamo tutti -commenta Senestro, che provvede a "incollare" virtualmente tutte le foto sullo stesso sfondo- E, mi raccomando, l'invito a partecipare vale anche per i pancalieresi residenti all'estero ...provincia di Cuneo compresa!".



Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Redazione
Condividi: