Coldiretti Cuneo

Martedì 28 Aprile 2020
Coldiretti sollecita interventi straordinari alle Istituzioni regionali, nazionali e comunitarie
Crisi vino: dalla vendemmia verde alla flessibilità normativa, il piano di Coldiretti per evitare il fiasco nella Granda

A quattro mesi dall’inizio della vendemmia 2020, occorrono misure straordinarie a sostegno della vitivinicoltura della Granda. Le sollecita con forza Coldiretti, da settimane impegnata a portare istanze, presentare progetti e proporre soluzioni ai tavoli regionali, nazionali e comunitari – su quest’ultimo fronte anche grazie al canale del COPA-COGECA (rappresentanza delle Organizzazioni agricole a livello europeo) – per far fronte alla crisi senza precedenti delle cantine, con perdite fino all’80%, dovuta al blocco delle vendite all’estero, nella ristorazione e nei bar.

Coldiretti chiede di allocare in modo nuovo le risorse regionali del Programma Nazionale di Sostegno (PNS), oggi concentrate principalmente su promozione (50%) e ristrutturazione dei vigneti (35%), spostando temporaneamente l’attenzione verso altre misure, e di attingere a fondi extra regionali per non compromettere gli investimenti che le imprese stanno portando avanti con i fondi PSR e OCM.

La prima proposta Coldiretti riguarda la “vendemmia verde”, pratica mai attuata sulle nostre colline, che consiste nel distruggere i grappoli non ancora maturi per ridurre la resa dei vigneti e ripristinare l’equilibrio fra domanda e offerta di vino. Più precisamente, sul nostro territorio – spiega Coldiretti Cuneo – c’è bisogno di una vendemmia verde “selettiva”, che diminuisca i quantitativi dell’annata 2020 e ne garantisca la qualità senza imporre ai produttori la distruzione totale delle uve. Allo scopo occorre un contributo straordinario, a titolo di risarcimento per i viticoltori, differenziato Regione per Regione, anziché basato su una media nazionale che sarebbe insostenibile e inapplicabile per le aziende vitivinicole della Granda.

Altro strumento per contenere l’offerta, utile alle più grandi realtà vitivinicole e alle cooperative, è la distillazione volontaria, ossia la possibilità per i produttori di destinare il vino in giacenza alla distillazione, al fine di produrre alcol da disinfezione, oggi carente e del tutto ottenuto da prodotto d’importazione.

Coldiretti chiede, inoltre, di sostenere lo stoccaggio temporaneo privato e di agevolare l’acquisto di recipienti di cantina per i vini in giacenza che incontrano maggiori difficoltà di sbocco sul mercato e per quelli da invecchiamento.

Relativamente alla misura OCM Promozione Paesi Terzi, Coldiretti si è sin da subito attivata in sede ministeriale per chiedere misure straordinarie e deroghe per modificare calendari e tipologie di azioni, non avere penalizzazioni per spese non effettuate, incrementare la quota di aiuto, includere azioni anche nei Paesi UE e prorogare i termini.

“Si tratta di misure urgenti – dichiara Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo – indispensabili alla tutela di un comparto di eccellenza, cruciale per l’economia provinciale e regionale”. Un comparto che coinvolge 6.500 imprese, conta una superficie vitata di oltre 16.000 ettari, una produzione di quasi 1 milione di ettolitri e ben 18 DOC e DOCG che ricomprendono quasi 100 tipologie di vini, molto apprezzate oltre i confini nazionali per l’elevata qualità.

“È essenziale garantire liquidità alle imprese – rimarca Moncalvo – con interventi emergenziali e senza appesantimenti burocratici. Serve flessibilità normativa per la gestione delle misure del PNS al fine di non perdere risorse e per l’assunzione di manodopera, occorre prorogare i prossimi adempimenti in capo ai produttori vitivinicoli e posticipare le scadenze, superare vincoli oggi vigenti e investire fondi comunitari aggiuntivi per finanziare gli strumenti di accompagnamento e rilancio del settore. A tal proposito, ribadiamo che l’Italia deve farsi portatrice a livello comunitario di un piano di sostegno straordinario per un comparto così strategico per il Paese”.


Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Francesca Vinai
Condividi: