A.N.I.

Lunedì 23 Settembre 2019
NORDIC WALKING A.N.I. Storia , evoluzione tecnica , effetti sul cammino : con o senza bastoncini .
NORDIC WALKING A.N.I.

Un breve excursus sul NORDIC . Storia ed il portare la comprensione , onde provare a dissipare i numerosi dubbi su cosa realmente sia .

Per maggior info : consultare il sito www.nordicwalking.it

Il nordic , nome coniato poi verso fine secolo scorso da uno studente di scienze motorie. Si perde nella notte dei tempi , da quando eravamo quadrupedi e tutt'ora non avendo completato l'evoluzione , l'uso dei bastoncini ci riporta quello che è venuto a mancare.

Recentemente ci porta agli anni 30del secolo scorso, come allenamento estivo x i fondisti. Un nostro atleta di ANGROGNA : willy bertin , campione di biathlon se ne avvaleva .

Dall'utilizzo x il fondo poi un fisioterapista della GERMANIA lo applica x il benessere .

Portato in ITALIA DAL MAESTRO DI SCI THOMMY SHOEPF , fondatore dell'attuale A.N.I. continuando a sviluppare la parte benessere.

Oggi si sono formate diverse associazioni , che si differenziano : dal livello sportivo sino ad utilizzarlo in competizioni .

Si possono vedere : sia in montagna che in pianura , persone con i bastoncini che si muovono utilizzando solamente avambracci e gambe ; questi attingono dalle : ABITUDINI MOTORIE . Si osserva e si imita e non si incontrano o non si vogliono ncontrare insegnanti adeguatamente preparati . Cosi non si raggiungono i benefici che una corretta riprogrammazione del cammino può portare . Ciò implica un cambiamento : abbandonare le cattive abitudini acquisite nel tempo e vincere resistenze .

Necessita x questo acquisire ABILITÀ MOTORIE che si attuano con il lavoro quotidiano . Abbiamo un coinvolgimento di ogni parte del nostrocorpo , si può praticare ovunque e andando a conoscere il corretto funzionamento dei nostri muscoli e articolazioni , verrà in parte mantenuto camminando senza bastoncini.

Sono PERITO MECCANICO , x questo attuo un lavoro meccanico sul funzionamento dei vari apparati ; lasciando a medici , fisioterapisti e altre figure le loro competenze.

Con un apposito attrezzino da me ideato , impariamo un lavoro di rilassamento e defaticamento ; alquanto utile x evitare cadute e traumi .

Non si può trascurare l'importanza di una corretta alimentazione , ma in questo caso il mio vuole solo essere uno stimolo . Essendo tutti diversi , necessita cibo adatto x ognuno di noi , ma ci si rivolge a persone con preparazione in scienze dell'alimentazione .

Si arriva in questo percorso all'aspetto meditativo e la più adatta , per mia esperienza è la VIPASSANA , che ci permette di percepire la REALTÀ cosi com'è.Essendo come il cammino : tecnica universale , è adatta a tutti.

Come poi sottolinea MARCELLA DANON (ecopsicologa ) : Stare all'aria aperta ci fa bene , perchè il nostro corpo , muovendosi nell'ambiente naturale , scarica elettricità statica , neutralizza tossine , dissolve ormoni dello stress , regolarizza la funzioni cardiocircolatorie . Gli innumerevoli benefici sono anche sul piano psicologico : scarichiamo emozioni , chiariamo la mente , rigeneriamo l'attenzione , prendiamo più efficacemente decisioni , elaboriamo soluzioni e idee.

In VAL PELLICE , trovate percorsi sul sito www.mappesentieri.it

Spero un pò vi abbia trsmesso il concettoche anche il benessere possa dipendere da noi.

Cordiali Saluti MARIO BORNO ISTRUTTORE NORDIC A.N.I.


Scarica l'App Community Smart sul tuo telefono per leggere altre notizie locali come questa.
Mario Borno
Condividi: