Imperia TV

Mercoledì 27 Maggio 2020
I giudici hanno evidenziato che lo stesso Matacena non aveva alcun ruolo all’interno di organizzazioni mafiose o segrete
PROCESSO BREAKFAST, NESSUNA AGEVOLAZIONE ALL’NDRANGHETA DA PARTE DI CLAUDIO SCAJOLA
PROCESSO BREAKFAST, NESSUNA AGEVOLAZIONE ALL’NDRANGHETA DA PARTE DI CLAUDIO SCAJOLA

L’ex ministro e attuale sindaco di Imperia Claudio Scajola non può essere accusato di aver messo in atto nessuna agevolazione all’Ndrangheta e ad associazioni massoniche o segrete. È quanto emerge dalle motivazioni che i giudici di Reggio Calabria hanno depositato relativamente alla sentenza del processo Breakfast, che ha visto la condanna, fra gli altri, dello stesso Scajola a due anni di reclusione per aver favorito l’inosservanza della pena da parte dell’ex deputato di Forza Italia Amedeo Matacena, condannato a tre anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa e tuttora latitante. I giudici hanno evidenziato che lo stesso Matacena non aveva alcun ruolo all’interno di organizzazioni mafiose o segrete e di conseguenza non vi può essere stato legame in questo senso nemmeno per gli altri imputati al processo. Oltre al sindaco di Imperia, i giudici di Reggio Calabria hanno condannato a un anno di reclusione anche a Chiara Rizzo, ex moglie di Matacena. Le pene erano state poi sospese. L’aggravante del sostegno ad un’associazione segreta era stato sollevato dal Pm Lombardo nel corso della sua requisitoria, ma è stato respinto dai giudici, così come in precedenza aveva fatto il Giudice per le indagini preliminari.


Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Imperia TV
Condividi: