Emmanuele

Lunedì 11 Maggio 2020
La quotidianità nella Comunità per minori Emmanuele ai tempi del Covid19
Comunità Emmanuele e Covid19

La comunità educativa Emmanuele trova la sua collocazione all'interno del Villaggio della Carità di San Rocco Castagnaretta e ospita attualmente 8 ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni.

I ragazzi, prima dell’emergenza del virus conducevano una vita simile a quella dei loro coetanei: andavano a scuola, facevano sport, partecipavano alla catechesi parrocchiale, avevano degli amici, incontravano i loro famigliari o,quando possibile, rientravano a casa nei fine settimana.

Come in tutte le case normali il virus ha bloccato tutto: ora sono chiusi in comunità da più di un mese. Le relazioni con l’esterno sono solo online.

Per fronteggiare l’emergenza è stato necessario un incremento del personale e la messa a disposizione di più computer per consentire il percorso scolatico a distanza; è stato necessario rivedere l’organizzazione della giornata, reimpostare i turni degli operatori in funzione della nuova quotidianità.

Il bisogno di tutelera il più possibile la salute dei ragazzi e degli operatori ha richiesto l’utilizzo di dispositivi di protezione, l’incremento del lavoro di pulizia e igienizzazione dei locali e il blocco di tutte le visite di esterni.

La casa nella quale trova collocazione la comunità purtroppo non è molto grande e da tempo la cooperativa sta valutando come ampliarla; non ci sono molti spazi per attività e anche le camere ospitano più ragazzi pertanto garantire il distanziamento necessario non è sempre possibile.

Tuttavia è doveroso anche valorizzare quanto di bello e di positivo si sta vivendo.

Intanto i nostri ragazzi possono godere di un’area esterna molto ampia che, quando il tempo è buono, supplisce molto bene alla carenza di spazi interni.

Ma l’aspetto che ci preme sottolineare è che le difficoltà che si vivono stanno mettendo in luce valori che prima si davano per scontati: la disponibilità e la “passione” degli operatori che si sono messi in gioco in questo momento di emergenza; l’appartenenza a gruppi e reti di solidarietà (il Villaggio della Carità, la Caritas Diocesana e la Pastorale del Lavoro) che si sono rivelati aiuti e sostegni importanti per sentirsi meno soli e confusi; ma anche l’aiuto inaspettato di tanti amici.

Brunella Dalmasso

 

 



Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Brunella Dalmasso
Condividi: