Agricoltura e Cibo

Mercoledì 06 Maggio 2020
Non servono certificazioni “virus free” per i prodotti italiani
Non servono certificazioni “virus free” per i prodotti italiani
Non servono certificazioni “virus free” per i prodotti italiani

Secondo un’indagine commissionata a Ixè, più di un’azienda italiana su due operante nel settore dell’esportazioni agroalimentari ha ricevuto disdette di ordini, a causa dei timori legati al diffondersi del Covid-19. Una preoccupazione che è arrivata addirittura a spingere alcuni Paesi a chiedere illogiche certificazioni sanitarie “virus free” sui prodotti italiani. L’export agroalimentare vale quasi 45 miliardi di euro ed è un elemento di traino per l’intero Made in Italy: per questo il Ministero si è impegnato in una campagna di comunicazione strategica a sostegno di tutto il settore.

«Dobbiamo far conoscere a tutto il mondo le bellezze del nostro paese, partendo da quelle della tavola. Bisogna ricostruire un clima di fiducia, superando le diffidenze», dicono dalle istituzioni.

Clicca qui per visitare il nostro sito ufficale.



Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Agricoltura e Cibo
Condividi: